“Dobbiamo dimostrare subito che abbiamo imparato”.

Santiago Jimenez ricorda l’errore che ha portato l’Atletico in vantaggio per 3-1.Foto di Jos Doppelmann/De Volkskrant

Il difensore slovacco del Feyenoord David Hanko si è innamorato della Champions League, della musica che la precede, dell’atmosfera che la circonda, della pressione, delle aspettative e dei rivali. Suo padre venne dalla Slovacchia appositamente per questo scopo, così come la troupe televisiva. Sua moglie ha organizzato la presenza di una babysitter. È stato un battesimo del fuoco, e lo stesso vale per i suoi compagni. “Abbiamo giocato molto bene quattro partite, ma non abbiamo raccolto abbastanza punti”, è la conclusione agrodolce di Hanko.

Dopo cinque partite, il Feyenoord è uscito dalla competizione per club più attraente. La partita di martedì sera contro l’Atletico Madrid (1-3) è stata la più bassa di sempre. Il Feyenoord, che è terzo nel girone, insieme a Lazio e Celtic, può qualificarsi per l’Europa League. Il Feyenoord gli si addice meglio lì, dice l’allenatore Arne Slott.

Circa l’autore
Bart Fleetstra scrive di calcio dal 2015 De Volkskrant. Ha lavorato anche in vari programmi sportivi in ​​televisione.

C’erano possibilità nel girone di proseguire dietro l’Atletico. Il Celtic, contro il quale il Feyenoord ha ancora una trasferta diventata irrilevante, è un fratello debole in Europa. A differenza della scorsa stagione, il Feyenoord ora è due volte meglio della Lazio. Aveva tutte le possibilità di ottenere un punto o più contro i romani dopo una gloriosa vittoria in casa contro il Quebec (3-1), ma ha perso (1-0).

Alla fine è stato sottolineato il problema: la sua squadra stava sprecando troppe occasioni. Sembra un po’ pazzesco. Il Feyenoord ha il capocannoniere della Premier League, Santiago Jimenez. Segnò anche due gol in casa contro la Lazio e in quella partita si presentò come una stella europea.

READ  UEFA Champions League in diretta | Francoforte dà il benvenuto al leader italiano Napoli | gli sport

Nelle due partite successive, il 22enne messicano non ha dimostrato di essere un attaccante in grado di fare qualsiasi cosa da solo contro una forza superiore di giocatori esperti. Martedì sera, nella sua unica grande occasione, ha mancato la palla.

Non ci sono grandi attaccanti pronti

Oltre a Jimenez, squalificato nelle prime due partite, sono stati i centrocampisti e Hanko i principali contributori ai sei gol. Al Feyenoord mancano i migliori attaccanti già pronti. L’FC Rotterdam acquista attaccanti relativamente economici e cerca di trasformarli in giocatori (sotto la media).

Le cose stanno andando nella giusta direzione per Jimenez, ma l’esterno Igor Paixao è regredito e gli attaccanti Luka Ivanucic, Ayasi Ueda e Yankuba Mente, arrivati ​​quest’estate, non sono stati in grado di avere un impatto reale in Champions League, in parte a causa di infortuni .

Evidenziare? Per atmosfera e risultato la partita è casalinga contro la Lazio, ma per livello è casalinga contro l’Atletico. Anche i media spagnoli hanno concluso che è stata una pubblicità molto intelligente e buona il fatto che il Feyenoord avesse fatto meglio all’Estadio Metropolitano nonostante la sconfitta per 3-2. L’allenatore dell’Atletico Simeone ha dovuto usare tutto – l’entusiasmo del pubblico, l’assunzione di sostituti costosi e una dose di fortuna – per ottenere la vittoria.

Budget senza eguali

I budget sono imbattibili. Per fare chiarezza: il portiere dell’Atlético Jan Oblak guadagna dieci volte quello che guadagnano i giocatori più pagati del Feyenoards, dai venti ai due milioni. L’Atletico ha già pagato più di cento milioni per il giocatore, Joao Felix, ma può permettersi il lusso di cederlo in prestito perché ha preso attaccanti più adatti. Il Feyenoord non ha mai comprato un giocatore per più di 10 milioni, e la scorsa estate ha venduto il suo miglior giocatore Orkun Kukcu per circa 30 milioni.

L’Atletico ha il talentuoso Antoine Griezmann che è stato in una forma fantastica. Hanako: Gernot (Trauner, compagno di squadra di Hanako in difesa, Signor Dott.) E mi sono detto nello spogliatoio: immagina se Griezmann non fosse lì con loro e Orkun fosse ancora con noi. Come è andata dopo? Non credo di aver avuto un duello con Griezmann nemmeno una volta nei 180 minuti contro l’Atletico. Si nasconde sempre e poi all’improvviso fa un altro passo davanti a te. Quando perdono la palla, la ritrovano sempre. Vederlo e finirlo sempre Subito.’

Il Feyenoord ha aiutato l’Atletico in casa martedì con due autogol, ma sotto tutti gli aspetti i giocatori dell’Atletico sono stati troppo veloci, troppo intelligenti e troppo abili rispetto ai giocatori del Feyenoord. Solo il terzino sinistro Quilindschy Hartman può seriamente competere con loro. All’inizio della stagione, anche Wieffer, Timber, Stengs, Hancko, Giménez e Geertruida hanno dimostrato di avere la capacità di fare il salto nella massima competizione a lungo termine.

La Lazio non ha una propria squadra

Nel complesso l’Atletico era troppo grande, ma oltre a questo c’era del potenziale. La Lazio è 11esima nel ranking mondiale in Italia e non ha una squadra speciale al momento.

Hanko: I media e i tifosi pensavano che il Feyenoord potesse fare quello che fece l’Ajax qualche anno fa in Champions League (raggiungere le semifinali, Signor Dott.). Abbiamo anche questa convinzione nel gruppo. Abbiamo giocato meglio della scorsa stagione, quando avevamo fatto bene in Europa League. La motivazione per essere lì anche l’anno prossimo è enorme.

Slott ritiene che il Feyenoord trarrà beneficio dalle lezioni della Champions League. La difesa e il centrocampo hanno dimostrato bene le loro capacità e lui spera soprattutto che i suoi attaccanti diventino più efficaci.

Hanko sa che per lo sviluppo sono necessarie grandi competizioni. Domenica c’è un’altra partita in programma, una sfida nella massima serie contro la capolista PSV Eindhoven. “Partita a livello di Champions League”, dice Hanko. “Dobbiamo dimostrare subito che abbiamo imparato.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24