BioBTX e il Santo Graal della chimica verde Delfzijl: “Tutto il mondo ci ha visitato”

Tre sostanze sono molto richieste: benzene, toluene e xilene (BTX), sostanze aromatiche ricavate dal petrolio. BioBTX a Delfzijl vuole essere la prima al mondo a produrre BTX rinnovabile a partire dai rifiuti di plastica. “Tutto il mondo è venuto a trovarci”.

Hanno il Santo Graal della chimica degli anelli tra le mani? “Beh, va bene, forse, ma non so se questo è il tono giusto per un giornale del nord”, Cor Kamminga Gronings vuole rimanere sobrio. “Sì, in linea di principio”, afferma Ton Vries. “Se riusciamo a raggiungere questo obiettivo con lo stabilimento di Delfzijl, possiamo definirlo un successo Santo Graal .''

BTX è privo di fossili

Dal 2010 Ferris e Kamminga lavorano sull'idea di produrre BTX privo di materie prime fossili. Entrambi lo fanno attraverso le proprie società KNN Group (Kamminga) e Syncom (Vries). Nel 2012 ciò ha portato alla fondazione di BioBTX. In collaborazione con il dipartimento di Eric Heres, stanno conducendo ulteriori ricerche sulla loro idea presso l'Università di Groningen.

Qual è esattamente questa idea?

“In realtà è piuttosto semplice”, afferma Freis. “Nell’industria chimica ci sono una serie di elementi di base che vengono utilizzati molto. Poi si parla di etilene e propilene e si parla di aromatici: benzene, toluene e xilene sono state prese in considerazione le alternative verdi all’etilene e al propilene non è successo per gli aromatici.”

Così Kammenga e Freeze hanno lavorato sul tavolo da disegno sull’idea di riscaldare la biomassa o i rifiuti di plastica. “Pirolisi”, dice Freis. “Quello che succede dopo è che le materie prime vengono scomposte in pezzi, che chiamiamo Lego. Mettiamo questi blocchi in un catalizzatore e li trasformiamo in sostanze aromatiche. Non c'è niente di più complicato di così.”

READ  Il Quebec cerca 700 lavoratori belgi: giornate lavorative a Bruxelles e in Vallonia

Dalla pillola alla maglietta: BTX si usa tutti i giorni

BTX è presente in quasi tutti i prodotti che utilizzi. Piace:

Benzina: elettronica, materiali isolanti, abbigliamento e paracetamolo

Toluene: cosmetici e arredamento

Xilene: bottiglie, vestiti e vernice

Mercato globale da 300 miliardi di dollari

Può darsi che sia così, ma quello che hanno fatto gli abitanti di Groningen non è successo da nessun'altra parte. Tuttavia, hanno ottenuto risultati tali in un impianto pilota che intorno al 2016 inizieranno a pensare alla costruzione di un impianto che produca BTX sostenibile su base commerciale.

Produrre BTX in modo sostenibile è qualcosa a cui tutto il mondo è interessato. Gli aromatici sono le materie prime per prodotti che tutti utilizzano ogni giorno. Il mercato dei BTX è enorme. Il suo valore a livello globale varia dai 200 ai 330 miliardi di dollari.

Questo mondo è arrivato a BioBTX negli ultimi anni, afferma Kammenga. “C’è molta richiesta per questo, tutti sono alla ricerca di un’alternativa al BTX basato sul petrolio”.

Ferris: “È un prodotto popolare. Senza esagerare, penso che le 20 principali aziende chimiche ci abbiano visitato ora e dicano 'Se avvii il tuo impianto, vogliamo qualcosa subito.' Allora stai parlando di aziende come BASF, Shell o Exxon.”

Il primo impianto è molto costoso

Con questa storia in mano, non è stato difficile convincere gli istituti di credito che investire in BioBTX era redditizio. Ma non si può semplicemente parlare di investimenti in nuove tecnologie circolari che non hanno ancora un modello di reddito convincente. “Tutto è nuovo”, dice Kammenga. “Quando sei pronto per il tuo sedicesimo stabilimento, hai l’esperienza e sai esattamente cosa fare”.

READ  “Non andare alla cena di Natale se hai lamentele.”

Ferris aggiunge che il primo impianto è molto costoso. “Nell’attuale industria chimica, la regola pratica è che costruisci un impianto da 100 kilotoni per 100 milioni di euro. Se costruisci un nuovo impianto, avrai un impianto da 25 kilotoni per 100 milioni di euro”.

Ecco perché Kammenga e Freeze hanno riunito attorno a sé un team con conoscenza ed esperienza. E parlano. molto. “La maggior parte degli investitori crede che la tecnologia funzioni. Si tratta di creare fiducia che l'impianto stia facendo ciò che ci aspettiamo che faccia.”

Espandi a 50 kt

Questa è la fabbrica che converte ogni anno 20 kilotoni di rifiuti di plastica in sostanze aromatiche. Se queste quantità verranno raggiunte nel primo anno, l'impianto progettato potrà anche essere ampliato fino a una capacità di 50 kilotonnellate. È anche interessante notare che la tecnologia BioBTX viene venduta all'estero su licenza.

La vendita di licenze è una parte importante del modello di entrate di BioBTX. Allo stesso tempo, è anche più sostenibile. “Non vuoi trascinare quella plastica in giro. Vuoi spostare la pianta dove si trova la plastica.”

Negli ultimi mesi Kammenga e Freeze hanno parlato di investitori tra i loro ultimi milionari. Ora hanno più di 80 milioni per costruire la prima fase della loro fabbrica a Delfzijl. Dicono che il budget è di ampia portata per far fronte agli insuccessi della costruzione.

L’economia circolare non è più un argomento di discussione, sta diventando tangibile

A Groningen viene quindi compiuto il primo passo verso un mondo in cui la produzione di BTX sia meno dipendente dalle materie prime fossili. Il primo passo di un lungo cammino verso il futuro. Freis: “Un impianto BTX maturo può produrre 100 kilotonnellate all'anno. Non si dovrebbe volere di più considerando la quantità di plastica utilizzata. In confronto, l'industria chimica in Europa ha impianti che producono ciascuno più di 1.000 kilotonnellate di BTX a base di petrolio. per anno .

READ  L'incredibile onda di Radcliffe nella nostra galassia, la Via Lattea, non solo assomiglia a un'onda, ma si muove come tale

Il BTX prodotto da BioBTX è rinnovabile, ma non indefinitamente. “Si verifica sempre una perdita di valore lungo il percorso. Ecco perché ci stiamo muovendo anche verso una produzione sostenibile basata sulla biomassa.”

Conclude che è un inizio. Tra poco più di due anni nascerà una fabbrica che converte la plastica in sostanze aromatiche. “Ha dimostrato concretamente che l'economia circolare non è più argomento di discussione, ma in realtà funzionerà. E che al Nord siamo pienamente impegnati in questo senso, anche con aziende come CuRe e Paques Biomaterials a Emmen. Siamo davvero dimostrandolo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24