Anne Demulmeester promuove il rilancio come “Special Guest” per Betty Omo

Cambiando proprietario, tornando in passerella ad ottobre con un nuovo team creativo, Anne Demulmeester è ospite speciale della sfilata Petit Uomo a Firenze a gennaio.

Lo stesso Demulmeester si è dimesso nel 2013, ma si dice soddisfatto del nuovo corso.

Anne Demulmeester tra futuro e passato

Le cose non andavano bene con Anne Demulmeester. Dalla partenza del leggendario stilista nel 2013, il marchio ha cercato un nuovo slancio, ma senza molto successo. Il direttore artistico Sebastien Meunier, un veterano di Demeulmeister, ha cercato di raggiungere un pubblico più giovane, ma non è mai riuscito a convincerli, tranne che per una piccola base di fan. Il marchio ha anche perso un buon numero di clienti tradizionali negli ultimi anni, soprattutto perché sentivano che la qualità si era deteriorata.

D’altra parte, non è stato un buon momento per il marchio: lo stile dark e romantico gothic di Demeulemeester si è scontrato con lo streetwear color papavero per le dozzine.

Quindi non è stata una sorpresa che il nome sia stato cambiato nel 2020. Ma il fatto che il marchio belga sia ora italiano – e progettato a Milano – potrebbe essere una sorpresa. L’azienda è ora di proprietà dell’imprenditore Claudio Antonioli. Già prima dell’acquisizione, Meunier è stata ringraziata per i servizi resi. Da allora il font è stato progettato da un team interno.

Il flagship store di Anversa rinnovato

Il cambio di rotta è stato approvato da Demeulemeester. Inoltre: la stilista è di nuovo coinvolta nell’etichetta, anche se non disegnerà più i set.

“Abbiamo un accordo con Anne per i prossimi 10 anni”, aveva assicurato Claudio Antonioli al sottoscritto a settembre. “Preferisco non parlarne molto. Potrebbe esserci un piccolo mistero intorno a te.”

READ  Il poco noto autoritratto di Van Gogh appare dietro spessi strati di colla e cartone

“Lo vedo come il mio turno di arricchire il DNA in nuove aree e altre forme”, ha aggiunto Anne Demulmeester in una e-mail. “Lo stile di Anne Demolemestre è abbastanza chiaro. Una nuova squadra può continuare a lavorare senza di me”.

Anche Patrick Rubin, marito e partner creativo di Demeulemeester da molti anni, è stato reclutato da Antonioli. Ha guidato i lavori di ristrutturazione dell’ammiraglia ad Anversa, l’unico negozio rimasto di Demolmeester. Le attività a Zuweid, un ex collegio navale del 1860 circa, sono state riaperte dall’inizio di settembre.

“Non abbiamo un briciolo di rimpianto o frustrazione con noi”, ha detto Robin durante un tour del negozio. Ha ricordato la vendita di BVBA 32 nel 2013. “Abbiamo realizzato i nostri sogni. Siamo soddisfatti di ciò che abbiamo realizzato. Quando ci siamo fermati, sicuramente non ci siamo sentiti dei falliti. La signora Chappelle aveva le sue idee e, naturalmente, negli ultimi anni abbiamo anche visto il marchio precipitare da una scogliera. Non ci è piaciuto. A un certo momento, Claudio Antonioli è apparso sulla scena come una sorta di ex macchina ispiratrice. Comunque è stato un po’ un salvavita per il marchio”.

Il testo continua sotto l’immagine

APERTURA BOUTIQUE ANN DEMEULEMEESTER – Credit: Victor Robyn.

“Anne Demulmeester è diventata un marchio di lifestyle”

Claudio Antonioli ha aperto il suo primo negozio, a lui intitolato, a Milano nel 1987. “Allora vendevo Anne Demeulemeister”, ha detto a Zoom. “Non molto tempo dopo ho conosciuto meglio Anne e Patrick. Sono sempre stato un fan. “Nel frattempo, Antonioli possiede negozi a Milano, Torino, Lugano e Ibiza e il Volt, un club a Milano. Ha anche co-fondato il New Guards Group, il gruppo dietro marchi come Off-White, Palm Angels e Ambush. NGG è stata venduta al gigante dell’e-commerce Farfetch diversi anni fa e Antonioli non è più coinvolto.

Ha detto: “Quando ho saputo che Anne Demulmeester era in vendita, ho chiamato Anne e Patrick. Mi è sembrata una grande opportunità per continuare l’avventura e ricominciare a crescere a lungo termine”.

Antonioli ha stretto due accordi: da Chapelle ha preso in carico BVBA 32, la struttura logistica dietro l’etichetta. Ha raggiunto un accordo con Demeulemeester e Robyn per quanto riguarda il nome commerciale.

“Il nome sarebbe rimasto con noi in quel momento”, dice Robin. Nel frattempo, abbiamo anche stipulato un contratto di licenza con Serax per Porcellane, Stoviglie e Lampade. Continueremo a farlo. Il signor Antonioli ora possiede il nome Anne Demolemestre per tutto ciò che riguarda la moda”.

Antonioli ha dichiarato: “Solo acquistare l’azienda non è stato molto interessante per me. Volevo decisamente anche il nome. Non voglio assolutamente cambiare il marchio. Per come la vedo io, non è il mio marchio. Lavoro per Anne Demeulemeister. Non c’è nemmeno fretta. Ma mi piacerebbe creare il marchio.” Il business del futuro. La moda non significa gli anni ’60. La moda parla ai ventenni e ai trent’anni e noi vogliamo raggiungerli . Rispettando il DNA di Ann Demeulemeester.”

