Deforestazione e siccità record in Amazzonia, dove inizia la stagione degli incendi

Un’area grande come IJsselmeer è stata bonificata nella giungla amazzonica solo nel mese di maggio. Si trova intorno a 41 percento di aumento 41 Rispetto allo scorso anno, ha riferito l’agenzia spaziale brasiliana INPE, che monitora la deforestazione tramite i satelliti. Negli ultimi tre mesi è stato registrato anche un aumento.

I numeri sono molto allarmanti, secondo l’Osservatorio brasiliano sul clima. Egli afferma che maggio è l’inizio della stagione secca, che è anche l’inizio della stagione del disboscamento. Se questa tendenza continua, l’Osservatorio sul clima prevede che nel 2021 verrà raccolta un’altra quantità record di legno.

Già molti incendi boschivi

Nella più grande foresta pluviale tropicale del mondo, nell’ultimo mese è scoppiato un numero relativamente elevato di incendi. Aumentano gli incendi nell’ultimo mese, secondo l’INPE Non era così grande dal 2007.

“La stagione delle piogge è già finita ed è stata una brutta (secca) stagione”, ha detto Marcello Silucci, meteorologo dell’Istituto Nazionale di Nuoto. Agenzia di stampa Reuters. “Forse cattiva stagione degli incendi”.

È caduta poca pioggia, soprattutto nel sud della foresta pluviale. Gli esperti sostengono che c’è poco da fare per trasformare un piccolo incendio in un grande incendio boschivo che è difficile da controllare in seguito. Il disboscamento illegale gioca un ruolo importante in questo: una foresta pluviale sana rimane umida anche dopo la stagione delle piogge, ma un minor numero di alberi significa una foresta più secca.

Ridurre la politica climatica

Gli ambientalisti affermano che gli incendi in Amazzonia sono stati avviati illegalmente dagli agricoltori. In questo modo, gli agricoltori sperano di ottenere più terra. Il governo non li ha disturbati troppo: il governo del presidente Bolsonaro ha fatto profondi tagli alla politica climatica. Il bilancio del ministero competente quest’anno Ridotto del 24 percento. Ci sono anche sempre meno soldi per gli amministratori che devono proteggere la foresta pluviale e possono multare gli agricoltori.

READ  Un iceberg più grande di Maiorca si separa dall'Antartide

Indagine di polizia con il ministro dell’Ambiente

Il ministro dell’Ambiente brasiliano Ricardo Salles è coinvolto in due indagini di polizia in corso. In esso, è associato a un commercio su larga scala di legname raccolto illegalmente.

Un’indagine è incentrata su un incidente avvenuto nel dicembre dello scorso anno, quando Salles ha approvato personalmente una quantità record di legname confiscato, anche se la polizia ha stabilito che 65.000 alberi erano stati abbattuti illegalmente. L’allora capo della polizia regionale è stato licenziato il giorno successivo. Poi il suo successore, con solo sei mesi di esperienza, abbandonò l’indagine. Ma questa settimana ha riaperto dopo che la Corte Suprema lo ha stabilito.

La polizia federale sta anche indagando se Salis abbia realizzato profitti significativi dall’esportazione di grandi quantità di legname raccolto illegalmente in Europa e negli Stati Uniti. L’attenzione si concentra sui quasi 1 milione di euro che Salles ha ricevuto negli ultimi anni e sulle scartoffie. La polizia ha effettuato perquisizioni il mese scorso, Compresa la casa del ministro Salles.

Le azioni del governo di Bolsonaro nella regione amazzonica sono state criticate sin dal suo insediamento nel 2019, a causa del massiccio aumento degli incendi e della deforestazione. Bolsonaro ha difeso a lungo la sua politica dicendo che vuole che la regione avanzi economicamente e che parti della foresta debbano cedere.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24