“Due anni non sono davvero niente”: cosa ci insegna la storia su quanto durerà la pandemia di Corona

Siamo nella crisi del Corona da quasi due anni ormai. Un’epidemia si sta diffondendo ovunque nella nostra vita, a casa, all’aperto, al lavoro, in famiglia e tra amici, nel fare le cose. Ci vorrà del tempo. “Se guardi alle epidemie, due anni non sono assolutamente niente”.

Va avanti da più tempo litigare Per più storici a OMT. Un’idea molto affezionata alla storica Jana Commons. Dice che il modo in cui affrontiamo una tale epidemia dice molto sulla nostra società. “Sono proprio gli storici che hanno anche conoscenza e panoramica di importanti aspetti sociali e culturali delle epidemie”.

Più tempo ci vuole, meno morti

Commons ha condotto ricerche sulla salute pubblica in passato, nel tardo Medioevo, in particolare sulla peste. “In una pandemia, ad esempio, noti come l’economia e il mercato lavorano insieme e come i governi lavorano insieme. È una specie di test per la società. E anche se puoi fare qualcosa perché una società contro la pandemia dice molto sulla società. .”

Ci sono state una serie di grandi epidemie nella storia. “La prima è stata nell’alto medioevo, poi non ci sono state epidemie per 800 anni. Nel XIV secolo è tornata attraverso l’Asia ed è stata chiamata la peste nera; è entrata attraverso le rotte commerciali e si è diffusa in tutta Europa” l’epidemia era la peste. Il 30 per cento della popolazione ne morì. Poi ho visto che la peste era rimasta. Le epidemie hanno continuato a tornare, ma con un numero leggermente inferiore di morti. “

guarda anche

La peste c’è ancora

“Questo è anche il brutto di quello che stiamo guardando ora: quando si parla di epidemie, i due anni con cui abbiamo a che fare ora sono pochi. In realtà, niente”. Secondo Comans, l’epidemia di peste nei Paesi Bassi scomparve intorno al 1670. “Quell’età d’oro dei Paesi Bassi fu in effetti anche l’ultimo secolo della peste”.

READ  Quanto è sostenibile l'Italia?

La peste è scomparsa in molti luoghi, ma esiste ancora. “In posti negli Stati Uniti, per esempio. Poi devi agire velocemente con gli antibiotici, non morirai”. In effetti, l’unica pandemia che è davvero uscita dal mondo è il vaiolo.

guarda anche

Imparare a conviverci sta andando bene

Ma il fatto che siamo riusciti a tenere a bada solo una malattia pandemica non è solo un fatto negativo, afferma Combs. “Dobbiamo imparare ad affrontarlo di più, si vede che ha avuto successo anche negli ultimi 100 anni”.

Vedi anche una differenza nella società durante la prima pandemia e altre pandemie che seguono. “Durante la prima grave pandemia, hai visto una reazione molto violenta in tutti i tipi di aree, ma poi vedi che le persone si abituano. All’inizio, ad esempio, sono stati identificati capri espiatori e la popolazione ebraica è stata attaccata in molti luoghi. Le autorità cittadine arriva in conferenza stampa con un pacchetto di misure».

La storica Janna Coomans a EenVandaag su NPO Radio 1 su ciò che impariamo da altre pandemie

La quarantena esiste da molto tempo

Quindi, le conferenze stampa e le procedure che conosciamo sono vecchie quanto la strada per Roma? “Si può trovare molto su questo argomento negli archivi locali di ogni città olandese: la gente ha suonato il campanello, sono stati convocati e informati della peste. Il fetore, l’igiene, un certo numero di animali sono stati curati”.

La gente allora non sapeva che la peste fosse un batterio. “Ora sappiamo che proveniva da una pulce sui topi, ma poi hanno pensato che si fosse diffuso nell’aria. Mantenendo le distanze, come facciamo ora, era già lì all’epoca. Dal 14° secolo, ci sono state anche le quarantene procedure”.

READ  Lufthansa vorrebbe acquisire una partecipazione del 40% in ITA italiana

il tasto

Oltre alle persone che dovevano uscire con un bastone lungo circa 1,5 metri per indicare che rappresentavano un pericolo, c’era anche qualcosa di simile a quello che ora conosciamo come Corridoio Corona. “Erano circa 1500. I ricchi mercanti potevano ottenere una tessera sanitaria. Per Anversa, ad esempio, e molte città italiane. Puoi usarla per indicare che questi beni sono privi di parassiti”.

“Se non hai una buona medicina, mantenere le distanze, mettere in quarantena e monitorare il movimento delle persone in città è la chiave per combattere l’epidemia”, afferma Commans. “Almeno della massima importanza è che la scienza e la conoscenza medica siano solo una piccola parte della battaglia. Il successo della lotta contro un’epidemia dipende in gran parte dalla volontà della società di arrendersi e obbedire alle cose per il bene più grande”.

guarda anche

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24