Al momento, non ci sarà un Art Director ufficiale a capo del team di progettazione. “E’ ancora troppo presto per quello”, ha detto Antonioli.

“Solo per essere chiari: Anne non dovrebbe disegnare di nuovo vestiti”, ha sottolineato Patrick Rubin poco prima della riapertura del major. “Certo che non ho la sfera di cristallo. Il futuro a volte fa passi strani, chissà. Ma al momento non ci sono indicazioni che Anne tornerà come stilista”.

Oltre ai set di abbigliamento, il negozio principale di Anversa vende anche tovaglie e lampade e presto venderà mobili Anne Demeulemeister. “Vogliamo mostrarle tutta la sua visione, il suo mondo”, ha detto Claudio Antonioli. “Anne Demulmeester è ora un marchio di lifestyle. Questo dovrebbe essere chiaramente visibile nel negozio. ” Il negozio dovrebbe essere un modello per i nuovi negozi nelle capitali della moda come Parigi e Milano, se tutto va secondo i piani tra due o tre anni.

“Un momento emozionante” di Ann Demeulemeester

Nel frattempo, l’etichetta è tornata sul podio. Dopo aver mostrato un film a marzo, c’è stato uno spettacolo durante la settimana della moda di ottobre a Parigi. Olivier Rizzo, noto per il suo lavoro con Raf Simons e Prada, tra gli altri, ha realizzato il design. Demolestre stesso era seduto in prima fila.

“Sono passati esattamente trent’anni da quando ho realizzato il mio primo spettacolo”, ha detto in seguito al sito qui sotto durante un incontro casuale alla Gare du Nord. Poi l’ho aperto con un capo di abbigliamento su cui era scritto il testo: Genitori, raccontate ai vostri figli i vostri sogni. Genitori, raccontate ai vostri figli i vostri sogni. Questo testo è tornato. Ero felice di questo. È stato un momento leggermente emozionante: la prima volta che mi sono seduto dall’altra parte del sipario, per così dire. Non partecipo alla Fashion Week da quando mi sono dimesso nel 2013″.

“Il casting è stato davvero buono, il trucco e lo styling. Volevo molti vestiti per me stesso. Se guardi da vicino, ed è stato possibile perché il pubblico era molto vicino alla passerella, puoi anche vedere che tutto andava bene fatto. Era anche necessario riportare il marchio sulla strada giusta. Negli ultimi anni i set non sono più prodotti in Italia, ma ora vengono prodotti di nuovo, spesso da produttori con cui lavoravo in prima persona”.

Il testo continua sotto l’immagine

Foto: foto di gruppo di Ann Demeulemeester SS22, proprietà di Ann Demeulemeester

“Special Guest” Van Betty a gennaio

Il 12 gennaio Anne Demulmeester – il poster – sarà mostrato durante Pitti Uomo a Firenze, alla Stazione Leopolda, la stazione ferroviaria abbandonata dove ha mostrato (molti) altri set di Raf Simons e Undercover in passato. “Celebrando la storia di Anne DemulmeesterL’invito ufficiale recita. Durante il pranzo ad Anversa, il liaison di Betty, Labo Cianci, ha specificato che lo spettacolo per un pubblico limitato sarebbe stato seguito da un dj set. Anche se l’ultima ondata di COVID potrebbe ovviamente dare una svolta ai lavori.

“Siamo molto lieti di poter portare Ann Demeulemeester a Firenze”, ha detto Cianchi. “Betty ha una lunga tradizione quando si tratta di moda belga: Dries Van Noten, Dirk Bekembergs, Haider Ackermann, Glenn Martins – per non parlare di Raf Simons – l’hanno messa in mostra qui”.

Il testo continua sotto l’immagine

Foto: Anne Demolmeister è l’ospite speciale di Pitti Immagine Uomo 101. Credit: PATRICK ROBYN

“Amiamo da sempre lo stile di Anne Demolemestre, per il suo approccio anticonformista e per la capacità di imporsi con calma, ma con fermezza, sulla scena internazionale. Il nuovo percorso del brand, avviato da un imprenditore visionario come Claudio Antonioli, entra in un dialogo esemplare con il fondatrice e i suoi standard Siamo onorati che ripensando a Firenze a una storia iniziata quarant’anni fa, nel 1982 (L’anno in cui Demolmeister si diplomò all’Accademia di Anversa; L’etichetta esiste 1987, AD). L’evento ideato per Pitti Uomo 101 sarà uno scambio tra diverse forme di espressione creativa, con un focus particolare sulle giovani generazioni. Sarà una storia sincronizzata tra futuro, presente e passato”.

Oltre a Demeulemeester, Pitti Uomo organizza eventi speciali dei classici marchi maschili Caruso e Kiton. L’azienda statunitense Filson festeggia il suo 125° anniversario e la prima serie di un accordo di licenza europeo con WP Lavori in Corso e il gruppo italiano dietro Woolrich, Barbour e Baracuta, tra gli altri. La 101a edizione della fiera si svolgerà dall’11 al 13 gennaio.

Foto: foto di gruppo di Ann Demeulemeester SS22, proprietà di Ann Demeulemeester

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24