Corona protesta fuori controllo e Melbourne chiude il settore delle costruzioni | All’estero

Nel settore edile, l’obbligo di vaccinazione sarà applicato dal 24 settembre a causa del limitato rispetto delle misure Corona del settore. Lo stato di Victoria, che include Melbourne, martedì ha registrato 603 nuove infezioni, l’apice dell’attuale epidemia. Circa due infortuni su tre sono legati alla costruzione. Una volta ripreso il lavoro, tutti i luoghi di lavoro devono rispettare gli standard della corona. I dipendenti devono essere in grado di dimostrare di aver avuto almeno un colpo di coronavirus.

Lunedì cinquecento persone hanno organizzato una manifestazione contro la richiesta di vaccinazione presso l’ufficio del sindacato edilizio. I manifestanti hanno lanciato bottiglie e altri oggetti contro i leader sindacali e hanno sfondato la porta dell’ufficio. La polizia antisommossa ha disperso la folla. Il ministro dell’Industria regionale Tim Ballas afferma di aver visto “comportamenti spaventosi”. “Ora stiamo agendo con fermezza e senza esitazione”.

Oltre ai lavoratori edili, il gruppo di manifestanti comprendeva anche neonazisti ed estremisti di destra, secondo i rapporti sindacali. Ha denunciato le violenze, rilevando che “una netta minoranza di coloro che hanno partecipato alla protesta erano veri sindacalisti”.

La folla inferocita si è riunita di nuovo martedì, innescando fuochi d’artificio per le strade di Melbourne. Hanno anche lanciato lattine e preso a calci le auto della polizia. I media australiani hanno riferito che la polizia ha usato proiettili di gomma per respingere la folla.

READ  Un appello internazionale alla calma in Israele e nei territori palestinesi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24