Con una mossa a sorpresa, Meta ha ritirato la musica dei cantautori italiani dalle sue piattaforme. È legato a “L'anno dell'efficienza” di Mark Zuckerberg?

MBW Explains è una nuova serie di funzionalità analitiche in cui esploriamo il contesto dietro i principali punti di discussione nell'industria musicale e suggeriamo cosa potrebbe accadere dopo…


Quello che è successo?

questa settimana, Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE)Meta, che rappresenta decine di migliaia di cantautori in Italia, ha rilasciato un comunicato stampa in cui annuncia che il colosso tecnologico statunitense Meta ha deciso di “escludere” la sua raccolta musicale da servizi come Facebook.

Secondo la Siae, la decisione di cancellare le canzoni dei propri iscritti ha lasciato “perplessi” compositori ed editori italiani.

La Siae sostiene di essere stata invitata ad accettare l'accordo di licenza proposto da Meta, “a prescindere da ogni valutazione trasparente e condivisa sull'effettivo valore delle munizioni”.

Spiegando l'affermazione, la SIAE ha detto a MBW che “Meta ha fatto un'offerta economica del tipo 'prendere o lasciare', minacciando di rimuovere il contenuto se l'offerta non fosse stata accettata dalla SIAE.”

Lo dice la SIAE Non l'ha fatto Accettando tale offerta, Meta – che risulta non avere una licenza attiva per il riferimento SIAE dal 1° gennaio 2023 – “improvvisamente e unilateralmente” ha iniziato a rimuoverne il contenuto.

“Si chiede alla SIAE di accettare la proposta unilaterale di Meta, prescindendo da ogni valutazione trasparente e condivisa sull'effettivo valore delle munizioni. Tale posizione, unita al rifiuto di Meta di condividere informazioni rilevanti per raggiungere un giusto accordo, è chiaramente in contrasto con i principi. stabilito dalla Direttiva sul diritto d’autore.” Che è stata vigorosamente difesa da autori ed editori in tutta Europa.

Comunicato stampa diffuso dalla SIAE giovedì (16 marzo)

La SIAE afferma che la decisione di Meta di rimuovere i suoi contenuti si applica a tutte le imprese che gestisce direttamente Siayad eccezione di quelle ottenute tramite sublicenza, e come licenza multiterritoriale, è valida in tutti i paesi europei e fuori dal territorio dell'Unione Europea (ad eccezione di diversi paesi, come gli Stati Uniti).

La SIAE afferma di aver informato ufficialmente Meta che “[impossible] accettare l’offerta” perché un genitore su Facebook “non ha mai condiviso le informazioni di base necessarie per una trattativa equa”.

La SIAE aggiunge che “oLe obiezioni riguardano il fatto che Meta ha offerto un valore aggregato senza fornire le informazioni necessarie al riguardo Siay Per valutare se si tratta effettivamente di un giusto compenso per i titolari dei diritti”.

La SIAE sostiene che l'interpretazione di Meta della sua offerta non negoziabile rientrava nei “limiti di budget”.


Qual è lo sfondo?

C’è uno sfondo in due parti dietro questa storia.

prima parte: Questa notizia arriva in un momento in cui il rapporto dell'industria musicale con Meta sta migliorando.

L'estate scorsa, morto Annunciare Cambia il modo in cui gli artisti e i titolari dei diritti musicali verranno pagati da Facebook e passerà a un modello di “quota di condivisione delle entrate” per i contenuti video generati dagli utenti.

READ  La gente del posto ha citato in giudizio la HBO per le riprese durante le registrazioni della serie

Questa è una politica che molti nel settore musicale ora chiedono anche a TikTok di implementare.

Nel frattempo, l’anno scorso Meta ha firmato nuovi accordi di licenza multiterritoriale con giganti del settore tra cui Universal Music Group, Warner Music Group e Kobalt Music Publishing.

E anche: secondo la fine La musica è nell'aria Secondo il rapporto, Goldman Sachs stima che Facebook abbia contribuito a ciò 29% Da tutti gli introiti pubblicitari delle piattaforme emergenti versati all'industria discografica nel 2021.

Quale 29%Il MBW (basato sui numeri Goldman/IFPI) è calcolato a poco più 400 milioni di dollari.

Ricorda: questo è solo per un anno e copre solo i soldi pagati all'industria discografica (non al settore dell'editoria musicale)


La seconda parte: Passiamo ora alla salute finanziaria del meta.

Meta considera il 2023 come quello che Mark Zuckerberg ha recentemente definito “l’anno dell’efficienza”.

