Critiche e frustrazione per lo scarso coordinamento degli aiuti in Belgio

L’assistenza è attualmente fornita principalmente dalla Croce Rossa e da altri volontari. Più di 15.000 volontari sono stati registrati presso la Croce Rossa delle Fiandre e sono stati raccolti più di 30 milioni di euro: un record belga.

Molti volontari sono turbati dalla mancanza di coordinamento e di assistenza tangibile da parte del governo. “Se i volontari non fossero venuti nell’area nei primi giorni, sarebbero morte più persone”, dice uno dei volontari di Velmis Brabant.

Un altro volontario è arrabbiato per la posizione del governo belga. Vive a Bruxelles. “Sono anche particolarmente preoccupato che le persone a 130 chilometri da casa mia non abbiano elettricità o impianti idraulici per più di due settimane dopo il disastro. Inaccettabile”.

“Il sistema non è adatto”

Secondo Hugo Marinesen, esperto di gestione delle crisi presso l’Università di Anversa, il Belgio non è pronto per una grave crisi. Non è legalmente chiaro chi dovrebbe assumersi la responsabilità durante tali gravi disastri. “L’attuale struttura in Belgio funziona bene in caso di piccole crisi che possono essere controllate. Ma per grandi crisi, come la pandemia di Corona o le inondazioni di tre settimane fa, il sistema attuale non è adatto”.

READ  La NASA usa un razzo SpaceX per portare una sonda sulla luna Giove - IT Pro - Notizie

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24