Bruxelles è arrabbiata con la dogana britannica che imprigiona i cittadini dell’UE in arrivo

I passeggeri delle compagnie aeree arrivano all’aeroporto di Heathrow a Londra.Foto dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente

Pochi giorni fa, il quotidiano britannico aveva registrato tristi esperienze di giovani donne, soprattutto giovani donne, provenienti da Italia, Francia, Bulgaria, Spagna, Grecia, Romania e Repubblica Ceca. Sebbene l’intervista sia un motivo legittimo per visitare il Regno Unito senza visto, ad almeno 12 cittadini dell’UE è stato negato l’ingresso. Ha affermato che alcuni di loro sono stati tenuti in carcere per immigrati per diversi giorni Watchman. Un italiano di 20 anni è stato incarcerato per una settimana dopo essere stato ammanettato via dall’aeroporto di Luton. Secondo l’Unione europea, gli inglesi non si stanno comportando nello spirito, o forse no, nello spirito dell’accordo sulla Brexit.

I migranti arrestati non hanno potuto contattare i loro parenti o l’ambasciata. Si teme che questa misura faccia parte di una politica aggressiva volta a scoraggiare la migrazione per lavoro. Secondo il Ministero dell’Interno del Regno Unito, le questioni logistiche hanno svolto un ruolo in questo approccio di vasta portata, come la mancanza di voli per i paesi di origine.

null Beeld Getty
Getty Image

La politica britannica Caroline Lucas, parlamentare verde, ha messo in dubbio ciò che sta facendo il governo britannico. “Che tipo di paese vogliono che siamo?” Dopo i disordini, i ministri hanno chiesto alle forze di frontiera di non imprigionare più i cittadini dell’UE, ma di offrire il rilascio su cauzione ove possibile, in modo che possano attendere il volo di ritorno con la famiglia o gli amici, ad esempio.

Chiama Johnson

I membri del Parlamento europeo hanno informato il presidente della Commissione europea e i leader politici degli Stati membri. Ci si aspetta che rilascino presto una dichiarazione, chiedendo a Johnson di porre fine a queste pratiche. All’inizio di quest’anno, c’erano anche problemi relativi alla Brexit con i britannici che si recavano nei paesi dell’Europa meridionale, ma non c’era ammissione nei centri di detenzione.

La linea dura del governo britannico coincide con la crescente carenza di personale che minaccia di mettere a repentaglio la ripresa economica. Parecchi cittadini dell’UE hanno salutato il paese dopo la Brexit e il blocco ha causato un esodo di massa ancora maggiore. I cittadini europei che vogliono tornare a lavorare dopo l’allentamento, nel settore dell’ospitalità o altrove, devono ora affrontare frontiere chiuse.

READ  Standard & Poor's mantiene il suo standing creditizio Italia | IEX.nl

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24