Cosa significa essere europeo?

Si dice che Jean Monnet, uno dei fondatori dell’Unione europea, abbia sospirato: “Se posso fare tutto di più, inizierò con la cultura”. Ebbene chi non lo farebbe? Certamente, il Trattato dell’Unione Europea inizia con la frase: “Si ispira alle tradizioni culturali, religiose e umane dell’Europa”.

La storia culturale europea si adatta a ogni strada. I politici lo usano come scusa per l’Unione Europea (da cui Monet sospira) e le amministrazioni locali e gli uomini d’affari attirano i turisti con loro. Merci, ristoranti e trasporti: l’economia è in forte espansione. Matisse e Van Gogh decorano strofinacci e magneti. Il settore culturale fornisce un contributo maggiore all’economia rispetto alle industrie high-tech, delle telecomunicazioni, farmaceutiche o automobilistiche, secondo Ernst & Young recentemente calcolato nel rapporto. Rebuilding Europe: The Cultural and Creative Economy Before and After Covid. Risulta, il settore culturale è tre volte più grande dell’industria automobilistica – con la tua Fiat e la tua Audi.

Ma è iniziato Jean Monnet Non Con la cultura. Nel 2021, l’Unione Europea Non Ispirato dalle tradizioni culturali. La cultura porta denaro ed enfatizza la marce storia culturale dell’Europa. Mi manca qualcosa.

La situazione. Le narrazioni sono filtrate da setacci nazionali. I revisori (be-star) discutono di libri tradotti di fronte a un pubblico familiare. Informazioni utili, ma quello che sarebbe stato un dialogo attivo tra scrittori e lettori di paesi diversi resta una passeggiata per la tua strada.

Passeggia per le gallerie Da Vinci e Vermeer Blockbuster. Gli esperti raccontano ai loro concittadini la reputazione e il significato. Durante il Rinascimento, fu posta maggiore enfasi sull’arte italiana, durante l’era romantica, la letteratura tedesca aveva un aspetto più ampio e la Francia merita una storia più lunga nell’Età dell’Illuminismo. Le culture nazionali insieme formano una trapunta patchwork. I collegamenti incrociati compaiono qua e là, ma la cultura europea è essenzialmente un accumulo: la cultura italiana Più E olandese, Più Inglese, ecc.

Louvre, Rijksmuseum, Prado; Patrimonio nazionale raccolto in un edificio monumentale: gli utensili della cultura sono gli edifici dell’Ottocento. Sono le strutture che dobbiamo fare. Abbracciano sia la bellezza che il dramma della nostra storia, poiché i musei e la costruzione di collezioni sono intrecciati con la costruzione della nazione e l’imperialismo.

READ  La Ferrari non corre rischi con il cambio Leclerc

Il Trattato europeo afferma: “L’Unione deve rispettare la sua ricca diversità di cultura e lingua e garantire la conservazione e lo sviluppo del patrimonio culturale europeo”. Diversità e sviluppo: bello. Ma “salvare” da cosa? Dal nazionalismo culturale dell’Ottocento?

Modello boulder olandese

Ha capito perché mi mancava qualcosa quando l’ho fatto Lo storico inglese Berry Anderson a London Review of Books Leggere. Afferma che l’Unione Europea è governata dal modello Boulder olandese. Dietro le porte chiuse della Commissione europea, Merkel, Macron e altri leader di governo hanno raggiunto un consenso. Poi questo è nascosto nei rapporti dei sottocomitati e in migliaia di noiose pagine di statuto. L’ovvio conflitto e il dramma che attira gli elettori alla democrazia è inesistente. Vedono un’azione rapida, ma non ascoltano il dibattito ideologico su questioni etiche. Cultura, idee si ascoltano solo quando Ernst & Young sfoggia i propri fogli di calcolo o quando hanno bisogno di confermare la legittimità dell’Unione Europea.

come vivi? Chi vogliamo essere? L’Unione Europea non chiede prospettive filosofiche, nuove forme e fantasie. Grandiosità nei lavori pubblici? Gli architetti non devono più affrontare una sfida nell’attuazione dei principali programmi ideologici. Istituzioni culturali? Scuole e università? Ricerca? I politici in realtà non chiedono loro di ispirare tradizioni culturali, umane e religiose dal Trattato europeo. Beneficio economico e ‘conservazione’ della cultura europea nella sua trapunta patchwork classificata a livello nazionale – È tutto quello che ho, gente!

Dopo aver letto il Trattato europeo, mi sono reso conto all’improvviso di essere, in effetti, molto emozionato all’idea che l’Europa, con tutto questo patrimonio, sia bella e crudele.

Non mi sento una stella d’oro su questa stupida bandiera dell’UE. Mi sento europeo, non europeo

Da dove sono venuti i miei sentimenti all’improvviso? Forse mi sento … europeo? A volte sono “ispirato dalle tradizioni culturali, religiose e umanitarie dell’Europa”? Ma se sento uno “spirito europeo” vivere dentro di me, perché dovrei essere riluttante ad ammetterlo?

