“Affrontare il cambiamento climatico? Avremo bisogno di profili tecnici per questo – Belgio

“Per assicurarci di sviluppare un futuro senza fossili, una società a basse emissioni di carbonio e affrontare il cambiamento climatico, abbiamo bisogno di artigiani e artigiani”, ha scritto Hendrik Eilbrecht, CEO di ATS.

La conferenza sul clima dello scorso fine settimana lo ha confermato ancora una volta: il cambiamento climatico si fa sentire ovunque e la situazione sta diventando sempre più grave. Il recente maltempo e le numerose inondazioni nelle Ardenne sono solo un piccolo assaggio di ciò che ci aspetta se arriviamo in ritardo al lavoro. Le energie rinnovabili svolgeranno un ruolo importante nella lotta ai cambiamenti climatici, ma anche l’elettrificazione della società e dell’industria è indispensabile. Quindi abbiamo bisogno di molta energia verde. In senso concreto, questo significa: più pannelli solari e caldaie solari, più turbine eoliche e parchi eolici, più auto e biciclette elettriche, ecc.

Ma poi si ripresenta un altro problema. Il problema risiede in parte nell’istruzione. Perché per assicurarci di sviluppare un futuro senza fossili, una società a basse emissioni di carbonio e affrontare il cambiamento climatico, abbiamo bisogno di artigiani e artigiani. Bravi artigiani e bravi artigiani, ed è qui che la scarpa pizzica. Perché gli ultimi numeri (2021) della schermata STEM confermano che il flusso di studenti nei corsi STEM presso TSO e BSO è stagnante o continua a diminuire.

Affrontare il cambiamento climatico? Avremo bisogno di profili tecnici per questo.

Questa è una brutta notizia per il nostro settore industriale, perché quello che ne traggo è che sempre meno persone con competenze tecniche stanno entrando nel mercato del lavoro. Questo è un momento in cui la domanda di profili professionali scientifici e tecnici è in aumento e crescerà solo con l’aumento dell’energia elettrica. Riscontriamo questo problema anche in ATS.

Diverse iniziative sono già state organizzate nelle Fiandre per rendere più attraenti i corsi STEM. Ma nonostante tutte queste misure, il numero di studenti che scelgono corsi tecnici orientati al mercato del lavoro presso TSO e BSO continua a diminuire. Com’è? Stiamo trattando il problema correttamente? La nostra società non comprende la necessità di queste persone con competenze tecniche? Chiedo una rivalutazione della professione artistica.

READ  Migliaia di operatori sanitari di New York si sono vaccinati poco prima della scadenza | All'estero

Nelle Fiandre si fa ancora una distinzione tra “poco qualificato” e “molto istruito”. Questo non sembra molto eccitante per i ragazzi che vogliono essere idraulici o elettricisti, perché chi vuole essere descritto come “poco qualificato”? Vogliamo imparare sempre di più “più in alto” e dimenticare l’importanza della formazione tecnica, che di conseguenza viene messa in secondo piano. Sarebbe meglio parlare sempre di formazione teorica e pratica. Dopotutto, sono entrambi ugualmente importanti.

Alla ricerca di una soluzione al problema, ATS ha già deciso di collaborare con essa SODAplus onlus. Insieme a questa organizzazione, vogliamo incoraggiare i diplomati a diventare installatori elettrici con l’aiuto di lavori di vacanza e stage. A questi futuri tecnologi, forse un risparmiatore del clima, viene spesso offerto un lavoro prima di lasciare la scuola. Raggiungere questi corvi bianchi sta diventando sempre più difficile, ma il Progetto SODA è una fantastica iniziativa che sta già facendo un passo nella giusta direzione. Un’iniziativa di cui abbiamo bisogno. Non abbiamo tempo di aspettare che finalmente partano altre iniziative. Nel frattempo, il numero di studenti STEM a TSO e BSO sta diminuendo e la necessità sta crescendo. Il clima non aspetta.

Non riusciremo a frenare il cambiamento climatico senza gli artigiani e le donne necessari. Serve una trasformazione. Abbiamo cemento e soprattutto Tenersi per mano Iniziative che aiutano le aziende ad assumere le persone giuste.

Perché se me lo chiedi, queste persone sono il nostro futuro verso una società a zero emissioni di carbonio. È assolutamente necessario, ma potrebbero non averlo ancora capito.

