Home Food O’cuzzetiello: autentica prelibatezza della cucina napoletana

O’cuzzetiello: autentica prelibatezza della cucina napoletana

338
SHARE
Cuzzetiello napoletano autentica prelibatezza della cucina napoletana-1

O’cuzzetiello: autentica prelibatezza della cucina napoletana

O’cuzzetiello, il cuzzetiello napoletano, rappresenta un’autentica prelibatezza della cucina verace partenopea.

Nella bellissima città di Napoli, il cuzzetiello, ovvero la parte conclusiva di un saporito pezzo di pane di paese, è senza dubbio una delle pietanze piu amate della cucina verace partenopea. Ogni napoletano che si rispetti non può farne a meno, specialmente la domenica a pranzo, quando a tavola c’è il classico ragù. Infatti il cuzzetiello si gusta bagnato proprio nel ragù, pulendo il piatto con la classica scarpetta “lavapiatti”.

Cuzzetiello napoletano autentica prelibatezza della cucina napoletana-2

A Napoli non è domenica se ci manca il ragù ed il cuzzetiello di pane casareccio, da inzuppare in quel meraviglioso sugo preparato spesso e volentieri dalla nonna, con tanta dedizione  alle prime ore del giorno di festa. Tuttavia questa parte finale del pane. tanto appezzata dagli amanti della cucina napoletana, non si bagna esclusivamente nel ragù ma può essere gustato in tanti modi differenti. Esso infatti si può riempire con buone e succulenti specialità della cucina verace napoletana.

Si può mangiare con in mezzo, per esempio, la salsiccia fritta o al sugo, oppure con  salsicce e friarielli, o con polpetta fritta con tanto buon sugo e contorni di scarole, peperoni, zucchini alla scapece, melanzane a funghetto, funghi trifolati e che più ne ha più ne metta. In dialetto napoletano, o’ cuzzetiello, non è un semplice pezzo di pane da riempire con vari prelibatezze, ma è nu muorzo sapurite e nu criaturo che si sporca e rraù; ovvero un morso saporito di un bambino che si sporca le mani e la bocca con il ragù.

Cuzzetiello napoletano autentica prelibatezza della cucina napoletana-3

Si tratta,  insomma del ricordo delle vecchie abitudini della nonna la quale, la domenica mattina, prima di pranzo, ci preparava la pantagruelica “marenna” (merenda); pietanza sostanziosa e sempre apprezzata. La marenna non è una normale merenda, né un semplice panino, ma è un cult preparato con tanto amore dalle mamme e dalle nonne napoletane: un vero e proprio pasto completo concentrato, tuttavia, in un piccolo pezzo di pane cafone. O cuzzetiello è una cosa seria, È storia. E’ tradizione. È Napoli.

Melanzane a fungetiello, ricetta tutta partenopea immancabile a tavola

 

Rispondi