Vecchi e privi di documenti: preoccupazioni per un gruppo crescente di anziani privi di documenti

Secondo diverse organizzazioni umanitarie come Regenboogroep e Kruispost, il numero di anziani non registrati nella città sta aumentando in modo significativo. È difficile dire esattamente quante persone siano coinvolte perché molte persone vivono sotto il radar. Le organizzazioni umanitarie sono preoccupate. Questo gruppo è a rischio e ha difficoltà ad accedere all’assistenza sanitaria: “Le persone lavorano letteralmente fino allo sfinimento”.

ALLE 5

“Riportate indietro il vecchio logo dell'Ajax”, recita il poster nella stanza dell'algerino Abdelhak (66). Dovrebbe saperlo, perché negli anni in cui l'Ajax giocava ancora con il vecchio stemma sul petto, era già in Olanda. Vive qui senza documenti da 33 anni. A volte per strada, a volte in garage, a volte in un rifugio, a volte con gli amici, a volte in prigione.

Da diversi mesi vive nel rifugio di emergenza HVO-Querido, nella parte occidentale. Prima di ciò, ha vissuto per strada per nove mesi. Fino a quando non si ammalò troppo per vivere per strada. Si è svegliato in ospedale e in seguito ha ottenuto un posto al pronto soccorso. “Si sta bene qui”, dice dalla sua modesta stanza. “Va bene, molto meglio che fuori.”

Quando una persona è priva di documenti?

Una persona che soggiorna nei Paesi Bassi per più di tre mesi senza un permesso di soggiorno valido è considerata illegale o “priva di documenti”. In questo gruppo rientrano i richiedenti asilo respinti, gli immigrati clandestini e le persone che hanno ricongiunto le loro famiglie senza permesso di soggiorno.

Queste persone non registrate non hanno diritto ai servizi sociali come benefici o assicurazioni. Hanno il diritto di ottenere le cure mediche e l’assistenza legale necessarie. Se qualcuno non lascia i Paesi Bassi da solo, corre il rischio di arresto e deportazione.

READ  Gli abitanti delle città viaggiano in tutto il mondo con gli stessi schemi

Occupato nella sala d'attesa e nella reception

La direttrice dell'organizzazione medica di volontariato Kruispost, Stevie Janssen, visita nel suo studio sempre più pazienti anziani e privi di documenti. “Vediamo che il gruppo degli anziani sta crescendo. È difficile dare una cifra, ma abbiamo fatto una stima e siamo arrivati ​​a circa 4.500 persone non registrate sopra i 60 anni ad Amsterdam. Circa il 20% dei pazienti che visitiamo hanno più di 60 anni”, dice. .

Anche Frederik de Vlaming del Regenboog Groep è preoccupato per l'aumento del numero di anziani residenti ad Amsterdam senza documenti. “Vediamo sempre più anziani bussare alla porta del centro di accoglienza”, dice, “questo era previsto. Questa è la generazione che è arrivata qui negli anni Ottanta e Novanta”.

“Circa la metà dei medici di base di Amsterdam a volte rifiutano un paziente privo di documenti”.

Jasper Kuipers – Direttore di Medici del Mondo

Richard Staring è ricercatore presso l'Università Erasmus e descrive l'aumento come una logica conseguenza della catena migratoria e del passare del tempo. “Un problema è che le persone stanno peggiorando fisicamente. Ciò causa tutti i tipi di disturbi e malattie. Anche l'accesso formale al lavoro e all'alloggio è chiuso. E fare soldi è difficile, soprattutto con questi disturbi fisici. Se sei giovane e in forma, vieni avanti, è più facile trovare lavoro.” “

Per avere assistenza gratuita se sei senza documenti, ad Amsterdam puoi rivolgerti non solo al Kruispost, ma anche a Doctors of the World sull'Osdorpplein a Nieuw-West. Il direttore Jasper Kuipers vede nel suo studio le conseguenze di una vita difficile sulla strada: “Molte persone vivono letteralmente per strada e questo si ripercuote sulla loro salute. Ciò significa che le persone invecchiano più velocemente e sviluppano più rapidamente i disturbi legati all'età” ,” lui dice.

