“L’arte è presentare le cose difficili con grazia.”

Il regista francese Alain Augito parla del suo film d'animazione Non sono ammessi cani o italiani, dove fa rivivere la storia familiare dei suoi antenati italiani. Una storia pesante, raccontata con leggerezza, con dettagli belli e toccanti.

Ellen Huisman

Una coppia di anziani siede a un tavolino nella casa di Alain Oguito (72 anni) a Istres, nel sud della Francia. Guardano stupiti la stanza con gli occhi spalancati, le gambe che penzolano oltre il bordo del tavolo. Sono Luigi e Cicera, i nonni italiani del regista francese. Almeno le bambole. Lui portava grandi baffi castani e lei portava i capelli grigi raccolti in una crocchia.

Luigi e Sisera.Foto di Lena Selj

Chiunque abbia incontrato Sisira desidererebbe una nonna simile, se non altro per la sua voce calda e melodiosa. Quando parla, vorresti strisciare accanto a lei. Nel suo film d'animazione Non sono ammessi cani o italiani Attraverso di esso, Oghetto racconta la storia familiare dei suoi antenati italiani, che si stabilirono in Francia come lavoratori migranti dal nord Italia all'inizio del XX secolo. Mentre Sisera prepara gli gnocchi con patate e farina di grano sul tavolo della cucina, fa rivivere il suo amato Luigi raccontandogli di lui, del villaggio italiano di Oghetera dove tutti hanno lo stesso cognome e del loro lungo viaggio alla ricerca di un futuro migliore per la loro famiglia. Giovane famiglia.

Circa l'autore
Elaine Huisman è corrispondente dalla Francia De Volkskrant. Vive a Parigi.

Ogito ha lavorato nove anni al film d'animazione, che potrà essere visto nei cinema olandesi dal 18 maggio. All'inizio di quest'anno Non sono ammessi cani o italiani Il preferito del pubblico (n. 2) all'International Film Festival Rotterdam; Il film aveva già vinto il premio come miglior lungometraggio d'animazione agli European Film Awards e il premio della giuria ad Annecy.

Il regista Alain Ogito nella sua casa a Pasqua.  Foto di Lena Selj

Il regista Alain Ogito nella sua casa a Pasqua.Foto di Lena Selj

Per la promozione, il regista ha portato i suoi “nonni”, almeno due burattini. In totale, il team artistico ha creato circa otto ogito per gli antenati. Perché ce n'è sempre uno nell'”ospedale”, come lo chiama Ogito, la prossima volta che un arto si contorce così tanto che la bambola non riesce a metterlo nella giusta posizione.

READ  Casta Diva acquisisce il 100% di Akita Film per oltre 8 milioni di euro - 7 novembre 2023 19:26

Ughetto passava le serate a cercare online le sue cose; Un modesto gregge di pecore di plastica, una macchinina e una mucca di plastica sono esposti come piccole curiosità in una vetrina nel suo soggiorno.

Spaghetti figlio di puttana

Le guide di Ughetto sono agili e affettuose Non sono ammessi cani o italiani Lo spettatore ripercorre la storia della sua famiglia, attraverso le due guerre mondiali, l'influenza spagnola, il fascismo, la discriminazione e la povertà. I temi principali, raccontati con dettagli belli e toccanti: A casa di Ogito, giorno dopo giorno c'è la polenta in tavola, una farinata di semolino che devono mangiare con la forchetta perché costa poco con il latte costoso. I bambini imparano le prime parole in francese dai compagni di classe: Fils de pot de maccheroni – Pasta, figlio di puttana. Pochi mesi dopo la naturalizzazione dell'intera famiglia in Francia, l'esercito di Mussolini invase il dipartimento francese dell'Alta Savoia, dove si era stabilita la famiglia Oghetto. Mentre una bomba italiana distrugge parte della casa, suona una canzone francese Le rose candeggina Senza disturbi dalla radio.

“Soprattutto, volevo evitare la depressione”, dice Ogito davanti a un drink. “Gli italiani sono forti in questo: fanno film che sono fondamentalmente molto pesanti, ma raccontati con umorismo. C'è una certa eleganza in questo, mi piace. È molto facile far piangere la gente. L'arte è trasmettere le cose difficili con grazia. Non sono ammessi cani o italiani Volevo rendere omaggio a mia nonna. Fondamentalmente è un film d'amore, sull'amore per la famiglia.

null Foto di Lina Selg

Foto di Lena Selj

Il regista ha dovuto scavare molto per quella storia. Nonna Cicera morì quando lui aveva 12 anni, e lui non conobbe mai suo nonno. Ughito dice che nella sua famiglia l'Italia è stata accuratamente cancellata. “Quando i miei nonni emigrarono in Francia, gli italiani erano davvero disprezzati, ed erano il capro espiatorio di tutto a quel tempo. Mia nonna voleva essere più francese dei francesi stessi, un atteggiamento nato dalla paura. Non una parola di italiano era non si parla più a casa; né dai miei nonni né da mio padre.

