Calendario – La donna che ami e C'è ancora domani

La vita delle donne è al centro di due film in arrivo nei cinema questo mese. La grande differenza sta nella prospettiva.

Questo è ciò che faccio Realizzato da una donna (Paola Cortellisi) e parla di una donna nell'Italia del dopoguerra, governata dai tradizionali valori patriarcali. Calendario – La donna che amiSi compone di quattro cortometraggi, diretti da un uomo (Stefan Brenninkmeier) e sulle donne di oggi.

Ma sebbene la donna dentro Questo è ciò che faccio È molto lontano da me nel tempo, nel luogo e nel ruolo dai miei coetanei contemporanei calendarioMi sento più legato a lei che a loro. Ciò ha a che fare con gli occhi attraverso i quali viene visto.

In Questo è ciò che faccio Delia vive con il prepotente marito Ivano, la giovane figlia Marcela e due figli problematici in una città dove i soldati americani vigilano sulla pace nascente e il suffragio femminile è proprio dietro l'angolo. Suo marito e i suoi figli la usano come operaia, spazzina e sacco da boxe, e sua figlia la guarda con disprezzo. Per ragioni femministe, a volte potresti voler darle una spinta in più per allontanarla da questa situazione tossica. Ci sono due aspiranti salvatori che restano dietro le quinte: un soldato americano e un ammiratore del passato, che non vogliono altro che aiutarla.

calendario D’altro canto, viene promosso come una raccolta di cortometraggi sulle “donne che li amano”. Ciò che i film hanno in comune è che in realtà parlano di donne (anche se nel primo film… L'ultimo autobussu un gruppo misto di ostaggi in un paese sudamericano, il ruolo principale non è limitato alle sole donne).

READ  Lotte Verbeek in un film sul processo di Norimberga con Russell Crowe e Rami Malek | Film e programmi TV

In Bussare alla porta Una coppia gay è in attesa di un donatore per la fecondazione naturale. gli uccelli Il film ruota attorno a una madre e all'inevitabile momento in cui deve rinunciare alla figlia adolescente. E dentro critico L'amicizia tra le due donne è fondamentale, ma ancora più importanti sono i loro rapporti con i loro uomini. I film sono incorniciati dalla storia di un primo appuntamento tra una donna e un uomo chiaramente non macho e ambientato nel mondo di oggi. La battaglia che Delia ha condotto in Italia nel secolo scorso è già finita; I problemi dei suoi eroi calendario Moderno, riconoscibile, o almeno immaginabile.

Questo è ciò che faccio

identificazione
Tuttavia, questo senso di identità manca, forse in parte perché la rappresentanza non è altrettanto buona ovunque, ma soprattutto perché è abbastanza chiaro che queste donne vengono ammirate da un uomo. In Questo è ciò che faccio Stai letteralmente guardando, vivendo e sperando per Delia, interpretata anche dalla stessa regista Paola Cortellesi. Questo dà al film una marcia in più calendario Non c'è modo di recuperare il ritardo.

Alla fine i personaggi ci sono calendarioI film sono deludenti. Cosa hanno fatto queste donne con le conquiste per le quali i loro antenati hanno combattuto così duramente? Infatti, sebbene Delia sia legata mani e piedi al marito e ai figli, nella sua mente è occupata da cose completamente diverse: la libertà di essere se stessa. Donne dentro calendario Hanno questa libertà, ma cosa ne fanno? Preoccuparsi delle relazioni e dei figli.

Naturalmente non sorprende che ciò li preoccupi ancora. Ma è un peccato definirli.

READ  'Stillwater' è sotto tiro, il regista si fa sentire

Mio nonno è morto
Nel film italiano tutto indica che la vita di Delia sarà determinata da uno dei suoi soccorritori. Ma alla fine, è lei ad essere responsabile del proprio destino, il che è meravigliosamente rinfrescante e liberatorio, mentre le donne di oggi vengono escluse. calendario Continuare a relazionarsi con i propri uomini, convenzioni e ambienti. Una donna la ama, ma ama anche se stessa? Il regista Brenninkmeijer ha sicuramente buone intenzioni, ma i film parlano di donne, non di e per loro.

A differenza delle donne nel film, che sembrano prendersi troppo sul serio, Delia vede se stessa e sua figlia con compassione e umorismo. Questo rende davvero lei (e la regista Paola Cortellisi, attraverso i cui occhi la vediamo) qualcuno da amare.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24