Continuano i negoziati sull’accordo con l’Iran, ma ci sono poche speranze per una svolta

L’analista politico Sarah Mehreen-Nejad ritiene che il ripristino dei controlli sarà il principale argomento di discussione a Vienna. “La palla è nel campo dell’Iran per questo: dovranno dimostrare di essere disposti a parlare seriamente. Se davvero vogliono un’arma nucleare, i controlli non sono nel loro interesse”.

Cosa vuole l’America?

In primo luogo: un posto a tavola. Secondo l’amministrazione Biden, la repressione di Trump è fallita: gli iraniani sono tornati più forti e meno disposti a parlare. Ulteriori sanzioni non sono il modo per cambiare il corso dell’Iran, secondo questo governo, sebbene lo siano Non del tutto escluso. “È ironico che Biden prometta di seguire la via diplomatica, ma minacci di aumentare la pressione se l’Iran non ascolta”, ha detto Golerez.

Gli Stati Uniti non vogliono fare troppe concessioni. L’Iran non parlerà più con l’America fino a quando non saranno revocate tutte le 1500 sanzioni dell’era Trump.Biden deve anche promettere che gli Stati Uniti non si ritireranno più dal trattato. Biden non vuole arrivare a tanto: vuole mantenere le sanzioni sui diritti umani e sul terrorismo, e sente pochissime promesse.

Quindi gli americani sembrano rendersi conto che un ritorno diretto all’accordo non è possibile. idea accordo temporaneo tra Iran e Israele. Ci sono anche poche possibilità di questo: Israele e Iran lanciano regolarmente attacchi informatici l’uno contro l’altro.

Cosa vuole l’Iran?

L’Iran ha ottenuto un nuovo governo quest’anno guidato da Ibrahim Raisi. Sembra meno interessato alla diplomazia. “Raisi non era nemmeno presente ai colloqui con l’agenzia nucleare delle Nazioni Unite”, ha detto Mehringad. “Non credo che voglia davvero partecipare alle ispezioni condotte dalle Nazioni Unite, e questo potrebbe creare problemi a Vienna”, ha aggiunto.

READ  Almeno 140 morti negli attacchi ai villaggi nel nord-ovest della Nigeria

Anche l’Iran non parla di negoziati sul nucleare: il capo negoziatore li chiama “colloqui per revocare le sanzioni”. Mehreen Nejad ha affermato che il miglioramento delle relazioni finanziarie avrebbe un impatto positivo sul prezzo del rial, la valuta iraniana. “Per mantenere l’ordine, l’economia deve essere stabile. Ciò richiede un migliore rapporto con l’Occidente, e anche il mio capo lo sa. E questo è duplice”.

La domanda è se l’Iran rinuncerà alla sua capacità nucleare per questo scopo. “La cosa più importante per l’Iran è l’influenza nella regione”, afferma Golerez. “Vendere petrolio porta soldi, quindi non credo che revocare le sanzioni sia una ragione sufficiente per cedere. Ridurre l’influenza occidentale è più importante”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24