READ  Earendel - la stella più lontana mai osservata

Ciò emerge anche dai dati diffusi dalla CAK, l'organizzazione che gestisce il fondo governativo a cui possono rivolgersi le persone che non possono assicurarsi per risarcire le spese sanitarie. Tutti nei Paesi Bassi, comprese le persone prive di documenti, hanno diritto alle cure coperte dall'assicurazione di base. Nel 2020, questo schema è stato richiesto 37.461 volte, e nel 2022 è stato 58.554. Questo numero è aumentato di oltre un terzo.

ALLE 5

Nonostante questo aumento, nella pratica sembra che non sia sempre possibile applicare questo schema. A causa della carenza di medici di base, dell'elevato carico di lavoro e poiché gli ambulatori non sono sempre a conoscenza del programma, quasi la metà dei medici di Amsterdam a volte rifiuta un paziente privo di documenti. Anche i medici di medicina generale a volte si vergognano del dispendioso lavoro amministrativo coinvolto in tale pubblicità.

Al rifugio, il fiammingo vede regolarmente il risultato di persone che continuano a lamentarsi troppo a lungo perché sono troppo anziane. Ciò riguarda soprattutto le persone con insufficienza renale, diabete, problemi alla schiena, disturbi di stress, cancro e demenza.

“Molte persone temono anche la deportazione”, afferma Richard Staring dell'Università Erasmus. “Poi iniziano a curarsi da soli. Questo è pericoloso. Altri iniziano a trascurare se stessi. A volte i problemi medici diventano irrisolvibili.”

“Amsterdam non funzionerebbe senza queste persone. Lavorano nei rifugi, nelle pulizie e in cucina. Ora li lasciamo andare.”

Jasper Kuipers – Direttore di Medici del Mondo

Secondo il consulente responsabile Rutger Groot Wassink, il rifugio aperto 24 ore su 24 per gli immigrati clandestini tiene attualmente conto del gruppo di anziani. Seguendo il consiglio del GGD, alle persone potrebbe essere data priorità per quanto riguarda il ricovero. Ad esempio, l’età e il grado di autosufficienza sono indicatori utilizzati.

READ  KNMI nel nuovo rapporto sul clima: il mare potrebbe essere 2 metri più alto qui nel 2100

Riconosce anche i problemi e dice di essere preoccupato per questo gruppo, soprattutto quando non ricevono le cure corrette e tempestive. Tuttavia c’è anche un dibattito. Secondo la legge, queste persone sono illegali ad Amsterdam. Quindi la domanda è se ci si può aspettare le stesse agevolazioni per questo gruppo di persone, a cui in molti casi i tribunali hanno deciso che non è consentito stare qui.

Secondo Staring è chiaro: “Non credo che ci sia motivo di dire che non avrebbero dovuto essere qui. Vuoi che queste persone muoiano illegalmente? Distogli lo sguardo? Sono semplicemente lì, le loro famiglie .” “Le procedure di asilo o di espulsione sono fallite, o il rimpatrio non è più possibile. Quindi, come governo, devi fare qualcosa al riguardo. E anche combattere gli abusi come quelli di persone che impazziscono o fanno qualcosa agli altri.”

“Preferirei tornare in Algeria, ma questo non è possibile a causa della mia salute”.

Abdul Haq (66)

Stevie Janssen: “Sarebbe utile se esistessero rifugi specifici per gli anziani, anche se questo non dovrebbe andare a scapito di altri posti. Ma dobbiamo renderci conto che questo gruppo non è più autosufficiente”, dice il direttore di Crosspost.

“Non posso tornare indietro”, dice Abdul Haq. “Questo non è possibile a causa della mia salute. Anche se mi piacerebbe. Penso al mio Paese ogni giorno. Non lo dimenticherò mai.”

💬Contattaci tramite WhatsApp!
Hai qualche consiglio? O hai fornito una foto o un video interessante? Mandaci le tue notizie 0651190938!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24