Forse la risposta sta nell’approccio utilitaristico alla cultura nell’Unione europea. La mia cultura europea non è la somma totale del patrimonio nazionale che dovrebbe essere preservato. Non sentirti una stella d’oro su questa stupida bandiera dell’UE, come un ragazzino nel cerchio. Inoltre, Brexit o no: l’Inghilterra appartiene all’Europa. Mi sento europeo, non europeo.

Ora posso presentare un vivace catalogo di Liquid Europe. Questo catalogo mostra la vita quotidiana e la complessità del cittadino. Nell’Europa in cui vivo, un ragazzo di origine marocchina finge di essere catalano, non spagnolo, un panettiere bengalese in Italia mi vende un croissant francese. Ha portato i bambini per metà asiatici di un amico tedesco alla scuola di francese nei Paesi Bassi, mentre chiacchieravamo in inglese. Gli stereotipi nazionali stanno scomparendo in Europa. Mario non è un italiano romantico, ma un ragazzo olandese del Suriname, Insa non è un tedesco crudele, Elia non è una russa triste ed Emily no Il labbro superiore è rigido Britannico.

READ  Le società di bilancio falciano il prato ai piedi del retro dell'Alitalia

Il catalogo My Europe può offrire codici intelligenti per l’impollinazione incrociata, fino al Giappone e alla Nigeria. Perché ci mescoliamo da tempo immemorabile. Descartes era un francese che lavorava nei Paesi Bassi. Van Gogh era un olandese che ha disegnato in Belgio, Francia e Inghilterra. Nietzsche pensava e scriveva in Svizzera, Germania, Italia e Francia. Leonardo da Vinci non aveva un passaporto italiano, Rubens non aveva un passaporto belga ed Erasmus non aveva un passaporto olandese. Ma un simile catalogo, per quanto poetico, è di per sé una torre cliché. E dopo. Mi sento “noi”. Ma cosa mi manca?

Leggi anche: C’è molto di più che condividiamo noi europei di quello che ci divide

Melting pot ‘nonsense’

Uno strano uomo nel 1916 si sentì estraniato dall’altra parte dell’oceano. a L’articolo brillante America transnazionale Randolph Bourne ha cercato le parole per l’America. Ha spazzato la terra con un pensiero CrogioloSi presume che tutte le razze in Europa si siano fuse. Born ha detto che questa era una sciocchezza, visto che in realtà tutti dovrebbero conformarsi ai protestanti bianchi anglosassoni. Aveva paura100% americanoLa cultura di queste WASP dominava tutto e tutti. Ma aveva anche paura di un insieme caotico di nazionalità opposte.

Bourne ha trascorso un intero articolo cercando di definire un’identità americana che non è mai stata espressa a parole, ma l’ha sentita. Stava cercando una formulazione come un incantesimo. In un passaggio ottimistico, ha scritto: “L’America è un’Europa coltivata, ma l’Europa non si è disintegrata e disintegrata durante la semina come se fosse in uno stato di grande disintegrazione. Le sue colonie qui vivono inseparabilmente miste, ma non monolitiche.

READ  Il piano del politico Carl DeVos: la Silicon Valley di Ostenda

Ebbene, non è così che si sente l’Europa moderna? Inseparabilmente mescolati, ma non omogenei?

Senti la dolcezza del Frisone

Non voglio essere a favore o contro il nazionalismo, ti senti olandese o frisone o europeo al 100%? Penso che sia solo un’opportunità persa per non avere una conversazione transfrontaliera su nuove idee, forme e influenze culturali in tutta Europa e tutte queste identità. Penso che sia un’opportunità persa perché non c’è molto da pensare insieme. Penso che sia un’occasione persa che la maggior parte delle critiche all’Unione europea sia populista. Volt è scoppiato nelle ultime elezioni e si è rivelato un vantaggio: le prime di Laurens Dassen hanno dimostrato che il Partito Pan-Europeo potrebbe portare a significative critiche centrali all’Unione Europea.

La “vita intellettuale europea” è un’astrazione incruenta degna di interpretazione. Più di trecento anni fa, alla vigilia dell’Età dell’Illuminismo, il filosofo Pierre Bale Notizie dalla Repubblica delle Lettere Stampa in “le Kalver-Straat prés le Dam”. Da quando questo primo giornale di pensieri e dibattiti è stato pubblicato e letto in molti paesi europei, non c’è stata davvero un’ampia conversazione europea al di fuori di Bruxelles. Una conversazione del genere è difficile perché non è chiara. Ma è allo stesso tempo perché è così importante: ricerca insieme, scetticismo, determinazione, innovazione e rifiuto. Forse c’è anche una tradizione europea (in parte) per questo.

Julia Kristeva, una studiosa bulgaro-francese cresciuta in America, ha descritto l’identità europea in questo modo: “Quando mi è stato chiesto: ‘Chi sono io? “La migliore risposta europea non è la certezza, ma l’amore per il punto interrogativo”.

Mi chiedo cosa piaccia agli altri europei la coronaE il GaranziaE il LupinoE il Gomorra Sopra Rubare soldi ho trovato. Voglio guardare, ascoltare e parlare insieme piuttosto che ammirare rispettosamente ciò che ogni paese ha confiscato e bombardato la propria eredità. Se necessario – diciamo se necessario – stiamo parlando dell’Eurovision Song Contest.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24