Hendrik Albrecht è il co-CEO di ATS. ATS è un gruppo tecnologico multidisciplinare specializzato nella creazione di ambienti di produzione e di lavoro sostenibili, innovativi ed efficienti. Lo fanno realizzando progetti totali nei settori elettrico, meccatronico, riscaldamento, ventilazione e condizionamento per una vasta gamma di settori.

READ  Le sardine sono in calo a causa del cambiamento climatico | gli animali

La conferenza sul clima dello scorso fine settimana lo ha confermato ancora una volta: il cambiamento climatico si fa sentire ovunque e la situazione sta diventando sempre più grave. Il recente maltempo e le numerose inondazioni nelle Ardenne sono solo un piccolo assaggio di ciò che ci aspetta se arriviamo in ritardo al lavoro. Le energie rinnovabili svolgeranno un ruolo importante nella lotta ai cambiamenti climatici, ma anche l’elettrificazione della società e dell’industria è indispensabile. Quindi abbiamo bisogno di molta energia verde. In senso concreto, questo significa: più pannelli solari e caldaie solari, più turbine eoliche e parchi eolici, più auto e biciclette elettriche, ecc. Ma poi si ripresenta un altro problema. Il problema risiede in parte nell’istruzione. Perché per assicurarci di sviluppare un futuro senza fossili, una società a basse emissioni di carbonio e affrontare il cambiamento climatico, abbiamo bisogno di artigiani e artigiani. Bravi artigiani e bravi artigiani, ed è qui che la scarpa pizzica. Perché gli ultimi numeri (2021) della schermata STEM confermano che il flusso di studenti nei corsi STEM presso TSO e BSO è stagnante o continua a diminuire. Questa è una brutta notizia per il nostro settore industriale, perché quello che ne traggo è che sempre meno persone con competenze tecniche stanno entrando nel mercato del lavoro. Questo è un momento in cui la domanda di profili professionali scientifici e tecnici è in aumento e crescerà solo con l’aumento dell’energia elettrica. Riscontriamo questo problema anche in ATS. Diverse iniziative sono già state organizzate nelle Fiandre per rendere più attraenti i corsi STEM. Ma nonostante tutte queste misure, il numero di studenti che scelgono corsi tecnici orientati al mercato del lavoro presso TSO e BSO continua a diminuire. Com’è? Stiamo trattando il problema correttamente? La nostra società non comprende la necessità di queste persone con competenze tecniche? Chiedo una rivalutazione della professione artistica. Nelle Fiandre si fa ancora una distinzione tra “poco qualificato” e “molto istruito”. Questo non sembra molto eccitante per i ragazzi che vogliono essere idraulici o elettricisti, perché chi vuole essere descritto come “poco qualificato”? Vogliamo imparare sempre di più “più in alto” e dimenticare l’importanza della formazione tecnica, che di conseguenza viene messa in secondo piano. Sarebbe meglio parlare sempre di formazione teorica e pratica. Dopotutto, sono entrambi ugualmente importanti. Nella ricerca di una soluzione al problema, ATS ha già deciso di collaborare con la Onlus SODAplus. Insieme a questa organizzazione, vogliamo incoraggiare i diplomati a diventare installatori elettrici con l’aiuto di lavori di vacanza e stage. A questi futuri tecnologi, forse risparmiatori del clima, viene spesso offerto un lavoro prima di lasciare la scuola. Raggiungere questi corvi bianchi sta diventando sempre più difficile, ma il Progetto SODA è una fantastica iniziativa che sta già facendo un passo nella giusta direzione. Un’iniziativa di cui abbiamo bisogno. Non abbiamo tempo di aspettare che finalmente partano altre iniziative. Nel frattempo, il numero di studenti STEM a TSO e BSO sta diminuendo e la necessità sta crescendo. Il clima non aspetta. Non riusciremo a frenare il cambiamento climatico senza gli artigiani e le donne necessari. Serve una trasformazione. Servono iniziative concrete e, soprattutto, un processo che aiuti le aziende ad assumere le persone giuste. Perché se me lo chiedi, queste persone sono il nostro futuro verso una società a zero emissioni di carbonio. È assolutamente necessario, ma potrebbero non averlo ancora capito. Hendrik Albrecht è il co-CEO di ATS. ATS è un gruppo tecnologico multidisciplinare specializzato nella creazione di ambienti di produzione e di lavoro sostenibili, innovativi ed efficienti. Lo fanno realizzando progetti totali nei settori elettrico, meccatronico, riscaldamento, ventilazione e condizionamento per una vasta gamma di settori.

READ  Sciamano con "acqua miracolosa" contro la corona muore lui stesso con il virus | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24