“Non esiste prova scientifica di rigidi standard sui fertilizzanti nei Paesi Bassi”.

Stabilire uno standard sui fertilizzanti

Giovedì la Camera dei Rappresentanti discuterà della politica olandese sui fertilizzanti e delle eccezioni. Cosa significa questo? Nei Paesi Bassi, Bruxelles ci consente di spargere una certa quantità di fertilizzante sul terreno. Questo è stato fissato a 170 kg di azoto per ettaro all'anno. Ma come è nato questo numero? spiega Jaap Schröder, che ha collaborato alla ricerca durante l'elaborazione della legislazione.

“Un membro della Commissione europea alla fine degli anni ’80 affermò, in modo del tutto errato, che esisteva una sorta di collegamento tra l’elevata densità di animali in diverse regioni d’Europa e l’elevata concentrazione di nitrati nelle acque sotterranee. E poi quest’uomo se ne rese conto animali di grandi dimensioni Bovini, una mucca di una certa taglia, questo è un buon standard per ridurre il livello di nitrati, e poi si è scoperto che una mucca così standard espelle 85 chilogrammi di azoto attraverso le feci e l'urina. Questa quantità di 85 chilogrammi è raddoppiata , con la produzione di 170 chilogrammi di fertilizzante per ettaro. Uno all'anno. “Questa norma non ha ulteriori prove”.

Tutti i Paesi Bassi sono considerati un’area sensibile ai nitrati

Schroeder spiega anche che gli Stati membri europei hanno dovuto attuarlo nelle cosiddette aree sensibili ai nitrati. All'epoca i Paesi Bassi classificarono l'intero paese come sensibile alla lisciviazione dei nitrati, motivo per cui in tutti i Paesi Bassi si applica lo standard di 170 kg. La Commissione Europea ha poi affermato che se fosse possibile dimostrare che alcune colture assorbono troppo azoto e che il suolo potrebbe convertire gran parte dell'azoto in prodotti innocui, si potrebbe presentare una domanda di eccezione. I Paesi Bassi godono ancora oggi di questa eccezione, ma rischiano di perderla.

READ  Ti sei rotto il braccio spontaneamente? "Chiedi al medico sull'osteoporosi" | Salute

Dopo la creazione dello standard, a Wageningen è stato condotto uno studio su larga scala di cui Schröder faceva parte. Si è esaminato se i 170 chilogrammi fossero giustificati nella situazione olandese. “La nostra conclusione è stata no.” Schroeder sottolinea che il Ministero ha dovuto poi elaborare un accordo strutturale basato su queste pubblicazioni invece del programma eccezionale ogni quattro anni. “A quanto pare ciò non è accaduto.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24