“È importante mangiare cibo che non ha girato il mondo” | Storie dietro le notizie

Dolore

Laura viene da una famiglia numerosa di Maastricht con cinque figli. Sua madre le ha instillato l’amore per il cibo e i piatti freschi. “Ho frequentato un’accademia culinaria e ho sempre acquistato prodotti freschi da fornitori locali”, afferma Laura. “Io stesso ho studiato olandese e ho lavorato nel giornalismo, ma non mi andava bene. Ho trovato lavoro in una casa editrice e non mi piaceva neanche. Ma abbiamo anche pubblicato libri di cucina presso questo editore, ed è lì che la mia passione si trova”.

salsiccia affumicata

Quando ha lasciato il suo lavoro, Laura ha pensato di poter dare uno sguardo dietro le quinte di artigiani e chef e raccontare storie su di loro. Quindi in quei primi giorni veniva somministrato in un macellaio a Leida. “Una delle prime cose che mi ha detto è stata che il prosciutto è come la carne umana. Consegnava sempre salsicce affumicate a casa dei clienti, che lanciava semplicemente attraverso la cassetta delle lettere appiattendole un po’. Come risultato di quell’esperienza, ho scritto un storia divertente in cui ho dichiarato con soddisfazione che ero felice perché non ho finito per fumare salsiccia. Questa storia è stata ripresa dai redattori della rivista chef Jamie Oliver. Mi hanno chiesto di scrivere per la loro rivista. Così, ho ottenuto il mio lavoro come una giornalista gastronomica che inizia velocemente”, dice con una risata.

plurale

Gli articoli di Laura erano popolari e in breve tempo scriveva per più media legati al cibo. Così è nata l’idea del ricettario di Amsterdam. In esso ha fatto ricerche sulla nutrizione guardando indietro a diverse cucine e facendo ricerche approfondite. È così che hai scoperto che il tuo piatto a volte percorre 30.000 km. “Dopo il successo del ricettario di Amsterdam, ne ho realizzato un altro, per il quale ho viaggiato in tutti i Paesi Bassi sulla mia moto elettrica alla ricerca dei migliori prodotti delle zone in cui ho vissuto”.

READ  Apple Music riceverà il supporto audio lossless senza costi aggiuntivi a giugno - Audio e visibilità - Novità

Insieme al fotografo Hans de Kurt, che ha curato la fotografia del libro, Laura ha filosofato su un progetto imminente. Perché quanto sarebbe bello fare lo stesso in un altro paese? “Così è nata Natural Austria”, dice Laura. “L’Austria è un paese con un’enorme varietà di sapori, colture e piatti grazie al suo innumerevole microclima. Sapevi, ad esempio, che il formaggio che trovi in ​​Austria ha un sapore diverso quando le mucche o le pecore pascolano in montagna? Hanno molte specialità formaggi, come l’Alpen Bergkäse e il Montafoner Sura Kees, che differiscono notevolmente nel gusto dal formaggio prodotto in Olanda”.

olio di semi di zucca

In circa un mese e mezzo, Laura ha visitato diversi agricoltori, produttori, chef e host e ha raccolto tutte le informazioni per il libro. “Ho incontrato 55 persone e ho scoperto ogni genere di cose straordinarie sui prodotti austriaci. Prendi ad esempio il Kürbiskernöl o l’olio di semi di zucca. Stavo girando la Stiria sulla mia moto elettrica e ho visto tutti i tipi di zucche arancioni sul campo. Ho davvero attirato la mia attenzione , così ho fatto, ho visitato delle fattorie e ho scoperto che da quei semi si ricava un olio meraviglioso, qualcosa che difficilmente si incontra in Olanda.

dolce

In questo modo ho trovato qualcosa di speciale in ogni stato federale e sono diventato più consapevole dell’importanza dei prodotti locali. “Adoro quando gli chef lavorano con la natura e i suoi elementi. Questo succede sicuramente in Austria. Gli chef che coltivano i propri prodotti nel proprio cortile e sistemano una panchina in mezzo al campo, così puoi goderti il ​​tuo pasto tra tutta quella prelibatezza . O chef che sviluppano dolci a base di collina della loro zona. Ho molti esempi di chef che realizzano i loro piatti a base di natura. Ne sono sempre molto entusiasta.

READ  Ubisoft porta i server offline per alcuni vecchi giochi - Aggiornamento - Giochi - Novità

Scrigno del tesoro culinario

Il viaggio di Laura sembrava uno scrigno culinario. “Quando leggi i miei libri di cucina, tu, come lettore, guardi alle mie spalle e scopri questi tesori con me.” “L’ho scritto in modo che tu possa viaggiare con me e vedere che è importante mangiare cibo che non ha viaggiato per il mondo, ma viene semplicemente dal tuo ambiente. Ad esempio, davvero non compro più mandorle dalla California. C’è un monocoltura , il che significa che su un appezzamento di terreno viene coltivato un solo raccolto alla volta. Anche le api devono essere spostate lì, in modo che gli alberi possano dare frutti in primo luogo. “

trota

Non è affatto sostenibile, dice Laura. “Proprio come l’avocado. Poche persone ne beneficiano molto e non gli agricoltori. Se viaggi in un paese in cui viene coltivato un particolare prodotto, puoi ovviamente mangiarlo. Ma in Italia non si ordina il salmone dell’Alaska. In Austria, invece, si può facilmente mangiare il delizioso salmone di un lago di montagna. Mi sento felice quando le persone imparano le storie dietro il cibo leggendo i miei libri di cucina”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24