Autore Paolo Cognetti: Stai rischiando troppo la tua passione per la montagna

Dopo il successo mondiale de “Le otto montagne”, Paolo Cognetti è tornato sulle Alpi italiane. In The Wolf’s Happiness, vede il suo amato paesaggio come un luogo in cui condividerlo con le persone che amiamo. “Le montagne non sono spazzate via da ciò che la vita porta.”

Di fronte a noi nella sala colazioni di Ganda, grazioso bed and breakfast nel centro di Gand, c’è Paolo Cognetti, 43 anni e autore di The Eight Mountains. Il romanzo è stato acclamato universalmente e ha venduto più di un milione di copie, di cui 275.000 in olandese. Ma in realtà, stamattina, abbiamo anche una cenetta con Fausto dal suo nuovo romanzo molto amato, La felicità del lupo.

Come in Le otto montagne, il timido autore italiano ha costruito le fondamenta del suo personaggio principale sulla propria vita. Fausto, quarantenne, scrittore non amato, dopo una pausa amorosa, cerca rifugio in alta montagna della Valle d’Aosta. Lavora come cuoco in una baita di montagna e fa amicizia con uomini e donne con lo stesso nome di Babbitt, Santorso e Gemma. Cognetti ha fatto tutto 15 anni fa, e vive ancora metà dell’anno tra le montagne del nord Italia. L’altra metà vive a Milano.


Il successo isola. Ti fa sentire come se non fossi più come gli altri.

Più che una semplice storia sulle montagne stesse, “La fortuna del lupo” è un romanzo investigativo sulle montagne come luogo da condividere con le persone che amiamo. Eppure le montagne sono ancora onnipresenti, con pini in rovina, torrenti gorgoglianti, ripide scogliere e igloo spazzati via dalle valanghe. Alcuni lettori potrebbero chiedersi che Cognetti sia un pony one-trick. Ma lui dice che non può aiutarla. “Così come trovo difficile immaginare una vita senza montagne, risulta impossibile non scrivere di montagne”.

Ho scritto il libro in gran parte durante i lockdown a Milano. Questa ci sembra una debolezza: non mancava il silenzio tanto agognato dagli scrittori, ma come si fanno a chiamare le montagne dalla grande città?

Paolo Cognetti: Quando ho iniziato a scrivere questo libro a settembre 2019, ero in montagna. Vengo da un periodo difficile. Grazie al successo di “Otto Monti” divenne un pezzo di proprietà pubblica. Sono stato riconosciuto ovunque, ho dovuto firmare autografi e vendermi in viaggi promozionali. La mia vita è radicalmente cambiata. Era difficile concentrarsi. Ecco perché il primo arresto mi è andato così bene. Mentre la vita pubblica era sospesa, sono stato finalmente in grado di concentrarmi sulla scrittura. Ma a causa di Corona sono dovuto tornare al Milan, ed è stato difficile per me. Per la prima volta nella mia vita non avevo la libertà di andare in montagna. Di solito salgo in macchina la mattina e guido lì.

READ  Manlio Silva (1931-2021) ha vissuto una vita come un libro di avventure

© Brecht van Miele

Quella sofferenza è stata la forza trainante del lavoro sul libro. Quando sono tornato nell’estate del 2020, ho provato un’emozione che non provavo da molto tempo. Come dice Babbitt nel libro: tu usi la sorpresa. Dopo tutti questi anni, il paesaggio è diventato parte della vita di tutti i giorni e ho rischiato di non vedere più la bellezza. La pandemia mi ha riportato questa ammirazione. Quando sono dovuto tornare a Milano per la seconda chiusura, non ho scritto apposta per un mese per far assorbire le mie impressioni. Così la mia nostalgia per la montagna può prendere il sopravvento sulla mia scrivania.

Fausto è accusato di perseguire utopie con la sua nostalgia delle Alpi, che ti rendono più felice della città. Vero o falso?

Cognetti: (gesti) L’ho sentito anche da ex amanti. Stai rischiando troppo. Ho perso anche le mie amicizie a causa della voglia di montagna. Quando sono andato a vivere in montagna 15 anni fa, ho sentito la liberazione, la rinascita. Allo stesso tempo mi sentivo molto solo. Il prezzo da pagare per un’utopia è quell’unità. Ma se perseveri, troverai invece nuove amicizie e amanti. Anche le persone in montagna sentono il bisogno di stare insieme per mantenere amicizie e innamorarsi. Questo è l’argomento di questo libro.

Cosa rende speciale la gente di montagna?

