“È fondamentale garantire la sicurezza dei nostri scienziati”.

In precedenza, si esibiva al Lowlands Science per parlare del Big Bang. Come ministro del D66, Robbert Dijkgraaf è ora tornato a Flevopolder con l’aiuto della virologa Marion Koopmans. Per parlare di comunicazione scientifica efficace e scienziati a rischio, tra gli altri.

Jim Jansen

La conversazione con Robert Dijkgraf è iniziata per pochi minuti e una cosa è stata subito chiara. È chiaro che non ha perso il senso dell’umorismo e l’ottimismo dopo aver trascorso sei mesi al Binnenhof. Proprio come il suo uso frequente di metafore.

Qualcuno una volta mi ha detto che io metafora nervosa conduce,” dice con una risata, “e c’è sicuramente del vero in questo. Cadere subito a casa è una metafora proverbiale. È meglio confrontare i miei primi mesi da ministro con qualcuno che giocherella costantemente. Mi sento come se tenessi molte palle in aria contemporaneamente durante il giorno e per questo ho anche identità diverse. Dirigo un dipartimento, faccio parte del governo e di tutta la politica e sono anche membro del D66″.

Immagino che anche tu sei te stesso.

“In particolare! Do la mia interpretazione di questo incarico, sicuramente perché sono appena uscito dal mondo accademico. Questo rende un approccio diverso. Quando devo prendere una decisione difficile o elaborare politiche complesse, mi piace fare quello che ho fatto nel mio vita precedente. Poi ho sgombrato il campo. Per un momento mi sono chiesto: cosa c’era di nuovo? Se sei un ricercatore, devi sempre anticipare il problema e chiederti come sono arrivato a questo punto. Come ministro, anch’io cerca di usare questo modo di lavorare e di pensare”.

Come studioso, Dijkgraaf ha ottenuto quasi tutto ciò che era possibile sia a livello nazionale che internazionale. Dopo il dottorato, è stato il più giovane professore universitario dell’UvA, ha ricevuto il Premio Spinoza, è diventato presidente della Royal Dutch Academy of Arts and Sciences (KNAW) ed è stato ospite regolare di Il mondo va avanti e direttore dell’Institute for Advanced Study di Princeton. Per citare solo un numero limitato di prodezze di armi.

“La scienza rende la vita degna di essere vissuta ed è la mia identità”, ha sospirato l’anno scorso nuovo mondo Quando, come si è scoperto, era nei suoi ultimi mesi in America. “Ci sono poche cose nella vita che vanno oltre il familiare. È più grande di me, ma allo stesso tempo ne faccio parte, ed è bellissimo. Quando penso al mondo, penso ai limiti del universo e le particelle più piccole e il passato più profondo. La scienza è un apriscatole.

Come definiresti il ​​termine come ministro?

“La scienza è il modo migliore e più sistematico per esplorare il mondo che ci circonda e noi stessi”.

Sono ministro da più di sei mesi. Puoi dare una prima impressione?

C’è molta ironia e critica alla politica nei Paesi Bassi. Ma quando cammini qui ogni giorno, ti rendi conto di quanto sia importante il lavoro che svolgiamo qui. È un privilegio nazionale prendersi cura di un milione di studenti e di tutti gli insegnanti, studiosi e altri. È un settore che mi sta a cuore e devo assicurarmi che vengano presi provvedimenti concreti per migliorare la vita”.

Non sei solo un servitore, ma sei anche conosciuto come qualcuno che può raccontare una storia sulla scienza in un modo senza precedenti e può rendere accessibili questioni complesse a un vasto pubblico.

“La scienza è importante, ma nella comunicazione portiamo le persone con noi alle idee che vogliamo condividere con loro. L’impegno della comunità nella scienza inizia dove si trova il partecipante. Per me, riguarda l’ascoltatore, lo spettatore, il lettore o il partecipante. Riesci a trovare il percorso verso quella conoscenza da lì?” ”

“È così che funziona ancora per me ed è così che penso alla mia conoscenza. Supponiamo che io non sappia nulla del Big Bang. Perché pensiamo al Big Bang in un certo modo? Allora dimentichiamolo per un momento quello che già sappiamo. Quindi inizia da dove tutto è Persona. Le comunicazioni devono fluire dal ricevitore al trasmettitore. Interferisce con la corrente. ”

Se guardi alla scienza e alla comunicazione, scoprirai che c’è una crescente sfiducia – e in generale – nei confronti degli scienziati.

