751 bambini indigeni trovati in Canada: “un vergognoso promemoria del razzismo sistemico”

Peluche e fiori per le vittime nel cortile della Kamloops Residential School.Foto Reuters

La scioccante scoperta nel Saskatchewan è la “scoperta più importante”, con più bambini sepolti qui che in una tomba scoperta di recente vicino a un altro collegio.

Dopo che i resti di 215 bambini sono stati scoperti poche settimane fa vicino a un collegio a Kamloops, nella Columbia Britannica, le organizzazioni indigene e il primo ministro canadese Justin Trudeau hanno ipotizzato che questa fosse solo la punta dell’iceberg. Ciò ha confermato l’ultima scoperta mercoledì presso l’ex collegio Marival per bambini aborigeni. “La notizia (…) è davvero tragica, ma non è sorprendente”, ha detto su Twitter Berry Bellegard, un leader aborigeno.

La Federazione dei popoli indigeni sovrani del Saskatchewan ha discusso per la prima volta la notizia in privato con i sopravvissuti e i parenti giovedì mentre la comunità è rimasta scioccata dalla scoperta iniziale di una tomba a Kamloops.

Il primo ministro Trudeau ha definito la scoperta delle due tombe di giovedì un “vergognoso promemoria” del razzismo, della discriminazione e dell’ingiustizia sistemica che i popoli indigeni in Canada devono affrontare fino ad oggi. Secondo Trudeau, il Canada deve riconoscere la storia per “costruire un futuro migliore”.

Negligenza infantile istituzionale

La scoperta ha suscitato scosse in tutto il Canada, ma per i nativi americani, i nativi americani e gli Inuit in Canada, le tombe senza nome sono una conferma scioccante di qualcosa che conoscono da tempo dalla tradizione orale. Basandosi su storie di anziani e sopravvissuti, questa settimana l’originale Cowessess First Nation, usando un radar che può vedere fino a diversi metri sul terreno, ha trovato centinaia di resti in tombe non identificate vicino alla scuola Marieval, dove erano stati per anni. Negli anni ’90, centinaia di bambini aborigeni sono stati “civilizzati” ogni anno attraverso l’istruzione e la conversione al cristianesimo.

Una veglia per le vittime della Kamloops Indian Residential School, le cui tombe sono state ritrovate poche settimane fa.  Foto AFP
Una veglia per le vittime della Kamloops Indian Residential School, le cui tombe sono state ritrovate poche settimane fa.Foto AFP

Marieval era uno dei 139 collegi, guidati prevalentemente dalla Chiesa cattolica, dove almeno 150.000 bambini aborigeni furono costretti ad adattarsi alla cultura dei canadesi bianchi dal 19° secolo alla fine degli anni ’90. Gli abusi sessuali, gli abusi, la scarsa igiene e le malattie infettive erano così radicati che il sistema di imbarco era una forma di “abbandono istituzionale dei bambini”, una commissione nazionale d’inchiesta trovata nel 2015.

I giovani aborigeni che sono sopravvissuti ai tempi della scuola non solo hanno perso il contatto con i loro padri e compagni di tribù, ma hanno anche perso la loro lingua e cultura, un motivo importante per la loro privazione, secondo le popolazioni indigene.

bilancio delle vittime

Le stime ufficiali della Commissione d’inchiesta, che definiscono questa pagina oscura della storia canadese un “genocidio culturale”, vanno da 1.400 bambini uccisi in incendi o incidenti, a 6.000 morti. Il numero effettivo rimane poco chiaro perché le scuole non hanno identificato le tombe per risparmiare denaro. Alcune tombe sono piene di erbacce o sono ora utilizzate come parcheggi. Le scuole non hanno tracciato i decessi e alcune organizzazioni cattoliche non hanno reso disponibili i loro registri per la ricerca.

Quindi gli esperti originali forniscono valutazioni più alte. Secondo Negan James Sinclair, professore di studi indigeni presso l’Università di Manitoba, la cifra di 25.000 morti è più realistica.

Il governo federale canadese ha impegnato 27 milioni di dollari canadesi per la ricerca da parte delle comunità locali in potenziali siti di sepoltura. Il denaro viene utilizzato per cercare tombe nascoste utilizzando la tecnologia radar. Solo nel Saskatchewan sono stati raccolti 8 milioni di dollari.

Vaticano

Basandosi sulle storie della sua comunità, il leader Cadmus Delorme ha ampliato quattro volte l’area di ricerca intorno alla Marival Boarding School, ha detto Delorme al CTV News canadese. Questo metodo ha portato a centinaia di tombe non identificate, mentre gli archivi della Marival School avevano precedentemente concluso che c’erano solo otto morti. Anche al collegio di Kamloops il punteggio ufficiale era molto basso. Ci sono 65 bambini morti su un piccolo monumento vicino alla scuola, ma nelle tombe sconosciute c’erano 215 corpi di bambini.

Dopo questa scoperta, molti canadesi hanno pensato che anche il Papa avrebbe dovuto scusarsi. Papa Francesco non lo ha ancora fatto, anche se ha espresso il suo disgusto. La scoperta della seconda tomba è un’ulteriore pressione sia sul Vaticano che sul primo ministro Trudeau, che ha promesso di migliorare la situazione di 1,3 milioni di indiani e inuit quando è entrato in carica nel 2015. Il governo canadese ha presentato diverse scuse ufficiali, ma le organizzazioni indigene vogliono un aiuto più pratico nella lotta alla disuguaglianza sociale ed economica. A causa del suicidio, dell’alcolismo e della riduzione della ricchezza, gli Inuit e i nativi americani vivono da cinque a sette anni in meno rispetto alla media canadese.

READ  Bolsonaro sceglie lo stile di Trump e minaccia di annullare le elezioni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24