Cass Odenthal spera di seguire le orme di suo nonno con 24 presenze

Giovedì 20 maggio 2021 00:00Chris Major

La Kitchen Champion Division è da decenni terreno fertile per talenti nazionali e internazionali, e in questa stagione ci sono ancora una volta molti calciatori con un potenziale di livello 2. Area di calcio, Media partner ufficiale di Kitchen Champion, mette in luce uno di questi talenti ogni settimana, concentrandosi questa volta su Cas Odenthal, che ha persino indossato la fascia da capitano al NEC Nijmegen più volte in questa stagione.

Scritto da Chris Meger

No, Cass Odenthal (20) non ha ancora trascorso notti insonni verso le semifinali dei Kitchen Champion Play-Off contro il Roda JC Kerkrade, in programma giovedì al De Goffert. “Ho notato che queste sono partite importanti, ma sto ancora dormendo molto bene. È ancora. La giornata in sé è tutta una questione di concentrazione e preparazione. Ma sì, questo è il bello del calcio. Queste sono le partite migliori, ed è quello che fai tu. per questo “, sorride Odenthal. Il NEC – che è arrivato settimo nella stagione regolare – si è qualificato per le semifinali dopo una sorprendente vittoria per 0-4 sul Mir City. “Abbiamo dato una prestazione di squadra incredibile. Penso che siamo stati molto impressionabili e abbiamo giocato bene come squadra, anche in difesa. Questo ovviamente dà una sensazione molto bella. C’è un’atmosfera piacevole e rilassata. C’è una certa tensione, ma questo non prevale. Rende tutti più intensi “.

Una possibile finale dopo una competizione o addirittura una promozione all’Eredivisie sarebbe il culmine di una stagione in cui Odenthal mette alla prova il suo risultato finale. “Ora ho giocato una stagione seria nel campionato professionistico. La scorsa stagione è stata solo cinque partite, quindi non so se quella è stata la mia svolta. So che è una stagione di successo. Ho giocato molto e spero di averlo ‘ Sono in grado di mettermi sulla mappa “, concorda il difensore centrale quando ha visto la scorsa stagione. Nella stagione precedente, Odenthal aveva ancora iniziato come giocatore regolare, ma è scomparso in panchina dopo cinque partite ed è poi rientrato in vigore come sostituto. Lo stesso scenario ha minacciato questa stagione: ha perso di nuovo il suo posto in partenza dopo cinque partite di campionato. Ma questa volta Odenthal ha reagito, dopo la pausa invernale, ha vinto di nuovo un posto tra i primi 11 allenatori di Roger Major e lo ha mantenuto per il momento. In effetti, Odenthal ha indossato la fascia da capitano nelle cinque partite perse da Rens van Eijden.

READ  Robert Lewandowski è uguale a Gerd Muller, Klas-Jan Huntelaar assiste il Borussia Dortmund | calcio

Odenthal ha giocato 32 partite per il NEC in questa stagione, di cui 29 da titolare ed è stato bravo a segnare 1 gol e a realizzare 2 assist.

“Ogni calciatore pensa di dover giocare. Puoi sederti sul divano e sederti e dire che non va bene. Ma puoi anche convertirlo in energia. Penso di averlo fatto. Puoi anche sfruttare lo svantaggio. Quando ti siedi sul divano riduci il tuo tempo. “Gioca e hai più spazio per allenarti. Forse hai trasformato quella frustrazione in energia e in questo modo sono tornato alle basi. Devi guardarti, cosa puoi fare per È facile incolpare gli altri. A questo proposito, forse il capitano è la ricompensa finale per il suo sviluppo. “È un onore e una ricompensa, ovviamente, essere un leader. Non penso che dovresti comportarti in modo diverso quando sei un leader. Non sarebbe neanche buono, immagino. Certo che ero orgoglioso, dà responsabilità. Ma non è che mi comporterò come un ragazzo grande. No, non quello. “

Il suo sviluppo attuale era qualcosa che Odenthal aveva in mente quando ha scelto di sostituire l’FC Utrecht con il NEC tre anni fa. Odenthal, cresciuto a Leersum – che si trova sotto il fumo di Utrecht – ha giocato per anni al Dom City e lì è persino diventato un giocatore internazionale per gli Orange Under 16. Molto speciale, poiché suo nonno Joop Oudenthal giocò 24 partite internazionali per la nazionale olandese tra il 1951 e il 1956. “Sapevi che all’epoca era anche un giocatore professionista di baseball? Questo era ancora possibile. non è più possibile. Baseball ancora, no. Mi interessa di più il calcio “, ride Odenthal. Suo nonno – un ex giocatore di EDO, Haarlem, Sportclub Enschede e Tubantia – ha giocato due partite di baseball ed è una delle tre persone che hanno giocato per una squadra olandese in due sport diversi.

Fino all’estate del 2018, l’Odenthal ha giocato nell’Accademia giovanile dell’Utrecht FC.

