Con la punta delle dita esperte, il biologo cieco Gerat Vermeij ha scoperto importanti leggi dell'evoluzione

Doveva essere circa dieci anni fa. Nel mio ufficio a Naturalis ho ospitato per alcuni giorni un visitatore speciale: il famoso biologo olandese grande vermageprofessore all'Università della California, Davis, vincitore di tre prestigiosi premi scientifici, membro della National Academy of Sciences e autore di sette libri innovativi.

Quella mattina mi chiese se potevo dargli qualcosa ToracostomiaPotrebbe sembrare: piccole lumache malesi di pochi millimetri con spine calcaree sul guscio della lumaca che stavo cercando in quel momento. Ho preso una provetta contenente alcuni campioni essiccati, ho tolto il tampone dall'apertura e ho cosparso i gusci di lumaca sul palmo della mano di Vermeij. Con l'indice dell'altra mano toccò delicatamente uno degli oggetti fragili. I suoi occhi sembravano fissare lontano e sul suo volto apparve un enorme sorriso. “Oh sì, davvero!” “Come una miniatura”, ha detto, con un leggero accento americano e un tono giocosoMurex!” – un genere di grandi lumache marine con conchiglie piene di grumi e spine.

Gerat Vermeij è cieco. Nacque (a Sapmir nel 1946) con un glaucoma congenito, che gli causò dolori insopportabili per i primi tre anni e mezzo di vita, nonostante operazioni, cure e farmaci, e limitò gravemente la sua vista. Alla fine, i suoi genitori disperati hanno deciso – “una decisione saggia”, dice Vermeij – di seguire il consiglio del medico e rimuovere entrambi gli occhi del figlio. In la biografia Vermeij scrive di aver visto una luce gialla sul tavolo operatorio, “e poi non è rimasto più nulla”.

Conchiglie sul davanzale della finestra

Una volta guarito, Fermi trascorse cinque anni in una serie di collegi severi e alquanto oppressivi per ciechi e ipovedenti a Huis ter Heide, Den Dolder, Schoorl e Bussum. Ciò che ricorda principalmente di quel periodo sono i tormenti quotidiani dell'obbligatorio cucchiaio di olio di fegato di merluzzo e i suoi inutili tentativi di fare qualcosa per lo studio della natura: raccogliere ciottoli e classificarli al tatto, per esempio – invano perché erano sistematicamente scoraggiati . Tuttavia, conobbe le benedizioni del Braille. “Rende i ciechi istruiti”, dice. “Impariamo a scrivere le parole; questo ci rende indipendenti Nel suo ufficio a Davis Si compone di infinite file di cartelle sospese contenenti pubblicazioni scientifiche scritte in Braille. Inoltre, impiega un esercito di lettori devoti e alle prime armi, che gli leggono ma riconoscono anche rapidamente i passaggi che sono essenziali per lui.

Alla fine finì negli Stati Uniti perché i suoi genitori decisero di emigrare nel 1955. Nel New Jersey, Fermi finì in un sistema educativo che trattava i ciechi in un modo completamente diverso (e molto migliore per lui). Ha frequentato una scuola normale. Ha imparato a usare la macchina da scrivere per poter comunicare anche tramite testo scritto “semplice”. È stato affidato alle cure di insegnanti come la Sig. Saplow, che gli ha permesso di unirsi a pieno titolo al resto della classe e ha permesso al suo interesse per la scienza e la natura di fiorire. Un giorno gli portò un libro in Braille che cominciava con una parola che ancora non conosceva: trilobiti.

READ  Il telescopio James Webb acquisisce un'immagine composita del sistema anulare Cartwheel - IT Pro - Geeks

Da quel momento in poi, Fermi consumò tutto ciò che riuscì a trovare in Braille su geologia, biologia e scienza. Un'altra insegnante ha portato conchiglie tropicali dalla sua vacanza in Florida e le ha esposte sul davanzale della finestra della sua classe. “Si sentivano come se fossero stati realizzati da uno scultore […]. Le costolette delle vongole erano fresche, croccanti e ben condite […] Piccole squame alte. L'interno dei gusci non era ruvido ma lucidato molto più liscio di quanto pensassi possibile. C'erano anche gusci di lumache dalle forme inaspettate. che dire Lumaca fulmineaCon la corona ferita da un lato e il tronco esteso dall'altro?

