Beyoncé gareggia per l'opera italiana nella canzone “Cowboy Carter” “Daughter”

Non hai bisogno di un binocolo per vedere che “Cowboy Carter” di Beyoncé è molto più che semplice musica country.

Quasi due minuti “Ragazza,” Un brano di narrazione poetica, che introduce una famosa aria d'opera del XVIII secolo: “Caro mio bin”. E nello stile di Beyoncé, lo fa suo.

Cantanti di tutti i generi vocali hanno eseguito “Caro Mio Ben”; La maggior parte di loro proveniva dal mondo dell'opera, anche nei programmi dei concerti. Ma poiché la canzone è stata modificata per le gamme alte e basse, il suo suono è rimasto quasi lo stesso.

Fu scritto all'inizio degli anni ottanta del Settecento da un membro della famiglia Giordano. Più volte è stato attribuito a Giuseppe o al suo possibile fratello maggiore Tommaso. (Tutta questa storia è un po’ confusa.) Come molte arie e canzoni italiane, i suoi testi sono brevi. Il cantante esprime angoscia per l'assenza di una persona cara e implora la fine del conflitto con loro prima di ritornare ai sentimenti di dolore causati dalla perdita.

Come gran parte della musica di desiderio e tristezza di questo periodo – come le belle e malinconiche arie delle opere di Mozart – “Caro mio bin” è in tonalità maggiore, ed è continuato così per più di due secoli come concerto e registrazione strumentale. . Ma è qui che entra in gioco anche Beyoncé.

“Daughter” prende “Caro Mio Ben” come bridge e distorce la sua atmosfera principale in un'atmosfera secondaria per abbinarla al resto della canzone. Dopo aver aperto con un lunatico ostinato di chitarra, Beyoncé entra con una versione cupamente melodrammatica di una ballata assassina, con un ritornello che ricorda qualcosa di “Carmen” nel suo sapore country e grintoso. Nella canzone di Beyoncé “Se mi incroci, sono proprio come mio padre/Sono più fredda dell'acqua sul Titanic”, puoi sentire un discendente spirituale dell'avvertimento di Carmen di “Stai in guardia” da un'altra opera classica, Habanera.

READ  Retro: Gilles Villeneuve Zolder 13:52 AH 1982. La morte di uno dei personaggi preferiti dal pubblico

Beyoncé mantiene “Caro Mio Ben” nella sua versione italiana originale, ma la sua tristezza e il suo desiderio si intersecano con il sentimento del testo, complicando il resto della canzone e conferendo alla sua solidità una vulnerabilità e un desiderio di pace – più fervente nei suoi lamenti e lamenti. . Questo è seguito da un canto spettrale o da un canto senza parole.

Non ha la voce di una cantante d'opera, ma non ha molta importanza. “Karo Myo Ben” non è un'aria di un'opera; È una canzone, e all'epoca probabilmente era stata eseguita in un ambiente intimo, con la voce umana relativamente diretta che si sente in “Daughter”. Ancora più importante, Beyoncé trova in questa vecchia melodia una qualità condivisa dalla migliore musica di ogni secolo: qualcosa da dire.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24