Alla fine ha colpito ancora: Dylan Groenewegen ha trionfato al Giro del Limburgo

Lunedì 20 maggio 2024 alle 17:04

Dylan Groenewegen finalmente sa di nuovo cosa significa vincere. L'olandese Jaiko Alala ha vinto lunedì, dopo una gara veloce e talvolta caotica, il Giro del Limburgo. Maurice Ballerstedt è arrivato secondo e Arnaud de Lis al terzo.

Il giorno dopo l’Anversa Port Epic – vinta da Alexander Kristoff – la prossima competizione in terra belga era già in programma. Al round del Limburgo possiamo aspettarci una battaglia tra alcuni nomi interessanti, tra cui Christophe, Arnaud de Lee, Dylan Groenewegen, Gerben Thijsen e Biniyam Girmay.

Il Giro del Limburgo quest'anno cambia look. È stata una finale a ostacoli la corsa fiamminga di un giorno che sarà presente anche ai Campionati Europei di ciclismo di Limburgo a settembre. Questo ha portato a un percorso diverso nelle corse e i piloti classici sono venuti alla ribalta? Il giro locale a Tongeren e dintorni è stato seguito da Manshoven (1 km al 2,4%), Op de Kriezel (1,7 km al 3%) e la scalata del Kolmontberg (1,5 km al 3,1%) e dello Zammelenberg (800 m al 4,3%) diversi brevi discese.

Darren van Beekum era in viaggio oggi – Foto: Cor Vos

Darren van Beekum si unisce all'attacco
La corsa di oggi è stata organizzata dopo la salita di Kyberg ed era composta da tre passeggeri. Il giovane olandese Darren van Beekum della squadra di allenamento Visma Lease a Bike – vincitore dell'apprezzata Ronde de Lessard all'inizio di questo mese – insieme al polacco Camille Malecki (Q36.5) e allo svizzero Roland Thälmann (Tudor) hanno costruito un vantaggio di oltre tre minuti.

Nel gruppo, Lotto Dstny, Uno-X Mobility e Jayco AlUla hanno assicurato che i fuggitivi non sarebbero stati in grado di andare molto oltre. La gara era più o meno chiusa nel periodo che precedeva il round locale di Tongeren, finché non si è verificato un contropiede di Jochim Kerckhaert. Il 23enne olandese del team BEAT Cycling ha tentato di raggiungere il gruppo di testa – da solo – quando mancavano poco più di 130 chilometri. Tuttavia, Kerckhaert non è riuscito a effettuare il salto ed è stato inghiottito dal gruppo dopo un inseguimento.

Thomas de Gendt ha fatto il suo lavoro per la squadra e il capitano Arnaud de Lie – Foto: Cor Vos

Piloti in contropiede
Van Beekum, Thalmann e Mikey non ne hanno risentito molto e sono riusciti a mantenere il comando prima del primo passaggio del round locale. Tuttavia, non sono riusciti a impedire al gruppo di prendere sempre più vantaggio. A sessanta chilometri dalla fine il distacco si era già ridotto a più di un minuto. Questo si è rivelato essere un segnale per diversi cavalieri di contrattaccare, provocando una raffica di attacchi.

READ  Sarai ancora un giocatore dell'Ajax l'anno prossimo? no, non credo'

All'inizio nessuno riuscì a scappare, ma alla fine Cormac Nisbet riuscì a fuggire. Il 19enne britannico, che gioca per la squadra di allenamento del Soudal Quick Step, è arrivato addirittura da solo ai tre fuggitivi. Una mossa intelligente, ma ha fatto ben poco per Nisbet, poiché il gruppo ha rapidamente catturato i quattro leader alle corde. Peter Keleman ha poi visto il momento giusto per attaccare, ma il giocatore ceco del Tudor è stato subito chiamato a riportare l'ordine.

Visma | Noleggio bici molto attivo
Dopotutto, avremmo fatto uno sprint? Diverse squadre hanno cercato di porre fine a questo. Visma | Al team Lease a Bike non piaceva correre veloce con un gruppo numeroso, quindi hanno mandato Morten Aalling Nørtoft all'attacco. Il 21enne danese ha guidato per un po' da solo, ma è stato subito rallentato da Simon Bellew, ma neanche l'attacco dell'esperto svizzero di Tudor ha retto.

Julien Vermot ha corso una gara forte – Foto: Cor Vos

I numerosi ostacoli del percorso non si sono rivelati abbastanza difficili da separare il grano dalla pula, anche se i passi finali di Kulmuntberg (1,5 km al 3,1%) e Zammelenberg (800 m al 4,3%) sono ancora in cantiere. A Colmontberg abbiamo assistito al fallimento di Toche van der Sande. Belga di Visma | Lease a Bike ha aperto un varco ed è partito con un leggero vantaggio su Zammelenberg, ma è stato superato su questo pendio dalla guardia di testa del gruppo.

È pur sempre una gara di velocità
Ai margini dello Zammelenberg le differenze erano però minime. Sembrava che il pericolo per i corridori fosse passato, ma Julian Vermut, Hope Artz e Pau Miquel avevano altri piani. Questi tre corridori si sono ritrovati negli ultimi chilometri pianeggianti e hanno costruito un vantaggio promettente. Riusciranno a sorprendere i corridori? Sembrava molto ambizioso, perché mancavano solo tre chilometri alla fine, la fusione era una realtà e potevamo prepararci per uno sprint.

READ  Una madre britannica si reca in Italia per vaccinare la figlia: “La cosa più preziosa che ho protetto” | All'estero

Le squadre di corridori lo sapevano bene, quindi il ritmo aumentava notevolmente. Ciò ha reso lo sprint particolarmente veloce e caotico, ma Dylan Groenewegen è riuscito a mantenere la calma. L'olandese è scattato in testa al momento giusto, è stato il primo ad avvicinarsi all'ultima curva e poi è riuscito a scappare dal suo rivale. Maurice Ballerstedt è arrivato secondo per diverse lunghezze in bici, e Arnaud de Lee ha tagliato il traguardo al terzo posto.

La gioia in Dylan Groenewegen – Foto: Cor Vos

Per Groenewegen si tratta della seconda vittoria della stagione, anche se la sua penultima vittoria risale a gennaio, quando fu il più veloce nella Clásica Communitat Valenciana del 1969. Si tratta quindi di una gradita spinta per il 30enne olandese in testa. fino a Gara. Al Tour de France (29 giugno – 21 luglio).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24