Molti sostenitori dei vaccini sono in Italia, ma il presidente attende tranquillamente il suo turno

Nella foto scattata la scorsa settimana, il presidente Sergio Mattarella attende in silenzio la sua iniezione al centro di un grande atrio di un ospedale rumeno. Tutti gli altri italiani aspettano intorno al capo dello Stato. Sono nati nel 1941, proprio come Mattarella, ed è stato il loro turno di iniettare il vaccino Corona.

La foto ha rilasciato una quantità sorprendente. Il discorso della città è stato sui social media e in TV. Alcuni commentatori hanno accusato Mattarella di non essersi nutrita molto prima. Perché cosa succede se il capo dello stato si ammala gravemente a causa di Covid e crea un vuoto di potere?

Ma la stragrande maggioranza delle persone elogia Mattarella per non essere un sostenitore dei vaccini. “Ancora una volta Mattarella si è mostrato un grande capo. Da normale cittadino, è stato vaccinato quando è stato il suo turno”, ha detto all’agenzia di stampa Ansa il direttore dell’ospedale in questione.

Molti politici guardano al futuro

Forse il fatto che la foto abbia suscitato così tanta reazione è dovuto al fatto che ci sono parecchi politici italiani che usano le loro posizioni per saltare la lunga lista d’attesa – che si sta muovendo molto lentamente a causa della mancanza di stimoli e della breve consegna di vaccini.

Ad esempio, si scopre che il sindaco di Corleone, in Sicilia, era già stato vaccinato a gennaio, mentre solo quel mese è stata la volta del personale di cura e dei residenti delle case di cura. La scusa di Niccol Nicolosi era che non poteva rischiare il suo posto “in trincea” a causa della sua malattia; Dopotutto, gli abitanti di Corleone ne hanno un disperato bisogno in questo tempo di guerra. La sua dichiarazione non è stata accettata e il sindaco è stato costretto a dimettersi.

Anche la politica toscana sembra essere piena di sostenitori del vaccino. Quel distretto aveva deciso questo mese che tutti i giudici e gli avvocati avrebbero potuto avere una possibilità, poiché dovevano essere presenti in aule affollate. Decine di sindaci, consiglieri comunali e consiglieri comunali che avevano ricevuto una formazione come avvocati ma non esercitavano la professione ora vedevano la loro opportunità. L’hype è stato così grande che il consiglio regionale ha rapidamente annullato il provvedimento.

Anche i giornalisti vogliono la priorità

Ma non sono solo i politici a voler andare avanti. Nella regione meridionale della Campania, l’Organizzazione dei giornalisti ritiene che i suoi membri meritino davvero di essere fucilati. Dopotutto, i giornalisti sono spesso in prima linea a riferire su una pandemia.

Di nuovo c’è molta rabbia. Il noto giornalista televisivo Enrico Mintana risponde su Facebook: “Gran parte degli anziani deve ancora ricevere la prima dose, e il presidente ha aspettato 70 giorni per il suo turno, e noi vogliamo unirci agli stessi mentori che tutti critichiamo. Un giorno? ”Quando leggo che i giornalisti chiedono la priorità, mi sento timido”.

Leggi anche:

L’Italia litiga sulla spesa della famiglia Corona: la sanità è l’ultima

L’Italia riceve il maggior numero di miliardi dal Corona Recovery Fund dell’Unione europea. Ora c’è una grande disputa politica su come spenderli.

READ  La Russia nega la vendita di VR46 all'Arabia Saudita

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24