Francia e Italia stringono le regole | Localmente

Dal 15 febbraio, il ‘Boss Sanidier’ ​​francese richiede quasi un booster. Chiunque sia stato vaccinato per più di quattro mesi dovrebbe avere un vantaggio per calcolare che è stato vaccinato. “Abbiamo deciso di cambiare le regole, ma dobbiamo dare a tutti il ​​tempo di cambiare. È importante ottenere il richiamo entro quattro mesi, non sette mesi, dal 15 febbraio”, ha affermato il ministro della Salute Oliver Warren.

Francia: ridotto il periodo di validità del Booster

Tirando così le redini della Francia. In questo momento, il vaccino è valido a tempo indeterminato. Cambierà dal 15 gennaio; Sette mesi dopo il codice QR domestico verde richiede un booster. Questo vale già per chi ha più di 65 anni. Quindi di nuovo un mese dopo sono quattro mesi per tutti. L’obiettivo del governo francese è incoraggiare il maggior numero possibile di persone.

Ad esempio, per entrare in ristoranti, musei e impianti di risalita è necessario un igienizzante per il pass. Negli stessi impianti di risalita, anch’essi nuovi, bisogna indossare la mascherina se si hanno più di 6 anni. Questa regola è in vigore da lunedì e si applica anche se si cammina in un ristorante o in un altro luogo pubblico affollato. Inoltre, ti sarà permesso di sederti solo nei bar e nei ristoranti.

I test non sono validi per il nulla osta sanitario

Il governo francese sta cercando di rafforzare questa politica in modo che i permessi sanitari non possano più essere testati. Quel piano non è ancora stato approvato in parlamento.

Italia: Il test non è più valido

Anche l’Italia stringe il cappio, e ora la variante Omigron fa salire i dati sull’inquinamento. Dal 10 gennaio il 2G sarà utilizzato ovunque in Italia, esibendo un certificato di vaccinazione fino a 9 mesi o un certificato di guarigione fino a 6 mesi. Con il test non entrerai più in ristoranti e musei.

READ  Coinvolgendo l'Italia, Biden potrebbe rafforzare gli Stati Uniti e l'Unione Europea

L’Austria seguirà regole rigorose per tenere fuori i viaggiatori olandesi per il momento. Siamo classificati come parte di una variante di virus pericolosa, quindi se attraversi il confine senza un richiamo o l’ultimo certificato di recupero e un test negativo, dovresti essere isolato. Tuttavia, molti viaggiatori riferiscono di non aver effettuato il check-in al De Telegraaf e che gli albergatori consentono loro di entrare o li consigliano a un medico locale che può impostare un booster. Altri possono ottenere uno Sky Pass senza mostrare alcuna prova.

Per inciso, le regole francese e italiana non sono legate all’ingresso. Tuttavia, dal 1 febbraio, le regole europee si applicheranno nuovamente per attraversare un confine. È essenziale che qualcuno riceva un richiamo nove mesi dopo la vaccinazione. In caso contrario, sono necessari frequenti test costosi o prove di recupero 180 giorni dopo l’infezione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24