Bizzarro licenziamento in Italia: allenatore di club dilettanti attraverso la polvere dopo un pugno

Il club dilettantistico italiano Corbinano dovrebbe cercare subito un nuovo allenatore. Non è la grande notizia secondo voi, ma il bizzarro motivo della sua partenza ha suscitato molte polemiche in Italia.

L’allenatore Giovanni Aloci è stato espulso con un cartellino rosso dall’arbitro Andrea Felice nella ripresa, sotto 2-0. Alois non riusciva a controllare le sue emozioni. Dopo alcune minacce verbali, l’allenatore del Corbinano ha dato un pugno pieno all’arbitro. Felice ferma subito la partita e regala a Olegio Costello, della settima divisione d’Italia, un regolare 3-0.

Guida il video

Guarda i migliori video di calcio qui

Altri video

Il giorno dopo, Alozi ha reagito alla partenza Corriere Torino. “Non cercherò scuse. La tensione è così alta che è imperdonabile. Ho fatto una cosa del genere. Mi vergogno così tanto. Ho guardato di nuovo le foto e non mi sono riconosciuto”. Non appena Felice ha smesso di giocare, Aloci ha lasciato il club dilettantistico italiano.

Alosi continua la sua dichiarazione e va in profondità nel terreno. “Dopo la partita posso solo scusarmi con l’arbitro che l’ha fatto personalmente. Chiedo scusa anche al nostro avversario per aver distrutto la partita. Infine, chiedo scusa anche ai miei giocatori e alla società. Un settore giovanile, i ragazzi che ci giocano non dovrebbero mai affrontare si comporta come il mio.” Secondo i media italiani Può essere sospeso per tutto.

READ  L'Italia riapre ai vacanzieri americani che volano con Delta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24