Il suo interesse fu quindi stuzzicato per gli oggetti di storia naturale e infine per le questioni ecologiche ed evolutive che sollevavano. “La mia curiosità era sfrenata”, ha scritto nella sua bellissima autobiografia Mani distintive (che purtroppo non è stato tradotto in olandese). “Ho detto a chiunque volesse ascoltare che volevo diventare uno specialista di conchiglie. Non sapevo quasi cosa fosse, ma quel termine era usato per riferirsi ai collezionisti di conchiglie nei libri che leggevo. Ed è quello che è diventato Vermeij.”

Nel suo nuovo libro, esplora le somiglianze tra evoluzione ed economia

Ma è diventato molto più di questo. Con i polpastrelli allenati è riuscito a estrarre dalle conchiglie (contemporanee, ma anche fossili) segreti che lo hanno portato a scoprire importanti leggi evolutive. Anche se inizialmente come collezionista di conchiglie tendeva a includere solo gli esemplari più belli e raffinati nella sua collezione, la sua carriera successiva iniziò con la consapevolezza che un mondo di conoscenze di storia naturale era aperto allo studioso di conchiglie che sapeva anche valutare gli esemplari imperfetti perché gusci danneggiati Spesso appartengono a lumache che sono state attaccate da un predatore durante la loro vita e sono sopravvissute e hanno riparato il danno. “Gli organismi viventi hanno nemici, e i nemici hanno conseguenze”, dice Vermeij.

Vermeij afferma che queste conseguenze, a lungo termine e su larga scala, si riflettono in ciò che fa Escalation evolutiva Si afferma: Lo sviluppo simultaneo di interi animali come risultato della costante esposizione a predatori e concorrenti, che rende loro la vita difficile. Vermeij sottolinea che spesso non c’è interazione: la pressione evolutiva viene principalmente “dall’alto”. Sono i predatori che influenzano l’evoluzione della preda, per non parlare viceversa, tranne forse in casi specifici e rari in cui un tipo di predatore dipende da un tipo di preda e la preda non contiene anche altri predatori. In una situazione del genere, potresti entrare in una reciproca corsa agli armamenti, ma Vermeij lo incontra raramente nella sua ricerca paleontologica. Si ritiene spesso che la difesa di un'intera gamma di specie di prede si evolva a seguito del cambiamento del pericolo. Ad esempio, vide che nel periodo Cambriano, mezzo miliardo di anni fa, tutti i tipi di organismi iniziarono improvvisamente a scavare nel fondale marino: un'inconfondibile risposta evolutiva al codice rosso: l'evoluzione di enormi e potenti predatori.

READ  Per la prima volta è stata osservata la “superchimica quantistica”.

Sviluppo ed economia

La sua attenzione alla predazione e al pericolo fece sì che Fermi vedesse le attività umane come attività economiche in un modo completamente diverso. Nel suo libro Natura: una storia economica Fa un tentativo riuscito di trovare somiglianze tra evoluzione ed economia. Ad esempio, tastando migliaia di gusci di lumache fossili, scoprì che molti di loro avevano un dente sul bordo dell'apertura della bocca. Utilizzando i cosiddetti denti labiali, le lumache predatrici possono aprire le loro prede (spesso cirripedi o ostriche) molto più velocemente di quanto potrebbero senza quel dente. Non sorprende quindi, come scoprì Vermeij, che questo dente labiale si sia evoluto in modo indipendente almeno sessanta volte negli ultimi ottanta milioni di anni, ma quasi esclusivamente in condizioni calde e ricche di sostanze nutritive.

Proprio come nell’economia, una situazione in cui molta energia viene pompata nell’ecosistema offre maggiori opportunità di innovazione e queste innovazioni (come quelle denti labiali) fanno crescere contemporaneamente l’economia. Nell’economia umana ciò può essere visto nella quantità di denaro in circolazione, e nell’economia naturale dell’ecosistema nella quantità di cibo o energia.

Lo potremmo definire un grande biologo evoluzionista: qualcuno che è sempre alla ricerca di modelli che vadano oltre lo specifico. E certamente non solo quando si tratta di conchiglie. Se sei Le sue pubblicazioni Negli ultimi anni ti sei imbattuto in titoli come “Fenotipi proibiti e vincoli evolutivi” e “Difese delle piante sulla terra e sott’acqua: perché così diverse?” e “Perché le lumache non fanno rumore?” Ha scritto articoli sulle specie aliene invasive, sulla maggiore biodiversità sulla terra rispetto al mare, sulle specie cronicamente rare, sull'evoluzione del sangue caldo, sulle grandi dimensioni corporee, sulla fotosintesi nei molluschi, sui batteri che aiutano la crescita dei gusci delle ostriche e sul perché le piante hanno i capelli. .