“Tutta la mia educazione è stata quella di assicurarmi di non risaltare. Era anche un atteggiamento: 'Non guardare indietro, vivi qui e guarda avanti'. Il passato è stato sepolto in modo che non pesasse su di noi da bambini.” Era il loro modo di amarci”.

L’Italia però era lì senza preavviso, grazie alla nonna. “Negli gnocchi che ho fatto, nella polenta”. Nei suoi gesti e nella sua generosità. Il ricordo che conservo di più è come scioglieva la crosta di formaggio sul fuoco e mi dava da mangiare. Posso ancora vedere il modo in cui mi guardava: un grande sorriso.

null Foto di Lina Selg

Foto di Lena Selj

Bella miseria

Per ricostruire la storia, Oghito ha chiesto a tutti i familiari che conoscevano Sisera e Luigi quali fossero i loro ricordi. In tal modo è riuscito a ricostruire la storia della parte francese, pezzo per pezzo. Per quanto riguarda la parte italiana, il regista ha trovato una miniera d'oro nelle opere dello scrittore italiano Noto Revelli. scrivere Il mondo del vanitosoUscito in Francia nel 1980, racconta la vita dell'epoca attraverso le testimonianze dei contadini piemontesi.

“Il modo in cui parlavano della guerra e della miseria con parole loro era davvero impressionante. Quando l'ho letto – wow! Il modo in cui parlavano della povertà era bellissimo. Scoprire questo libro è stato un grande dono per me.”

immagine

“Non sono ammessi cani né italiani”

Costruito con materiali provenienti dall'ambiente in cui vivevano, il mondo di Luigi e Cesira prende vita in uno scenario di alberi di broccoli e montagne di carbone. “Ho trascorso una settimana al Passo dell'Agnell, al confine tra Italia e Francia, fotografando paesaggi e cieli in continua evoluzione, che sono diventati lo sfondo che abbiamo utilizzato come base.

Lo stesso regista è presente nella storia attraverso le sue mani, con le quali costruisce il set come un tuttofare nel suo studio, oppure consegna qualcosa a nonna Cicera perché possa continuare la storia. Ughito afferma che lo stop motion è un importante progetto artigianale, un inno all'artigianato della sua famiglia. “Mio nonno ha fatto tutto da solo e ha trasmesso tutto il sapere a mio padre.

Lui stesso ha realizzato, tra l'altro, la testa di nonno Luigi, con i suoi tipici baffi e lo sguardo sempre stupito. “Hanno tutti questi occhi grandi, quasi sporgenti. Mi piace: arrivano come immigrati e tutto intorno a loro è nuovo”.

immagine

“Non sono ammessi cani né italiani”

Rendendo visibili le sue mani, Ogito ha potuto rendersi parte della loro storia. E per chi lo sa, Ughetto fa rivivere il suo “nonno”: “Volevo mostrare come Luigi cerca di impressionare Sisera lasciandogli lanciare sassolini nell'acqua del fiume”. Ho mostrato i movimenti che abbiamo filmato. In base a quelle foto, Luigi è stato collocato nella posizione corretta. Quando ho visto il risultato sono rimasta stupita: ho visto me stesso, mio ​​nonno, muovermi come me!

Ferrari

Ogito dice che realizzare il film gli ha portato pace. L’interesse per le mie radici italiane è lentamente cresciuto. Durante i miei studi sono rimasto affascinato dagli artisti italiani, ma non sono mai riuscito a collegarmi con la mia storia. Questa realizzazione arrivò solo più tardi. Trovare la risposta alla domanda da dove vengo è importante, almeno per me. Ricostruire la storia della mia famiglia mi ha ricaricato e mi sento più in pace. Ho meno paura, non mi nascondo, parlo sul palco.

“Oltre ad essere una storia difficile e piena di esperienze, è anche una bella storia che posso trasmettere ai miei figli. Quando ho mostrato il film a mia sorella e a due dei miei fratelli, non sapevano cosa dire . È stato come regalare loro una Ferrari. È un bel regalo di famiglia.

Foto di Alan Ogito di Lena Selig

Alan OgitoFoto di Lena Selj

Storia universale

Quando ha visitato per la prima volta Oguetera, il suo villaggio ancestrale italiano, il regista Alain Ogueto è rimasto sorpreso nel vedere ovunque auto con targa francese – di proprietà di altri discendenti di immigrati italiani. Ha scoperto che la storia della sua famiglia italiana “cancellata” è una storia universale. La voce di nonna Sisira è interpretata dall'attrice francese Ariane Ascaride. L'ho sentita alla radio parlare della sua storia italiana. Suo padre non voleva che parlasse italiano. Poi ho pensato: condividiamo la stessa storia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24