Bilbao vince il tour a tappe alpino e Yates sta facendo ancora una volta buone azioni

Bilbao vince il tour a tappe alpino e Yates sta facendo ancora una volta buone azioni

Giovedì 22 aprile 2021 alle 15:29

Bilo Bilbao ha vinto la penultima tappa dell’Alpine Tour, arrivando a Pieve de Bono. Il concorrente vittorioso del Bahrain è riuscito a stare davanti ad Alexander Vlasov e Simon Yates dopo una finale emozionante. Yates ha fatto un ottimo lavoro ed è un leader più coerente.

Dopo che Gianni Moscone ha vinto la seconda tappa, l’Alpine Tour è proseguito, come potrebbe essere altrimenti, una difficile tappa di montagna. Simon Yates ha dovuto fare sulla tappa di 168,6 km, sopra Paso Castrin (24,5 km nel 5,6%), Paso Campo (14,9 km nel 6,2%) e risalire a Boniparti (10 km nel 6,8%), difendendo la maglia di leader. Dopo aver scalato Boniprati, la tappa ha portato alla Valle del Chiese italiana, con la fine dopo l’atterraggio.

Froome sceglie il volo presto
La quarta e penultima tappa è iniziata dopo le dieci. Fin dall’inizio molti piloti hanno cercato di scappare, e ancora una volta Chris Fromm si è rivelato particolarmente aggressivo. La Start-Up Nation del britannico britannico non ha potuto fare il viaggio mercoledì, ma il quattro volte vincitore del tour era ora lì. Fromm è stato uno degli istigatori di un gruppo dirigente di nove attaccanti, molto potenti.

Con Amanuel Gebregsapier (Trek Segafredo), Luis Leon Sanchez (Astana Premier Tech), Felix Grosschartner (Bora-Hansgrohe), Hermann Bernsteiner (Bahrain Victorious), Nicholas Prudhum (AG2R Citroen), Nicholas Roche (Citroen Team), Nicholas Roch (Groupama -FDJ) e Márton Dina (EOLO-Kometa) riescono a sbarazzarsi di Froome ai lati del Passo Castrin. La differenza con il gruppo è aumentata rapidamente a ben tre minuti.

Foto: Color Vos

Per scalare Boniprati
In testa, Großschartner, 18 ° a 2:26 Yates, è stato il miglior concorrente. Per un momento, l’austriaco è stato autorizzato a definirsi un capitano virtuale, ma il Team BikeExchange è riuscito rapidamente a sgranocchiare un po ‘di vantaggio. Sul Passo Campo, la prima salita che contava nella classifica delle montagne, l’ungherese Dina ha fatto un buon lavoro essendo la prima a salire Froome e Großschartner.

READ  Sono stati commessi più di 100 omicidi, ma due sono gratuiti

Il gruppo di candidati ha ruotato la cima della salita dopo due minuti, e da quel momento mancavano settanta chilometri alla fine. Nei chilometri relativamente piatti della salita di Boniprati, la differenza è stata ridotta a un minuto, quindi Yates aveva poco da temere da Großschartner e dai suoi colleghi. I primi alpinisti sono stati inghiottiti prima della salita finale, quindi i migliori alpinisti di questo tour alpino erano sulla Terra.

Catastrofico lancia un pipistrello nel pollaio
Nairo Quintana ha permesso ai suoi compagni di squadra di impostare il ritmo, proprio come sul palco di Feichten im Kaunertal. Il vincitore Anacona è riuscito a ridurre il bacino di candidati nei primi chilometri di Boniprati, ma poi è toccato ai Granatieri INEOS dominare la gara. Le camicie nere sono riuscite a separarsi un po ‘al servizio di Pavel Sivakov, anche se era ancora in attesa di un pericoloso attacco.

Foto: Color Vos

Con più di quattro chilometri da salire, Hugh Karthy ha deciso di scuotere l’albero e la sua accelerazione si è rivelata la campana a morto per … Sivakov. Il secondo uomo in classifica e l’attaccante più vicino di Yates è esploso completamente e ha dovuto lasciare andare i suoi rivali. Nel frattempo, Yates ha colmato l’ultimo divario con Catastrophically, con piloti come Nero Quintana, Bilo Bilbao, Daniel Martin, Jay Hindley e Alexander Vlasov.

Yates e Velasov fanno la differenza
Quest’ultimo è stato il fantino successivo a provare qualcosa sui ripidi fianchi di Boniprati, ma il russo è stato presto superato dal potentissimo Yates e dal sempre combattivo Martin. Si scopre che questi tre corridori hanno le gambe migliori per salire, seguendo una breve distanza da Karthy e Bilbao, e poco dopo aver lottato Hindley, Jefferson Cepeda e Quintana. Nel frattempo, Yates e Vlasofs riescono a mettere alle spalle Martin.

READ  Goditi il ​​caffè nella mafia

Negli ultimi chilometri pianeggianti fino alla vetta di Boniprati, Yates e Vlasov riuscirono a ritrovarsi, e così inglesi e russi iniziarono con un margine limitato (una decina di secondi) su Martin e Bilbao i successivi sei chilometri dall’affondamento verso il luogo di arrivo della Pieve. De Bono. In questo atterraggio veloce e talvolta pericoloso, Martin è caduto goffamente, cercando di tenere il passo con il miglior discendente Bilbao.

Foto: Color Vos

Il Bilbao vince dopo un atterraggio fortissimo e uno sprint serrato
L’irlandese è tornato rapidamente alla moto, ma ha perso secondi preziosi nella battaglia per la classifica. Nel frattempo, l’allenatore rimbalzante Bilbao ha continuato a cercare il massimo, riuscendo così a colmare il divario finale sui leader di Yeats e Vlasov in brevissimo tempo. I baschi hanno deciso di non esitare e hanno subito preso l’iniziativa e sono riusciti a mettere sotto pressione i loro rivali, ma Yates e Vlasov sono riusciti a consegnare la loro vettura prima della gara finale.

In una gara di cigni morenti, Bilbao alla fine ha superato Vlasov e Yates, anche se la sua corsa veloce non era sicuramente tra gli scritti. Yates compie imprese eccellenti nella lotta per una vittoria totale e non è ancora sopravvissuto a una sola tappa per essere incoronato vincitore assoluto del Tour alpino. Nero Quintana ha attraversato oggi la quarta serie di vittorie consecutive, davanti a Cepeda e Cathay.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24