Banca d’Italia sostiene il salario minimo per contrastare le disuguaglianze

Mercoledì il capo della banca centrale italiana si è espresso a favore dell’introduzione di un salario minimo per affrontare la disuguaglianza sociale. Un’opinione che contraddice sulla questione il governo di destra di Roma.

In un discorso, Ignacio Visco, governatore della banca centrale italiana, ha esortato il governo ad attuare un calendario serrato concordato con i funzionari dell’UE per sbloccare 192 miliardi di euro (211 miliardi di dollari) in fondi per la ripresa post-pandemia. “Non c’è tempo da perdere”, ha detto Visko, aggiungendo che i miglioramenti ai piani potrebbero ancora essere negoziati.

“Contatti sostenuti con la Commissione (europea) sono assolutamente necessari, ma utili e costruttivi”, ha detto all’incontro annuale della banca centrale.

Visco, che si dimette quest’anno, ha anche parlato del ruolo che una migrazione ben gestita potrebbe svolgere nel contribuire a compensare l’effetto del basso tasso di natalità italiano sull’economia nei prossimi due decenni.

Contratti a breve termine

Visco, 73 anni, sottolinea le difficoltà del mercato del lavoro italiano, dove l’occupazione è supportata da contratti a breve termine a bassa retribuzione.

“Non solo i giovani, molti non hanno un lavoro ufficiale o, se lo fanno, non hanno condizioni contrattuali adeguate come in altri grandi paesi”, ha detto Visko.

Ha osservato che un quinto dei giovani lavoratori ha ancora contratti a tempo determinato dopo cinque anni di lavoro.

“L’introduzione di un sistema di salario minimo ben ponderato sarebbe una soluzione alle banali richieste di giustizia sociale”.

Il primo ministro Georgia Meloni ha affermato questo fine settimana che una tale mossa sarebbe buona solo in teoria e potrebbe ritorcersi contro in pratica.

In Italia, negli ultimi 25 anni, il PIL per ora lavorata è aumentato solo dello 0,3% annuo, contro meno di un terzo della media degli altri Paesi dell’Eurozona.

READ  Buon raccolto di mirtilli in Italia

I salari orari hanno uno dei tassi di crescita più deboli in Europa in termini reali.

Invecchiare

Visco ha avvertito che l’invecchiamento della popolazione italiana non sarebbe in grado di sostenere la crescita economica nei prossimi due decenni, anche nella migliore delle ipotesi, in cui i tassi di partecipazione femminile e giovanile migliorerebbero rispetto agli attuali bassi livelli.

“Gli effetti del declino della popolazione di mezza età possono essere mitigati solo a medio termine da un aumento del saldo migratorio, insieme a un’espansione della forza lavoro”, ha affermato, sottolineando la necessità di programmi di formazione e integrazione.

I successivi governi italiani sono stati accusati di sfruttare le competenze degli immigrati e di non riuscire a integrarli nella forza lavoro.

Meloni, che ha spinto per regole di asilo più severe da quando è entrato in carica, ha anche affermato che amplierà i canali per l’immigrazione legale.

(1 dollaro = 0,9084 euro)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24