Si potrebbe pensare che abbia perfettamente senso: un biologo talentuoso, curioso, cieco, che quindi non può condurre ricerche da solo, non può fare altro che leggere molta letteratura, magari toccare qualche conchiglia, pensare molto e inventare così nuove idee e scrivere brevi articoli lì.

Ma la realtà è diversa. Fin dalla tenera età, Vermeij non ha lasciato che la sua cecità gli ostacolasse la vita di biologo sul campo. Con i colleghi o con sua moglie, la biologa molecolare Edith Zipser, ha condotto ricerche su lumache e granchi marini. Contro il consiglio di tutti i funzionari iperprotettivi, si unisce alle navi da spedizione, si arrampica su scale di corda e salta dalle barche a vela rimbalzanti fino alla riva e ritorno. Mette le mani sotto le rocce e le barriere coralline sporgenti alla ricerca di crostacei. Dice che a volte viene punto da un riccio di mare o pizzicato da un granchio, ma le cose vanno sempre bene. Tranne quando è stato punto al piede da una piccola pastinaca. Oh sì, e quella volta gli sono rimasti dei punti alle dita a causa di un morso di murena. Ma lo considera anche un piccolo prezzo da pagare per la vita libera del mondo naturale.

READ  Le ore di punta serali in Belgio e Francia sono disturbate dalle azioni degli agricoltori

Foresta di biciclette

In effetti, quando esci con lui, anche in un ambiente innocuo come Leida, si comporta come qualsiasi altro biologo sul campo. Sebbene usi altri sensi, parla degli animali e delle piante che “vede”. È costantemente attento ai suoni, alle forme e agli odori. Quando ho camminato con lui attraverso il deposito di biciclette della stazione centrale di Leida, ha subito notato diversi passeri domestici che chiacchieravano tra i “cespugli” delle biciclette parcheggiate.

E ora c'è il suo ultimo libro, Sviluppo della forza. In questo progetto, il paleontologo 77enne indaga l'evoluzione della forza. “Gli organismi viventi hanno bisogno di energia e tempo per utilizzare o consumare tale energia”, afferma. “E cos'è l'energia x il tempo? Origini!” La forza si manifesta in natura in molti modi, come la forza della chela di un granchio, la velocità di un rapace o la dimensione di un pesce. tirannosauro Rex. L’alta energia generalmente fornisce benefici in natura. A parte alcuni alti e bassi legati alle estinzioni di massa, Vermeij scopre che le dimensioni del corpo, la velocità, la capacità di mangiare e il tasso di crescita sono aumentati nel corso del tempo geologico.

Lo vede a livello individuale ma anche a livello di gruppo: “I predatori giganti del Cretaceo erano effettivamente più grandi dei più grandi predatori di oggi, ma avevano un tasso metabolico inferiore e funzionavano meno bene in gruppo rispetto ai predatori mammiferi di oggi.” Un grande branco di lupi o di orche ha più potere di uno solo T-Rex“, Lui dice.

Si arrampica su scale di corda e salta da barche rimbalzanti

Per lui l’uomo rappresenta il culmine inquietante di questa tendenza. “Negli ultimi secoli, il nostro potere come specie è aumentato di 800 volte”, dice, che è lo stesso aumento di potere che si è verificato nel resto della natura negli ultimi tre miliardi di anni. Quando gli esseri umani superarono i propri limiti, sfruttarono fonti di energia che la natura vivente non era mai stata in grado di utilizzare e cooperarono in gruppi sempre più grandi, emerse il monopolio di un’unica specie. Questa è la prima volta nella storia della Terra. “Agli economisti non piacciono i monopoli, ed è anche una situazione insostenibile dal punto di vista ambientale, perché non ci sono altri organismi che possano tenerci sotto controllo”, dice Vermeij.

Quindi crede che dovremmo farlo da soli. Secondo lui dovrebbe essere possibile rallentare la crescita dell’economia senza provocare immediatamente una recessione o una depressione. Queste sono forse le idee più importanti che questo ragazzo cieco di Sapmir ci ha trasmesso nella sua lunga, allegra e fruttuosa vita di biologo.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24