I Giochi Olimpici dimostrano che il successo sportivo può essere raggiunto

Undici anni fa, dopo i deludenti Giochi invernali di Vancouver, il membro del CIO Hein Verbruggen sapeva esattamente cosa mancava all’Olanda nella ricerca del successo olimpico: denaro e forza mentale. detto in telegrafo. Inoltre, il governo ha chiesto almeno “mezzo miliardo di assegni” per avvicinare concorrenti come Australia, Regno Unito e Italia. Il suo consiglio: “Lascia quell’ambizione da top ten”.

Ora, 11 anni dopo, i Paesi Bassi sono diretti alle Olimpiadi estive di maggior successo di sempre. Dopo un inizio difficile, il TeamNL ha conquistato 31 medaglie poco prima del fine settimana, che aveva già battuto il vecchio record di 25 medaglie di Sydney (2000). Con nove medaglie d’oro, anche l’Olanda sembra aver preso la top ten.

coincidenza? Un improvviso cambio di mentalità è improbabile e un assegno governativo di mezzo miliardo non è arrivato. In vent’anni la spesa pubblica per i migliori sport è raddoppiata arrivando a circa 50 milioni di euro l’anno. Questo è relativamente modesto per gli standard internazionali. Tuttavia, i risultati olimpici olandesi – principalmente i risultati degli atleti – sono anche il risultato della suprema politica sportiva olandese.

Riconoscimento dei talenti

La ricerca ha dimostrato che il successo atletico è possibile. Secondo Veerle de Bosscher, professore di gestione sportiva alla Vrije Universiteit Brussel, Quasi la metà dei risultati olimpici di un paese dipende dalle dimensioni della popolazione e dal reddito nazionale. L’altra metà è determinata da fattori che sono molto più facili da influenzare, come la qualità dei centri di allenamento, il riconoscimento e lo sviluppo del talento, il sostegno finanziario ai migliori atleti durante e dopo la loro carriera, il supporto scientifico e la portata dei più grandi talenti in un campo. Possono allenarsi insieme.

Altrettanto importante: fare delle scelte, afferma Hans Westerbeek, professore di business sportivo internazionale alla Victoria University di Melbourne. Significa che vale la pena investire tutto il denaro disponibile in sport che offrono una probabilità relativamente alta di medaglie. Insieme a Veerle de Bosscher (e altri), Westerbeek Uno studio comparativo di qualche anno fa Ai vertici della politica sportiva in quindici paesi, tra cui Paesi Bassi, Francia, Giappone, Corea del Sud e Australia. Solo l’Australia (44 medaglie a Tokyo) ha segnato un break migliore dell’Olanda.

READ  Sport Court: Dick Jaspers vince il Grand Prix | gli sport

Il successo olandese a Tokyo è in parte dovuto alle ambizioni olimpiche che i Paesi Bassi avevano ancora dieci anni fa, con l’intenzione di portare le Olimpiadi nei Paesi Bassi nel 2028, un secolo dopo “Amsterdam 1928”. La NOC-NSF Parachute Athletic è stata la forza trainante di tutto questo, ispirata ai successi olandesi del 2000. A Sydney, la squadra olandese ha vinto 25 medaglie, grazie principalmente al ciclista Leonten van Morsel e ai nuotatori Inge de Bruyne e Peter van den Hoogenband. Ciò ha portato per la prima volta a un posto nella top ten del medagliere. Dopo Sydney, quella è diventata l’ambizione ufficiale di NOC-NSF: un posto strutturale nella top ten delle migliori nazioni sportive del mondo.

Leggi anche: Ecco come ha vinto giocatori di hockey oro

Ma già nel 2012, con l’accordo della coalizione Rutte II, il piano olimpico 2028 è stato annullato a causa del crollo del sostegno tra la popolazione. Diventerà molto costoso in un periodo economicamente incerto. Tuttavia, il governo ha continuato a sostenere l’ambizione di “portare lo sport olandese a livello olimpico”.

Per questo motivo, sono stati stanziati più fondi per lo sport olimpico olandese. Ha pagato, anche se esitante. La top ten deve ancora essere raggiunta dopo Sydney. Tuttavia, la squadra olimpica olandese si è avvicinata sempre di più, piazzandosi 12 (Pechino 2008), 13 (Londra 2012) e 11 (Rio 2016). Ai Giochi invernali, la nazionale olandese è tra i primi dieci a partire da Nagano 1998, grazie soprattutto al gran numero di medaglie nello skateboard.

Zwemlaboratorium

I Paesi Bassi hanno investito in molti settori. Sono state introdotte le migliori strutture sportive, come il “Swimming Lab” di Eindhoven, dove il nuotatore può allenarsi con le più moderne attrezzature. Ad esempio, le fotocamere subacquee possono essere utilizzate per misurare l’angolo esatto con cui un nuotatore deve inizialmente immergersi in acqua. Il tradizionale cronometro è stato sostituito da taccuini lungo il bordo del bagno. Il National Athletic Centre Papendale si è assicurato un corso di atletica leggera all’avanguardia per quasi 1 milione di euro, con i migliori atleti Fimk Ball (bronzo, 400 m ostacoli), Anouk Vetter (argento, ept) ed Emma Ostrogel (bronzo, ept ) allenatori, da Tra l’altro.

READ  Mo Ihtarin espulso dalla selezione per punizione: giocatore del PSV che ignora ancora gli accordi

Altri investimenti sono andati ad allenatori, facilitatori fisici e mentali, supporto scientifico, nutrizionisti, programmi di innovazione e sviluppo dei talenti. I Paesi Bassi sono tornati dalla sua “politica onesta di condividere tutto”, come la chiama Hans Westerbeek. NOC-NSF ha ridotto il numero dei principali programmi sportivi in ​​cui investe da 180 nel 2012 a 68 nel 2016. Solo le associazioni sportive ritenute in grado di consegnare medaglie olimpiche possono contare su solidi finanziamenti, un principio regolarmente criticato.

Il direttore tecnico uscente della NOC-NSF Moritz Hendrix, l’artefice di questa politica, vedrà rivendicato il suo diritto a Tokyo. Non solo per la classifica dei primi dieci, ma anche per la diversità degli sport in cui l’Olanda è riuscita. Le medaglie provenivano da discipline in cui i Paesi Bassi sono tradizionalmente bravi, come il nuoto e il canottaggio, ma anche, ad esempio, BMX, ciclismo su pista e boxe.

“ci sentiamo”

La domanda che rimane è: perché i Paesi Bassi lo vogliono così tanto? Il governo Ruti 1 ha scritto in una lettera alla Camera dei Rappresentanti nel 2010 sulla nostra “sensazione di orgoglio nazionale”. Inoltre, uno sport di prim’ordine può avere una “immagine positiva nei confronti degli sport ricreativi”. Westerbeek afferma che non è stato dimostrato che il successo atletico porti a più appassionati di sport. e fuori campione periodico A partire dal 2016, “l’orgoglio e il valore sperimentati che i residenti olandesi attribuiscono al miglior sport, […] confiscare”. Per ragioni tra l’altro non chiare.

Pertanto, Westerbeek, un appassionato di sport, ha “saziato” le Olimpiadi come fonte di ispirazione. Ci si potrebbe anche chiedere se il compito del governo sia quello di finanziare sport di alto livello, dice. “Ma se è così, sii diretto e chiaro sugli obiettivi: intrattenere e vendere il marchio olandese a livello internazionale”.

READ  Sport Court: giocatori di beach volley Breuer-Musen per le semifinali del Campionato Europeo | gli sport

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24