Questo mese Meta ha annunciato una nuova tornata di licenziamenti, con… 10.000 Si prevede che i dipendenti perderanno il lavoro in una misura di risparmio sui costi.

Ciò è avvenuto sulla scia di un altro licenziamento su larga scala a Meta annunciato a novembre, per un totale complessivo 11000 Ripetizione. Pertanto, dopo due cicli di licenziamenti nello stesso periodo di sei mesi, Meta ha cessato l'attività 20.000 I dipendenti vanno.

“Per gran parte della nostra storia, abbiamo assistito a una rapida crescita dei ricavi anno dopo anno e abbiamo avuto le risorse per investire in molti nuovi prodotti”, ha scritto Zuckerberg ai dipendenti di Meta all’inizio di questa settimana “Ma l’anno scorso è stato un umiliante campanello d’allarme .”

L’economia globale è cambiata, le pressioni competitive sono aumentate e la nostra crescita ha rallentato in modo significativo. Abbiamo tagliato i budget, ridotto la nostra impronta immobiliare e preso la difficile decisione di diventare licenziati 13% della nostra forza lavoro”.

“Dobbiamo prepararci alla possibilità che questa nuova realtà economica continui per molti anni”.

Mark Zuckerberg, Meta

Ha aggiunto: “A questo punto, penso che dobbiamo prepararci alla possibilità che questa nuova realtà economica continui per molti anni. Tassi di interesse più elevati rendono l’economia più piccola, una maggiore instabilità geopolitica porta a una maggiore volatilità e una maggiore regolamentazione rallenta la crescita e aumenta i costi dell’innovazione.

“Date queste aspettative, dovremo operare in modo più efficiente rispetto alle precedenti riduzioni dell’organico per garantire il successo. Di fronte a questa nuova realtà, la maggior parte delle aziende ridurrà la propria visione e i propri investimenti a lungo termine”.

Meta non è certamente l’unico colosso tecnologico ad aver annunciato recentemente licenziamenti e altre misure di riduzione dei costi, poiché sia ​​Google che Microsoft hanno apportato tagli significativi alla loro forza lavoro.

Ma se il “limite di budget” di Meta Lui è Uno dei motivi principali alla base della sua decisione di ritirare il repertorio SIAE dalle sue piattaforme – e mentre cerca opportunità di risparmio sui costi in tutta la sua attività – potrebbe essere in gioco i futuri costi delle licenze musicali?

READ  Un grande successo per Netflix: tutti gli speciali della Marvel TV stanno scomparendo

Inoltre, le ricadute della SIAE potrebbero segnalare l’inizio di una stretta sui budget che avrà un effetto a catena sulle negoziazioni sulle licenze musicali tra altri giganti della tecnologia e detentori dei diritti?


cosa sta succedendo adesso?

Dopo la rimozione del gruppo SIAE dalla piattaforma Meta, gli utenti in Italia e in Europa non potranno più utilizzare la musica di questo gruppo su Facebook o Instagram.

Siay Ci dice che “mette in dubbio la capacità di rimozione di Meta Siay repertorio da tutte le sue piattaforme.”

Ciò significa in pratica che, in assenza di un accordo di licenza attivo, tutta la musica rappresentata da SIAE e utilizzata su Facebook e Instagram da ora in poi sarà senza licenza. (Aspettatevi che SIAE emetta una serie di richieste di rimozione quando ciò accadrà.)

Il contenzioso tra SIAE e Meta in Italia ha già catturato l'attenzione della comunità mondiale dell'editoria musicale.

Venerdì (17 marzo), l’ICMP – l’organismo commerciale che rappresenta l’industria dell’editoria musicale in tutto il mondo, tra cui i principali editori Ununiversal Music Publishing, Sony Music Publishing e Warner Music Publishing – ha esaminato la controversia.

“Gli obiettivi del settore musicale italiano ed europeo sono chiari e diretti: garantire che aziende come Meta rispettino i loro obblighi di pagare i musicisti per l’utilizzo del loro lavoro su servizi come Facebook”, ha affermato John Phelan, direttore generale della Commissione internazionale sui dispersi. Persone, si legge in un comunicato.

“Oggi, l’industria dell’editoria musicale sta negoziando per garantire che aziende come Meta ora rispettino la legge, il che è abbondantemente chiaro grazie al governo italiano che mostra un forte sostegno alla nuova Direttiva UE sul copyright. Questa legge afferma che se aziende come Meta e servizi come Facebook, per utilizzare la musica di altri è necessario ottenere una licenza e pagare i creatori.

