10 anni dopo: L'altra parte del cuore è bianca

Oggi sono dieci anni esatti dalla prima di “L'altro lato del cuore è bianco” davanti al pubblico del Feyenoord. Il film ha riempito le sale e ha raggiunto lo status cristallino esattamente in un cinema (Pathé de Kuip) nel tempo record di dieci giorni. Unico nel mondo del cinema. Possiamo dire in retrospettiva che qualunque cosa tu pensi del film: ha segnato l'inizio della resurrezione del Feyenoord.

Dieci anni dopo, abbiamo parlato con il regista Leonardo Panser di questo risultato unico.

Come ti è venuta l'idea di realizzare questo film?
“Nel periodo in cui il Feyenoord non era in una brutta situazione a livello sportivo e finanziario, ho pensato a fare qualcosa. Non potevo più sopportare di vedere il nostro club in così pessimo stato. Avevo già provato di tutto. Compresi i fuochi d'artificio per l'allenamento Ajax-Feyenoord: “Questa idea non era mai stata proposta prima perché non sembrava necessaria prima, ma il Feyenoord non è mai riuscito a vincere nel 020”.

Quei fuochi d'artificio prima di questo allenamento sarebbero stati d'aiuto?
“È stato tutto uno spreco di sforzi, perché il Feyenoord semplicemente non ha mai vinto. Il Feyenoord non era abbastanza bravo per vincere lì. Questi giocatori sanno cosa significa realmente il Feyenoord per noi? Il Feyenoord ha anche perso 10-0 contro il PSV Eindhoven in quel periodo. Jan de Knecht e Henk van den Dongen hanno parlato nello spogliatoio dei giocatori della loro mentalità. Tutti i giocatori sembravano persi. Era davvero surreale. I disordini di Maasgebouw che ebbero luogo un anno dopo rappresentarono un punto basso nella storia del club. Un dettaglio interessante in quel periodo non ero soddisfatto del TIFO, Joris van Benthem adesso mi maledirà (scusa Joris), ma durante la partita di semifinale contro l'FC Twente una volta ho pensato che sarebbe stata una buona idea accendere le torce e le luci stroboscopiche in al 12'. Quella partita è stata importantissima “Perché è stata l'unica nota positiva in quel periodo. Ho preso io l'iniziativa, tenendo presente che poteva costarmi l'espulsione dal campo. Ma pensavo che raggiungere la finale di coppa fosse così importante” che non mi importava di essere punito.”

Abbiamo vinto la partita 2-1, a te come è andata?
“L'operazione TIFO è andata come previsto e ha prodotto le immagini che speravo. Il Feyenoord ha vinto quella partita e ha raggiunto la finale contro l'Ajax, che doveva essere giocata su due gare, perché così hanno deciso il sindaco Abu Talib e il Triangolo. Il Feyenoord ha perso la finale di coppa “Nel 2010. Sono stato squalificato dal campo per un anno e mezzo. Dopo i disordini di Masgibo nel 2011, sapevo che la dirigenza del Feyenoord era in una situazione difficile”.

Questo ti ha fatto venire voglia di fare qualcosa di diverso dalle campagne aeree?
“Il gruppo Farkenord è stato fondato quando tifosi provenienti da diversi ceti sociali si sono riuniti per parlare di come far uscire il nostro amato club dalle difficoltà. Lì ho incontrato Henny Hoegen. Da tempo pensavo di realizzare un documentario sul Feyenoord. Ma come e cosa esattamente? Non ne ero ancora sicuro. “Ho raccontato a Henie la mia idea, e Henie mi ha suggerito di metterla su carta. Poi la palla ha cominciato a rotolare.”

Puoi raccontarci un po’ come è andata la produzione?
“Ho avuto il via libera dalla dirigenza del Feyenoord per girare con Brandon Bahn per due anni. C'era solo un problema: ero ancora in squalifica in campo. E tutto è finito poco prima della partita Feyenoord-Ajax, vinta dal Feyenoord 4 -2. Il piede è andato un po' nel panico quando mi sono reso conto che stavo camminando in campo con una telecamera durante la partita classica. Per me è stato uno dei momenti più speciali che ho potuto vivere. E ne ho vissuti alcuni, Posso dirvelo, ma finalmente qualcosa si può registrare quando il Feyenoord uscirà dal campo “con una vittoria sul suo acerrimo nemico, cosa che a quei tempi non era certa”.

Qual è stato il momento più bello durante la produzione?
“Nel 2013, il cerchio si è chiuso per me. Brandon mi ha filmato durante una competizione della divisione S in cui accendevo la torcia bianca e rossa. I tifosi di quella divisione non avevano idea di cosa stessi facendo lì. Ma per me, era quella scena, quella era la scena”. L'ultima del documentario è la più importante. Questo perché nel 2010 mi è stato vietato di entrare nello stadio nella stessa sezione S per accendere le torce. E il fatto che mi fosse permesso accendere quelle fiaccole ancora nel 2013, ma questa volta legalmente, hanno avuto per me un valore simbolico.

Anche tu hai avuto momenti brutti?
“La battuta d'arresto che ho vissuto io stesso, che spesso coincideva con il difficile percorso su cui si è trovato il Feyenoord, alla fine si è rivelata un progresso. Il Feyenoord è arrivato dal nulla per finire secondo quell'anno, cosa che io e Brandon abbiamo ottenuto magnificamente. E ora, dieci anni poi siamo tutti sulla buona strada, perché il Feyenoord ora è due volte campione nazionale, due coppe, due Johan Cruyff Shields e due finalisti della Conference League. E i tifosi? Quelli meritati si sono rivelati preziosi per me”.

L'altro lato del cuore è bianco è stato selezionato al Rotterdam Film Festival, al Dutch Film Festival e allo Sports Documentary Film Festival.

READ  The Eight Mountains ti porta in un viaggio emozionante verso le Alpi italiane incredibilmente crude, il cinema di oggi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24