Cognetti: “La maggior parte delle persone si lascia trasportare da ciò che porta la vita. La gente di montagna no. A Milano si sente spesso dire che odiano la città e che ci abitano solo perché gli fa bene. Ci abitano per necessità o per per motivi professionali. Nei paesini di montagna abbandonati, come il luogo dove rimango sei mesi all’anno, gli abitanti scelgono consapevolmente questa vita. Sono utopisti, cercano la felicità da una scelta misteriosa, li rende forti e coraggiosi.

READ  Rifiuto dopo rifiuto sulle app di incontri, Irwin è stanco: 'Sono solo bello'

© Brecht van Miele

Gli incontri tra le persone sono spesso più intensi in montagna. Quando incontri qualcuno che ha preso la stessa decisione, ti senti immediatamente connesso. Non è un caso che le persone che vanno a vivere in montagna spesso feriscono le anime che hanno subito sconfitte e rivoluzioni. I montanari chiedono sempre: cosa posso fare per chi? Si prendono cura l’uno dell’altro, sono un balsamo l’uno per l’altro contro la solitudine. Da qui l’idea alla base di un rifugio di montagna: portare qualcuno da quella persona e prendersene cura.

Fausto è sollevato che i suoi nuovi amici in montagna non lo scambino per uno scrittore.

Cognetti: Riguarda anche me? (gesti) Lo scrittore sta al di fuori della realtà, è l’osservatore della vita. A Fausto piace questo ruolo in montagna, ma trova più piacere nello stare con i suoi amici: cucinare, tagliare la legna e conversare durante le escursioni in montagna. Ci vivi davvero. Ecco perché mi piace tanto stare in montagna. Ti assicurano di mantenere gli aspetti piccoli e umani, proprio perché sembra così grande e non cambia.

“Le montagne ti tengono con i piedi per terra. Avevo bisogno di quella sensazione dopo Otto montagne. Quel romanzo è cambiato molto in meglio, ma il suo successo mi ha anche sbilanciato. Il successo è isolarsi. Ti fa sentire come se non fossi più come gli altri . Le montagne mi hanno riportato all’inizio, a Una vita normale, perché lì la gente mi conosce chi sono: non l’autore di best seller ma la persona che ero quando sono arrivata lì 15 anni fa. Per Babette, sarò sempre quel ragazzo che ha lavorato nella sua cucina per due anni.Per i ragazzi su cui si basa Santorso, io sono prima di tutto la persona con cui vanno in montagna.

READ  l'avvocato r. Kelly paragona il cantante a Martin Luther King | pettegolezzo

Felix van Groningen e Charlotte Vandermerch film “Otto montagne”. La lista dei candidati era lunga. Perché lei?

Cognetti: Nonostante sia ambientato nelle Alpi italiane, è un vero libro europeo. Per questo abbiamo preferito il regista non italiano. Quando ho mostrato Felix e Charlotte, ero molto felice. Siamo praticamente coetanei, e forse lo siamo anche nel nostro lavoro. Felix è venuto in montagna ogni stagione. Abbiamo camminato molto insieme in montagna e visitato i luoghi più importanti del libro. Penso di poter dire che l’amicizia si è sviluppata.

Conosci i film di Van Groeningen?

Cognetti: “The Broken Circle Breakdown” e “Beautiful Boy” lo hanno fatto, e dopo ho visto anche gli altri suoi film. Come Le otto montagne, questi due film parlano di una relazione tra due persone che diventa così intensa che a un certo punto non sai se ridere o piangere. Non partecipo direttamente al testo. Ma ho piena fiducia che ne trarranno qualcosa di bello. All’inizio avevo paura che avrebbero spostato il sito su un’altra montagna con un nome più grande e un panorama più meraviglioso. Ma volevano assolutamente interpretare il film in cui ho scritto il libro.

Le riprese della scorsa estate sono state molto emozionanti per me. Montagne che, dopo due stagioni mancate, vengono travolte da una settantina di troupe cinematografiche, agli abitanti dei villaggi assegnati ruoli aggiuntivi, Babbitt che cucina per l’intera troupe cinematografica. Sembrava una favola che si concludesse con una grande e gioiosa celebrazione.

Hai un cameo nel film, come cuoco in una baita di montagna. Era buono?

Cognetti: ‘Oh mio Dio, non credo che un grande attore mi abbia perso. (Ride) Devo dire a Pietro di andare a lavorare, ed è allora che sua madre chiama la notizia della morte del padre. Non avevo più di una frase. Tuttavia, ho dovuto ripetere la scena sette o otto volte. A Felix piace segnare la i e incrociare la t”.

Il libro “La felicità del lupo” è stato edito da De Bezige Bij, ha 204 pagine e costa 21,99 euro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24