Coloro che combattono la corruzione sono sotto tiro

Quando combatti la corruzione, combatti di nuovo quella corruzione. Chiedi alla giornalista investigativa maltese Daphne Caruana Galizia, anche se non può più farlo perché è stata uccisa dai complici delle persone su cui stava indagando. Gustav Makonini, l’avvocato anticorruzione ruandese strangolato e gettato dall’auto, non può più parlare. Né lo era l’attivista brasiliano Marcelo Miguel D’Elia, derubato in un campo di canna da zucchero vicino a casa sua.

Anche agenti di polizia e pubblici ministeri che combattono la corruzione hanno subito contrattacchi. Nel 2017, uomini armati hanno attaccato la casa di Ibrahim Magu, l’ex capo della principale agenzia anticorruzione della Nigeria, l’Economic and Financial Crimes Commission (EFCC), uccidendo la sua guardia del corpo della polizia.

Ma questo Mago alla fine non è stato neutralizzato da bombe e proiettili. Invece, è stato costretto a lasciare l’incarico usando la guerra legale “,la guerra‘, come lo chiamavano gli attivisti – l’abuso della legge per fini politici.

Nel 2020, quando la Commissione per i crimini economici e finanziari stava indagando sulle accuse di corruzione contro l’attuale procuratore generale della Nigeria, Magu è stato arrestato e detenuto dalla polizia con presunte accuse di corruzione, accuse che sono state indagate e respinte tre anni prima. In attesa dell’esito delle indagini, è stato sospeso, gli è stato negato l’accesso alle prove contro di lui per diverse settimane e ripetutamente negato il permesso di difendere o controinterrogare i testimoni.

Il mandato e i termini di riferimento dell’indagine non sono stati resi noti, né è stata fissata alcuna scadenza, esponendo Mago a un processo spaventoso e indefinito. Nel frattempo, Magu, che ha guidato con successo il perseguimento di diversi alti politici e il sequestro di milioni di dollari in beni corrotti, è stato rimosso dalla sua posizione nella Commissione per i crimini economici e finanziari.

READ  Ferrari investirà 500 milioni di euro nella regione originaria

‘legge’

stile simile ala guerraGli attacchi stanno attualmente interessando Olanrewaju Suraju, uno dei più importanti attivisti anticorruzione della Nigeria. L’ex pubblico ministero nigeriano Muhammad Adwaki lo ha accusato di falsificazione di prove. E’ successo nel processo di Milano alle multinazionali petrolifere Shell ed Eni per corruzione, con l’acquisizione del complotto petrolifero offshore nigeriano OPL 245. Per corruzione riguardante l’OPL 245.

Sulla scia delle accuse contro Adoke, Suraju è stato arrestato per essere interrogato da un’unità direttamente supervisionata dall’ispettore generale di polizia nigeriano.

Le accuse di falso contro Surago furono presto ritirate. Ha fornito prove dalle udienze di Milano che le autorità italiane avevano ottenuto i documenti in questione chiedendo assistenza giudiziaria al Regno Unito. Lì, i documenti sono stati annunciati dall’Alta Corte di Londra in una causa intentata dalla Nigeria contro JPMorgan Chase Bank, che ha elaborato i pagamenti per l’acquisizione da parte di Shell ed Eni del campo OPL 245. Il governo federale nigeriano ha quindi presentato i documenti alle sue memorie davanti alla Tribunale di Milano, dove ha chiesto un risarcimento a Eni e Shell sull’operazione OPL 245.

Leggi anche: Come una banca del povero Congo attira i soldi sbagliati da tutto il mondo

Surago è stato rilasciato, ma nei mesi successivi l’unità di polizia – ufficialmente autorizzata solo a indagare sulla cattiva condotta della polizia – ha ripetutamente chiesto di percorrere 500 chilometri dalla sua casa di Lagos al quartier generale della polizia di Abuja per ulteriori interrogatori – nonostante un ordine del tribunale abbia ottenuto che Surago impedire alla polizia di molestarlo ulteriormente.

READ  L'economia digitale offre nuove opportunità per i musei di valore e di reddito

Da allora Surago è stato accusato ai sensi della legge sullo “stalking online”. Tuttavia, la Corte di giustizia dell’ECOWAS ha dichiarato questa legge incompatibile con gli obblighi internazionali in materia di diritti umani e lo stesso governo nigeriano ha promesso di modificarla.

Nell’atto d’accusa, già ampiamente diffuso sulla stampa ma non ancora sottoposto a Surago, Surago era accusato di diffamazione nei confronti di Adoke. È infatti processato per la diffusione di documenti resi pubblici nel processo di Milano e per la ripetizione di dichiarazioni rese dalla stessa Repubblica Federale della Nigeria in tribunale.

Pubblico Ministero

Nel frattempo, l’Italia ha anche citato in giudizio i pm di Milano, Fabio de Pasquale e Sergio Spadaro, per trattenere le prove di innocenza. È probabile che l’accusa assicuri che Di Pasquale, che in precedenza ha incriminato due primi ministri italiani per corruzione, si dimetterà dalla carica di pubblico ministero in un ricorso contro l’assoluzione di Shell, Eni e altri imputati.

Dalla sentenza di assoluzione circolano sulla stampa italiana accuse che, se ammesse, mettono in dubbio la purezza della sentenza.

Le preoccupazioni sull’equità del processo sono emerse per la prima volta nel febbraio 2020, quando Di Pasquale ha cercato di riconoscere una dichiarazione di Piero Amara, un ex consulente esterno di diversi dirigenti di Eni, secondo cui l’Eni sarebbe stata procuratori, testimoni chiave e giudici. Testimoni o ottenere vantaggi legali. I giudici hanno rifiutato di accettare le prove.

Francesco Greco, capo della Procura di Milano, ha confermato che Di Pascual e Spadaro sono stati vittime di “intimidazioni” e che ci sono stati tentativi “di ledere la legittimità della Procura di Milano”.

READ  Marko: "Grande gesto della Mercedes"

Bombe, proiettili e convocazioni. È chiaro che la corruzione resiste. E non sono solo le vite degli attivisti in gioco, ma lo stato di diritto stesso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24