“Se lo metti in una prospettiva storica, diventa molto più complicato, ed è perché la scienza ha così tanto successo. Per migliaia di anni, la scienza è stata qualcosa di molto astratto, per un gruppo selezionato di persone che si sono chieste, per esempio, come funziona l’universo. Ciò non ha avuto alcun effetto sulla tua vita. Nel 2022 si tratta della progettazione di Internet, di come funzionano i farmaci e se esiste un vaccino. Tutte le cose hanno un impatto diretto sulle nostre vite. ”

“La conoscenza è molto di più Nella tua faccia. Ecco perché comunicare su questo diventa più complicato, perché è meno impegnato. Ti faccio un esempio. D’altra parte, il fatto che ci siano leggi naturali fornisce qualcosa a cui aggrapparsi, ma è anche conflittuale. E per quanto qualcuno possa volere, non salirei con la gravità e la gravità sarebbe ancora attiva. Non trattabile, nemmeno da un commercialista fraudolento. La scienza è una cosa spietata ed è per questo che anche il confronto con la conoscenza provoca conflitti”.

Ma dall’emergere di Corona, il confronto è diventato più diretto e visibile a tutti.

“È di tutti i tempi, ma soprattutto negli ultimi tempi lo incontriamo di più. Puoi vedere che c’è stata una reazione, non tanto alla conoscenza scientifica quanto alle misure che seguono quella conoscenza. ”

Si ritiene che le azioni saranno minate attaccando la conoscenza. Di conseguenza, il ruolo della scienza è diventato più complesso. Ecco perché ho insistito per comunicare. Quando si pensa al grande pubblico, non è altro che una cosa unificante. 17 milioni di persone vivono nei Paesi Bassi, ognuna con le proprie idee e background. Devi fare qualcosa con quello”.

È vero, ma di recente hai detto quando si arriva a questo punto: la verità è dura.

“Ci sto ancora dietro. Se dico alla gente che ci sono tre colori di quark, tutti faranno un gesto comprensivo. Ma quando dico che la percentuale di composti azotati dovrebbe diminuire o che l’anidride carbonica2Le emissioni devono essere ridotte e poi tutto ad un tratto è tutto. Di come vivi, di come crei le cose, di quanto paghi per le cose. Poi tutto ad un tratto diventa molto tangibile”.

Nelle Lowlands sarai sul palco con Marion Koopmans, una delle principali virologi del nostro paese, che recentemente non ha potuto esibirsi a Oerol perché la sua sicurezza non era garantita.

“È qualcosa che mi tocca profondamente. È fondamentale per la società garantire la sicurezza dei nostri scienziati. Un ambiente sicuro in cui possono parlare tra loro, ma anche un luogo in cui possono condividere le loro intuizioni con noi, qualunque cosa facciamo con quelle idee”.

“La scienza presenta fatti e la politica fa politica. Questo è il punto di partenza. E se non riusciamo nemmeno ad arrivare a quel punto di partenza perché non abbiamo le idee e i fatti e talvolta l’incertezza sul tavolo perché gli scienziati non si sentono al sicuro “, abbiamo un grosso problema. Abbiamo bisogno di una scienza scout e dobbiamo creare una piattaforma in cui possiamo parlare con le persone”.

Ad esempio, Echotent at Lowlands durante New Scientist Live.

“In particolare! Non vedo l’ora di farlo perché tutto si riunisce. Io stesso sono un fisico dell’alta energia e Lowlands è un festival dell’alta energia. I visitatori aprono le loro menti e sono pronti a tutto. Quando ho cantato nelle Lowlands per alcuni anni fa, mi sono davvero divertito. Una domenica mattina Una conferenza sul Big Bang. È stato fantastico. Per i visitatori e per me. ”

CV

Robertus Henricus Dijkgraf (Riderkerk, 24 gennaio 1960) è stato Direttore dell’Institute for Advanced Study di Princeton dal 2012 al 2022. È Ministro dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza nel quarto governo Rutte dal 10 gennaio 2022. In precedenza, è stato professore all’Università di Amsterdam, presidente della KNAW e ospite regolare a cena Il mondo va avanti.

Immagine Getty Images

READ  Pechino chiude una sezione di cinema a causa della recrudescenza dell'epidemia di Corona | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24