Dopo aver ripulito le rovine in Belgio, segui le domande critiche

Meyer sottolinea inoltre che in futuro dovranno essere prese misure drastiche nel paesaggio. Molti degli spazi sono pavimentati e piastrellati, il che significa che il terreno non può assorbire l’acqua.

“Dobbiamo considerare il nostro paesaggio come una zona cuscinetto. Abbiamo reso il paesaggio ora molto liscio tagliando alberi e asfaltando molto. Dovremo ripristinare l’asprezza di quel paesaggio”, afferma Meyer.

I fiumi non rispettano i confini

Un altro punto di miglioramento, secondo gli esperti, è che dovrebbe esserci una cooperazione molto migliore con gli enti idrici nazionali e internazionali. In Belgio, i water board sono divisi per ogni regione. Hai tavole d’acqua, vallone, fiammingo e Bruxelles.

Ma i fiumi non rispettano questi limiti. La Mosa attraversa la Francia settentrionale, il Belgio e i Paesi Bassi. Secondo Meyer, la cooperazione tra questi water board è ancora limitata. “È imperativo che tutti i water board in patria e all’estero inizino a lavorare insieme”.

In Belgio l’alluvione sembra aver svegliato tutti. Il ministro dell’Interno belga ha già annunciato uno studio su cosa si può fare meglio in futuro. È chiaro che il governo belga dovrà investire pesantemente nei prossimi anni.

READ  Laboratorio olandese addestra le api alla scoperta del virus Corona | Scienza

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24