Attivista taiwanese per i diritti umani bloccato in Cina: “Sono perseguitato mentalmente”

Li Mingqi

Noos Notizie

  • Sjoerd den das

    Corrispondente dalla Cina

  • Sjoerd den das

    Corrispondente dalla Cina

“Avete creduto troppo alle campagne diffamatorie contro la Cina diffuse dai media occidentali”, ha affermato il Tribunale del popolo di Liuyang, nella Cina centrale. “In prigione guardiamo ogni giorno i notiziari cinesi, dove ho visto prove convincenti del fatto che il Partito Comunista sta facendo avanzare il Paese e sta ascoltando la gente”.

Parole che non ti aspetteresti da un attivista taiwanese per i diritti umani. Tuttavia, questa è stata la “confessione di colpa” che Li Mingqi ha fatto sul banco degli imputati. La corte ha condiviso le foto di ciò nel 2017. Si dice che Li avesse pianificato di rovesciare lo stato cinese.

Negli anni precedenti, Li aveva difeso persone cadute in disgrazia presso il regime di Pechino, come gli oppositori politici del Partito comunista, i detenuti e le loro famiglie. È stato arrestato mentre era in visita nella Repubblica popolare. “Sono stato detenuto per la prima volta in una base di detenzione segreta a Guangzhou per due mesi”, ha detto Li, che è stato rilasciato un anno e mezzo fa.

Tredici ore di lavoro forzato al giorno

La prigione in cui è detenuto Li fa parte di una rete di luoghi di detenzione segreti dove la Cina può detenere persone per lunghi periodi senza processo. “Sei osservato 24 ore su 24”, ha detto quando lo abbiamo incontrato in un bar della capitale taiwanese, Taipei. “Mentalmente era difficile, c'erano due persone che mi guardavano costantemente.” Le finestre erano coperte con un panno nero. “Non mi era permesso sapere dove ero seduto o che ora fosse.”

READ  Documenti segreti del vicepresidente trovati nell'ufficio privato di Biden

Non ha trovato un avvocato. Dopo la sua dichiarazione di colpevolezza, resa sotto costrizione, è stato condannato a cinque anni di prigione. In un numero imprecisato di casi, i detenuti vengono legati in questo modo ad una sedia per ore menzionato L'organizzazione per i diritti umani Safeguard Defenders in precedenza. Il destino che mi ha risparmiato. “Non ho subito abusi fisici, ma piuttosto morali”.

Molte persone a Taiwan non sanno cosa significhi perdere la propria libertà

Li Mingqi

Crede di essere stato trattato “civilizzato” secondo gli standard cinesi. “Forse perché il mio caso ha ricevuto molta attenzione, soprattutto grazie a mia moglie”. Tuttavia, ha dovuto svolgere i lavori forzati giorno dopo giorno. “Tredici ore al giorno. Facevamo scarpe e guanti.” Gli è stato permesso di rimanere nella sua cella solo durante il Capodanno cinese.

Negli ultimi anni, un numero imprecisato di taiwanesi è scomparso dietro le sbarre in Cina. Non è chiaro esattamente quanti siano: Pechino considera Taiwan una provincia ribelle e non fa distinzione tra cittadini taiwanesi e cinesi. Il Consiglio per gli affari continentali di Taiwan aveva precedentemente dichiarato che mancavano 149 taiwanesi, ma quel numero risale al 2019. Molte famiglie scelgono di tenere la questione nascosta.

Li Ming-chi in un book café a Taipei

Ciò significa che la storia di Li Mingzhi non è isolata. In un momento in cui le tensioni tra Cina e Taiwan si sono intensificate, sono seguiti altri arresti, forse in un contesto politico. L'uomo d'affari Li Mingzhou è stato arrestato con l'accusa di spionaggio quando ha affermato di aver scattato foto delle truppe cinesi durante esercitazioni su larga scala a Shenzhen, per curiosità. L'anno scorso, dopo quasi quattro anni di prigionia, è tornato a Taiwan. Li Yan-hee, un editore taiwanese di libri politici critici, è stato arrestato in Cina l'anno scorso.

READ  Dopo la Somalia e il Kenya, decine di persone sono morte a causa delle inondazioni in Tanzania all'estero

“Tibet libero, schierati con Hong Kong, salva gli uiguri”, è scritto a grandi lettere sulle vetrine del bar dove Li Mingqi racconta la sua storia. Testi visti come separatisti al di là dell'acqua, nella Cina continentale. “Molte persone a Taiwan non sanno cosa significhi perdere la propria libertà”, afferma Lee. “Capisco cos'è la libertà perché l'ho persa anch'io.”

Stazioni di polizia segreta

Lee ha paura del governo di Pechino? “Rispetto alla gente in Cina, qui sono al sicuro e libero, ma non mi sento completamente a mio agio”, dice Li. “Taiwan può essere democratica e libera, ma può anche essere minacciata qui. Ci sono molte stazioni di polizia segrete all'estero che minacciano il popolo cinese oltre i confini del paese.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24