“È una grande esperienza essere un giovane internazionale. Quando ho indossato per la prima volta la maglia arancione, è stato molto speciale. Ora lo ricordo. È qualcosa che sogni segretamente quando eri un ragazzino, anche se eri un giovane nazionale”. Mio nonno ha giocato 24 partite nella nazionale olandese, e da La cosa buona è che è arrivato così lontano con il calcio. Fino ad ora posso solo sognarlo, ma ovviamente ci lavorerò. Prima devo far avanzare il mio carriera e poi vedremo cosa succederà. ”Odenthal è un realista. Altrettanto reale, ha scelto di sostituire l’FC Utrecht con il NEC, in quel momento in linea di principio un passo da Eredivisie a Kitchen Champion Division. “A volte devi guardare a ciò che è buono per la tua carriera. Penso che sia positivo per la tua carriera costruirla passo dopo passo”.

READ  Statistiche Europei: Italia, vincitrice del girone, anche il Galles ottiene un biglietto per gli ottavi di finale | Campionato europeo di calcio

Odenthal si unì al NEC nella squadra U-19, che all’epoca comprendeva Bart van Roig, Sofiane Karawani, Anthony Injured, Ayman Slov, Guip van der Sluijs e Dirk Prober, e indossava la fascia da capitano. Gran parte di questa squadra è passata alla prima squadra la scorsa stagione o questa stagione. “È un bene per tutti giocare o partecipare alla prima partita ora. Il NEC ha offerto molte opportunità ai ragazzi e io ne ho fatto buon uso”, sorride Odenthal. Tuttavia, lui stesso doveva essere paziente. “È difficile essere pazienti, sì. Forse questa è la parte più difficile. Ma penso che le cose siano andate bene a causa del mio ambiente.”

Anche in questo sono state importanti le lezioni di Edgar Barretto. Seduto accanto al 36enne paraguay, Odenthal, tornato al NEC la scorsa estate dopo aver girato Regina, Atalanta, Palermo e Sampdoria, è nello spogliatoio. “A volte provo un po ‘di spagnolo, ma poi torniamo rapidamente all’olandese.” Odental ride. “Ha molta intuizione ed esperienza calcistica, puoi imparare molto da questo. Penso che l’intera squadra lo stia facendo. Come gestisco certe situazioni, come si muovono, dove stanno, che tattiche usavano quando giocavano in Italia e come le gestiva lui quando si sedeva in panchina: da lui ho imparato molto io stesso. Offre davvero molto “.

Il miglior terzino destro del KKD, conferma, “ è vero che tanti club mi seguono ”

All’inizio di questa stagione, Voetbalzone ha spiegato su Talentscout Bart van Rooij. Leggi l’articolo

Di recente sembra essere emersa una sorta di connessione naturale tra Odenthal e l’Italia. Ted Van Leeuwen, direttore tecnico NEC, ha detto in una conversazione con Gelderlander Al giovane difensore è stato chiesto di essere “incredibilmente forte mentalmente, non ha senso e può anche difendere bene”. “Questa è una professione sottovalutata nei Paesi Bassi.” Van Leeuwen ha detto: “Presto potrà venire in Italia”. L’allenatore Maggiore Migr Odenthal lo ha descritto come un “killer italiano” per lo stesso giornale. da dove provengono i suggerimenti in Italia. No, per quanto ne so non ho geni italiani “, ha risposto ammiccando.” Sarebbe bello suonare in Italia un giorno, naturalmente. L’ho chiesto a Edgar, ma non con l’idea che avrei suonato lì tra qualche anno. Affatto. Penso che sia interessante sapere perché penso che i migliori difensori vengano dall’Italia. Tatticamente sono molto forti in Italia e penso che ne abbia molta conoscenza, quindi penso che sia interessante parlarne con lui “.

READ  Campionato Europeo di Hockey: le Pantere Rosse passano l'Italia - altri sport

Per il momento, il futuro di Odenthal è ancora nel NEC, dopo aver annullato l’opzione sul suo contratto in scadenza, e quindi rimarrà a Nimega per il momento fino all’estate del 2022. È un anno in cui ha fatto passi da gigante. D’altra parte a causa dei minuti della partita nella sezione Kitchen Champion. “Impara a gestire una certa tensione agonistica. Nelle competizioni accadono cose che non ti aspetti e potresti trovare difficoltà ad allenarti. L’allenamento è più prevedibile dopotutto. Questi minuti di partita sono molto importanti per i giovani giocatori e per anch’io.” D’altra parte, Odenthal è sempre primo nel club con il compagno di squadra Van Rooij in mattinata. Spesso sì. Poi ci tuffiamo in palestra per un po ‘. Allungare, Nucleo Fare. Ogni parte aiuta. Serraggio extra al mattino o Nucleo Fatto, garantisce la prevenzione delle infezioni. “

Garantisce inoltre che Van Roig e Oudenthal prenderanno il via giovedì, quando sarà fissata la semifinale contro Roda. La seconda di tre finali NEC, come la chiama Odenthal. È soddisfatto della stagione finora, ma … “La cosa più importante è che stiamo andando bene come squadra e come società. Speriamo di poter fare il secondo passo verso la promozione giovedì. Sarebbe la cosa migliore. se riusciamo a chiudere bene con il club “.

Sostantivo: Cass Odenthal
data di nascita: 26 settembre 2000
Il club: NEC Nijmegen
posizione: Difensore centrale
punto di forza: Posizionamento, indirizzamento e indirizzamento

Voetbalzone è Official Media Partner della divisione Kitchen Champion

Clicca qui per interviste esclusive, talent scout, lavori attuali e il programma sulla pagina Kitchen Champion Division.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24