Come può crescere l’economia italiana se non nascono figli?

Due anni fa Roberto Brazal non ce la faceva più. Un imprenditore di Zani, bellissima cittadina nascosta tra le colline venete, ha avuto ancora una volta nel suo ufficio un impiegato nervoso. Era venuta ad annunciare che avrebbe avuto un bambino e temeva che il suo lavoro fosse in pericolo.

L'alto Brazal, proprietario del caseificio che porta il suo nome, pensò tra sé: Questo è tutto. Ha deciso di introdurre un “bonus figlio”: nel mese in cui un dipendente partorisce o adotta un figlio, riceve uno stipendio mensile aggiuntivo. Roberto Brazil: “Voglio dimostrare che è del tutto accettabile avere figli. I miei dipendenti dovrebbero sentire il mio sostegno in questa materia. La paternità è una cosa bellissima, la incoraggio e basta”.

Premia il bambino

19 dei 700 dipendenti di Brazzale hanno ricevuto il bonus bebè.

Ma l'imprenditore rappresenta una piccola e impotente controforza a una tendenza che non può ancora essere invertita: in Italia nascono sempre meno bambini. Quest’anno saranno probabilmente solo 441.000, il numero più basso dall’Unità d’Italia nel 1861. Nel 2017 sono nati 458.000 bambini, rispetto ai 562.000 del 2010.

Immagine Trouw/SS

La ragione principale del continuo calo del numero delle nascite è la diminuzione del numero di donne in età riproduttiva in questo paese. Quindi questo gruppo in diminuzione di solito ha un solo figlio, a volte due e raramente tre figli. Con un tasso di natalità medio di 1,3 figli per donna, l’Italia è all’ultimo posto in Europa. Per fare un confronto: il tasso di natalità olandese – come la media UE – è 1,6.

Questo non vuol dire che gli italiani non vogliano Francescotti o Sofiataghi. Perché è così: la maggior parte delle persone sogna due bambini piccoli. Ma sanno anche che i datori di lavoro evitano i dipendenti con figli piccoli: li considerano pericolosi e complessi. Un numero significativo di donne incinte non vede il prolungamento del contratto di lavoro. Ecco perché nel 2016 un dipendente di Roberto Brazal è entrato nel suo ufficio sentendosi così imbarazzato.

Crisi economica

Ma c'è molto da fare. Gli italiani non lasciano le loro case fino ai 30 anni, in parte a causa della carenza di alloggi in affitto a prezzi accessibili. La crisi economica in corso, gli alti tassi di disoccupazione e la prevalenza di contratti temporanei lasciano le persone tra i 20 e i 30 anni incerte sul loro futuro. Diventano finanziariamente indipendenti in età sempre più avanzata. Pertanto, le donne italiane hanno il loro primo figlio in media solo quando hanno circa 31 anni, mentre gli uomini lo hanno quando hanno 35 anni.

Tutto ciò è molto inadatto all’economia. Perché affinché tutto funzioni bene sono necessari molti giovani, che di solito sono più dinamici e innovativi rispetto agli anziani. “Il nostro calo del tasso di natalità è un problema perché fa invecchiare più velocemente la popolazione, ridurre la forza lavoro e probabilmente diminuire anche la produttività media”, afferma l’economista Carlo Cottarelli nel suo ultimo libro. Inoltre, i giovani sono necessari per pagare le pensioni delle masse anziane.

Dimensioni

I successivi governi hanno tentato, senza successo, di cambiare rotta con misure temporanee: ad esempio, i genitori a basso reddito possono ricevere un “bonus figlio” di 80 euro al mese per tre anni, e le madri che rientrano nel mercato del lavoro possono ricevere sei euro. mesi di assegno per la custodia dei figli e il congedo di paternità obbligatorio è stato esteso a quattro giorni.

Anche l’attuale governo non è in grado di raggiungere una soluzione credibile. La Lega, partner della coalizione, ha recentemente proposto che alle famiglie che avranno il loro terzo figlio nel 2019, 2020 o 2021 venga assegnato gratuitamente per vent’anni un appezzamento di terreno agricolo inutilizzato.

Dal suo caseificio vicino a Padova, Roberto Brazal sta cercando di convincere il Parlamento di Roma a rendere il suo baby bounty deducibile dalle tasse, in modo che più aziende possano offrirlo. Anche se si rende conto anche che la ricompensa è una goccia nell'oceano. Anna Saccardo (33 anni) del Dipartimento Finanze è stata una delle prime dipendenti a ricevere il suo bonus. Nel maggio 2017 Matilda ha ricevuto sul suo conto 1.500 euro. “È stato sicuramente un contributo gradito”, dice la bionda Saccardo nel suo ufficio. “Ma senza il bonus avrei mia figlia. Certo, uno stipendio mensile in più non basta per convincerti quando hai dei dubbi.

Il suo datore di lavoro spiega perché i governi italiani stanno facendo pochi sforzi per aumentare il tasso di natalità: “Molta attenzione e denaro vanno a milioni di pensionati, non ai bambini. Non votano”.

Leggi anche:

“Dobbiamo fare in modo che gli italiani abbiano più figli”.

Il nuovo governo italiano avrà probabilmente un carattere populista di destra. Carlo Cottarelli (54 anni) dice che questa non è una buona notizia per l'economia.

L’Italia è “troppo grande per essere salvata”, ma al governo italiano non importa

I ministri delle Finanze europei hanno assediato oggi il loro collega italiano Tria per il “bilancio del partito” respinto.

READ  Lo Sri Lanka punta sulla diplomazia economica post-pandemia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24