“Quello che fa Meta è usare la tattica, non sorprendentemente aggressiva, di chiedere compensi del tipo 'prendere o lasciare', e quando non sono contenti, rimuovono la musica per cercare di sottovalutare l'accordo.”

John Phelan, Comitato internazionale per le persone scomparse

“Ciò che Meta fa è utilizzare tattiche sorprendentemente aggressive chiedendo commissioni del tipo 'prendere o lasciare' e quando non sono contenti, rimuovono la musica per cercare di sottovalutare l'accordo”, ha aggiunto Phelan.

“Il catalogo musicale di oggi comprende più di 100 milioni di brani, provenienti da più di 5.000 generi. Il rifiuto di un'azienda come Meta di pagare tariffe di licenza adeguate per l'uso di queste opere ha un impatto sul sostentamento di milioni di creatori e professionisti della musica.

Interviene anche l’International Independent Music Publishers Forum (IMPF), che definisce l’iniziativa “nient’altro che una tattica di bullismo utilizzata per costringere la SIAE ad accettare una proposta unilaterale che ignora ogni valutazione ragionevole e condivisa sul valore della musica”.

“La mossa di Meta non è altro che una tattica di bullismo con cui costringere la SIAE ad accettare una proposta unilaterale che ignora ogni comune e ragionevole valutazione del valore della musica”.

Forum internazionale degli editori musicali indipendenti

“Inoltre, il rifiuto di Meta di condividere informazioni rilevanti per creare un accordo equo è in diretta contraddizione con i principi stabiliti dalla Direttiva sul copyright, che è stata vigorosamente difesa da autori ed editori in tutta Europa”, ha aggiunto l’IMPF.

READ  Flutter aumenta le aspettative sui ricavi negli Stati Uniti dopo il forte terzo trimestre

La domanda ora è: basteranno queste critiche da parte del settore dell'editoria musicale perché la trattativa porti ad un accordo tra Meta e SIAE?


Pensiero finale…

Questa non è la prima volta che il colosso della tecnologia è in disaccordo con l’industria musicale in una regione fuori dai primi 10 principali mercati musicali nelle ultime settimane.

Se negli ultimi mesi hai seguito la nostra copertura della piattaforma video TikTok di proprietà di ByteDance, ricorderai che TikTok sta attualmente cercando di dimostrare che non ha bisogno di musica importante sulla sua piattaforma in Australia.

A febbraio, TikTok ha iniziato a limitare l’accesso ad alcuni brani musicali in Australia – di fatto “silenziando” alcuni brani importanti firmati dall’etichetta discografica sui video esistenti – in quello che TikTok sostiene fosse un “test” di ByteDance per vedere quanto influisce sul comportamento degli utenti.

Fonti di MBW ci dicono che TikTok mira a utilizzare i risultati dei suoi test in Australia nelle trattative di licenza con le etichette discografiche.

Il presunto rifiuto di Meta di negoziare tariffe di licenza più elevate con SIAE – e la decisione del gigante della tecnologia di rimuovere i contenuti SIAE dalla sua piattaforma – potrebbe Anche È un’esperienza che pensi di ripetere altrove?

È interessante notare che, in una dichiarazione rilasciata oggi da John Phelan dell'ICMP, ha affermato che la “tattica del braccio forte” di Meta “non è nuova” ed è stata “provata in Francia, Australia, Danimarca, Canada e ora in Italia”.

Ha aggiunto: “Hanno fallito in questi altri paesi e non sarà loro permesso di avere successo in Italia”.


In risposta alla richiesta di commento di MBW, A morto Il portavoce ufficiale della società ha dichiarato: “Purtroppo non abbiamo potuto rinnovare il contratto di partnership con SIAE.

“Abbiamo ancora accordi musicali in oltre 150 paesi e restiamo impegnati a raggiungere un accordo con SIAE che funzioni per tutti”.

morto relatore ufficiale

Hanno aggiunto: “Proteggere i diritti d’autore di cantautori e artisti è una priorità assoluta. Pertanto non forniremo più opere con licenza SIAE mortoBiblioteca musicale.

“Crediamo che ci sia valore per l’industria musicale nel consentire alle persone di condividere e connettersi sulle nostre piattaforme con la musica che conta per loro.

“Abbiamo ancora accordi musicali in oltre 150 paesi e restiamo impegnati a raggiungere un accordo con SIAE che funzioni per tutti”.La musica agisce in tutto il mondo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24