Cosa ne pensa il Consiglio norvegese per i rifugiati? Rendere il piano di emergenza più trasparente e prevedibile

Si comincia con la nota ricevuta dal Ministro della Salute Bruno Bruins (VVD) la sera di giovedì 27 febbraio 2020, durante una diretta televisiva sul Corona. Qui è già comparsa la prima infezione del nuovo coronavirus. L’epidemia, scoppiata all’inizio dell’anno nella città cinese di Wuhan, ha già provocato contagi qua e là in Europa. Un’epidemia diffusa e mortale nel nord Italia è stata vista come una fatidica eccezione. L'Olanda sembrava sperare di scappare.

Era come se l'Olanda vedesse arrivare il temporale da lontano, ma si muovesse solo quando già cadevano le prime gocce. Poi l’ondata di contagi è diventata così grande che non è stato possibile fermarla.

Essere ben preparati alla pandemia rappresenta un dilemma diabolico per i governi. Quanto investirai in misure per mitigare il disastro? I virologi hanno più volte confermato che il rischio di una pandemia è reale. Ci sono già stati diversi colpi di mira: l’epidemia di SARS nel 2003 che non raggiunse nemmeno i Paesi Bassi, e l’influenza messicana nel 2009 Che ha causato “solo” 63 vittime nei Paesi Bassi. Ma proprio perché questi focolai si sono attenuati, la vigilanza è stata allentata.

Anche il fatto che fossero necessarie misure severe contro la SARS-CoV-2 non era stato previsto. Gli scenari tenevano conto della pandemia influenzale. Questo crea false aspettative. Dopotutto, esiste già una vasta esperienza con vaccini e farmaci antivirali contro l’influenza. Inoltre, la popolazione mondiale ha già acquisito un'immunità parziale attraverso precedenti infezioni. Tutto questo mancava con Corona.

READ  Le alghe del ghiaccio artico sono fortemente contaminate da microplastiche

Quando Wuhan ha dichiarato il blocco totale il 23 gennaio 2020, e nel resto della Cina le persone potevano scendere in strada solo indossando mascherine e l’app Corona, gli olandesi hanno guardato con stupore. Nell’esperienza occidentale, misure così drastiche erano concepibili solo sotto regimi totalitari.

Ma esattamente due mesi dopo, il 23 marzo 2020, il governo olandese ha annunciato il primo lockdown qui. È stato pubblicizzato come “intelligente” nel tentativo di alleviare il dolore della democrazia, ma è pur sempre così. Era pura necessità, l’ultima risorsa per mitigare l’ondata di infezione in fuga. Tuttavia, si trattava di un evento senza precedenti e particolarmente duro per la società olandese.

Ora, quattro anni dopo, il panico dello scorso anno sembra essere evaporato. La società è tornata alla normalità, con il Corona che gioca solo un ruolo secondario come ulteriore infezione invernale. La preparazione alla pandemia merita ancora un posto di rilievo nell’agenda politica, perché il rischio non è affatto scomparso. I Paesi Bassi sono meglio preparati adesso? Da uno studio in Consiglio norvegese per i rifugiati È emerso che il numero di letti di terapia intensiva era inferiore a quello dell’epoca e c’erano preoccupazioni sull’adeguatezza dei test. È stato sviluppato un piano di emergenza chiaro basato sull’esperienza Corona?

Durante la scorsa pandemia, la ruota ha dovuto essere reinventata ancora e ancora. “Navighiamo a occhio” Si diceva allora, una descrizione amichevole di una pratica in cui le misure venivano costantemente adeguate in base alla capacità disponibile dell'IC. Tutto per evitare il codice nero.

La mancanza di un testo chiaro che applichi automaticamente le misure a un determinato valore soglia ha aperto la porta a pressioni da parte di tutti i tipi di gruppi per negoziare eccezioni. Per coinvolgere la società nelle misure che saranno nuovamente necessarie in caso di una nuova, inaspettata pandemia, la politica antiepidemica deve diventare più trasparente e prevedibile.

READ  L'epidemia di Corona a Shanghai sembra stabilizzarsi | all'estero



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24