Alice Rohrwacher per La Chimera

I tombaroli italiani saccheggiano i tesori nel bellissimo dipinto di Alice Rohrwacher Nessuna illusione, un piccolo capolavoro su come possiamo lasciare andare il nostro passato. “È un inno all’Italia in cui ho vissuto e continuo a vivere”.

Il quarto lungometraggio della regista italiana Alice Rohrwacher può essere descritto come un film malinconico, un film magico su come la magia sta lentamente scomparendo dal mondo. Questo è un tema ricorrente nel lavoro di questo regista, che è apparso in film precedenti come: Lou Miravigli (2014) e Lazzaro Felice (2018) Il neorealismo italiano si fonde con le favole magiche del realismo.

Nel suo lavoro, il passato mitico della scena italiana è sempre intrecciato con le grandi questioni del nostro tempo: il capitalismo fuori controllo, lo sfruttamento della classe operaia e la scomparsa di antiche tradizioni, valori e costumi. Ciò che rimane è un desiderio malinconico per un sentimento quasi perduto, che a volte diventa quasi palpabile grazie ai film di Rohrwacher.

Anche questo è vero Nessuna illusione in giro. Ambientato nella Toscana degli anni '80, il film descrive come i tombaroli italiani (D. Tombaroli) Scopri preziose antichità etrusche da vendere al mercato nero. Il misterioso recluso Arthur (Josh O'Connor) si unisce a questa banda e scopre di avere un talento nel rintracciare tesori dei tempi passati. Poi la banda ruba a più non posso, senza rispettare il valore storico di quei tesori sepolti. Questi effetti sono davvero destinati al mondo vivente?

Nessuna illusione Questo tipo di domande vengono sollevate dal modo intelligente e sensibile con cui Rohrwacher e la direttrice della fotografia Hélène Louvare hanno girato il film. In uno dei momenti più impressionanti, una tomba viene aperta e l'ossigeno penetra nella tomba per la prima volta dopo molto tempo. Guarda come questi antichi tesori vedono la luce del giorno per la prima volta e iniziano immediatamente a ossidarsi e quindi a perdere la loro lucentezza. Era come se avessero perso immediatamente la loro aura a causa del furto. È tanto tragico quanto bello, il che lo rende un'ottima metafora visiva di quanto sia intrecciato Nessuna illusione Sono riuniti come riflesso dei tempi che cambiano e dei paesaggi che cambiano.

READ  Nel frattempo in Francia | Verstappen non è soddisfatto dello sterzo RB16B
Nessuna illusione

È sorprendente come tutti i tuoi film fungano da riserva di ricordi. Anche in Nessuna illusione Sai come fondere magnificamente passato e presente. Come guardi quegli strati? “È davvero un film che parla di diverse cose contemporaneamente. Al giorno d'oggi, i film spesso sembrano riguardare una cosa sola – una storia, un tema, un tema – ma la vita non funziona in questo modo. La vita si svolge in molteplici direzioni a allo stesso tempo.” Ed è esattamente ciò che rende l'umanità così versatile. Voglio che il cinema rifletta questo. Capisco Nessuna illusione Come un film sul destino. Il destino di Arthur può essere tragico, ma ciò non significa che non ci siano momenti di dolce distrazione, tenerezza, amore o leggerezza.
C’è anche un elemento politico nell’idea di memoria. Le immagini di tombaroli che sequestrano reliquie del passato e le vendono riflettono la misura in cui rifiutiamo il nostro passato, come se avessimo il diritto di venderlo. Ciò solleva tutti i tipi di domande: cosa facciamo con il nostro passato? Dimentichiamo? Lo lodiamo? Lo cambiamo? Se ricordiamo, questo è selettivo?

Vedo anche una somiglianza con il cinema, perché Nessuna illusione Con tutti i tipi di formati di immagine e tipi di celluloide è anche una forma di archeologia cinematografica. “Il film parla di archeologia, quindi ho deciso di giocare nell'archeologia del cinema con la direttrice della fotografia Hélène Louvare. Il film esplora la materialità della pellicola stessa e utilizza in realtà diversi materiali cinematografici. C'è la pellicola 35 mm, che veniva tradizionalmente utilizzata per creare grandi affreschi di un'epoca. Poi c'è il Super16 “, il mezzo della Nouvelle Vague, perché ha dato molto ingegno alle forme di narrazione diretta. C'è anche il supporto amatoriale da 16 mm. Abbiamo aggiunto ogni sorta di vecchi trucchi al mix, come giocare con i fotogrammi al secondo e animare l'immagine utilizzando le tecniche dello stop-motion. È il nostro omaggio alla storia e all'architettura del cinema.” .

READ  Hotel mette una donna inzuppata di cioccolata al buffet: "Recensione sbagliata"

In questo mondo arriva Josh O'Connor. Perché hai scelto uno sconosciuto come personaggio centrale? “Deve essere strano per me Tombaroli Sono un gruppo di persone che affondano le loro radici in quest'area e attraverso Arthur otteniamo una visione diversa del film. È anche il mio omaggio al cosiddetto “Grand Tour”: l'epoca in cui gli stranieri provenienti dal nord Europa giungevano nelle campagne italiane per turismo. Ciò fece capire alla gente del posto quanta ricchezza avevano intorno a loro. Quindi ho scelto un uomo britannico come personaggio principale. Un adulto, qualcuno che sta davvero camminando verso il tramonto della propria vita, per così dire, e guarda indietro a quella vita. Si può dire che in questo risiede anche l'effetto underground.

I tuoi film raffigurano sempre un’Italia immaginaria. È un'immagine del tuo Paese che raramente vedi al cinema. Stai cercando di ricordare un momento idilliaco nel tuo lavoro? “È un inno all'Italia in cui ho vissuto e vivo. È l'Italia delle province, dei piccoli centri. Negli ultimi decenni il cinema italiano si è spostato anche nelle città, ma c'è una nuova generazione di cineasti che stanno spostando la loro attenzione verso le comunità locali. Questo è molto importante, perché quegli ambienti stanno cambiando. La mia identità deriva da questi ambienti, luoghi in cui il visibile e l'invisibile vanno di pari passo. Sono luoghi in cui il destino si rivela nell'invisibile Lo vedo come l'opposto della prospettiva americana, dove puoi sempre controllare il tuo destino. Non è “Inoltre, il destino ti capita. Devi lasciarlo accadere”.

È per questo che sei attratto dalle fiabe? “Mi ha sempre interessato questo aspetto. Trovo rinfrescante l'idea che si possa effettivamente vedere il finale arrivare. Viviamo in un'epoca in cui tutti abbiamo paura degli spoiler, come se lo sviluppo della storia fosse l'aspetto più importante. Non è così.” Questo è solo un elemento della storia. Anche se conosci il finale, c'è piacere nell'ascoltare o guardare una storia.

READ  Mib in rosso è carneficina per gli oli

Che significato ha per te l'arte etrusca che vediamo nel film? “Fa parte di quella che io chiamo 'casa'. La mia casa è sopra le grotte etrusche. Era una civiltà molto diversa da quella dell'Impero Romano. I romani costruirono monumenti ai vivi, affinché le generazioni future potessero ricordarli. Gli Etruschi costruirono per i morti. Li vedo come le persone che vivono sotto i miei piedi. E mi ricordano che anche noi un giorno vivremo ai piedi di altre civiltà. Questa è in realtà una delle mie grandi domande nella vita: cosa lasceremo alle spalle per la società del futuro? Ciò offre un’importante riflessione sulla vita.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24