È “unico” il modo in cui i paesi sfidano congiuntamente la Cina nel Mar Cinese Meridionale

internazionale8 24 aprile 07:55autore: Samuel Hanegraves

Lo scorso fine settimana le forze armate di Stati Uniti, Giappone, Australia e Filippine hanno condotto un’esercitazione congiunta su larga scala nel Mar Cinese Meridionale, un’area rivendicata dalla Cina. Secondo il politologo Friso Doppelbauer è senza precedenti che i paesi della regione collaborino così strettamente tra loro.

È “unico” il modo in cui i paesi sfidano congiuntamente la Cina nel Mar Cinese Meridionale

La Cina certamente vede le manovre dello scorso fine settimana come una provocazione. “L'area in cui ciò accade è considerata territorio interno cinese”, afferma Dubelbauer, del Leiden Asia Center.

Stati Uniti, Giappone, Australia e Filippine hanno affermato di voler rafforzare la cooperazione regionale e internazionale per garantire una zona marittima “aperta e libera”. La Marina cinese ha risposto ieri inviando una “pattuglia da combattimento” nel Mar Cinese Meridionale.

Leggi anche | Aumentano le operazioni militari nel Mar Cinese Meridionale

Discussione su un atollo

Secondo Dobilbor, negli ultimi sei mesi la tensione nella regione, che da anni è teatro di disordini, è aumentata, soprattutto tra Cina e Filippine. I due paesi stanno litigando per un atollo, che non è altro che un banco di sabbia.

“C'è una vecchia nave da guerra filippina arrugginita”, dice il politologo. Otto marine vivono lì e sorvegliano quella zona. Deve essere sempre fornito e i cinesi stanno cercando di impedirlo. Va di male in peggio, dai laser ai cannoni ad acqua e alle collisioni. Il mese scorso si sono verificati infortuni anche da parte filippina.

Leggi anche | Movimenti degli eserciti di Stati Uniti, Giappone, Filippine e Australia nel Mar Cinese Meridionale

READ  Rivolte di spionaggio in Austria: “Un ex impiegato dei servizi segreti spiava per conto dei russi”
Dobelbauer ritiene che non abbia precedenti per un gruppo di paesi orientati all’Occidente lavorare così a stretto contatto tra loro. “Sono tutti preoccupati per la crescente aggressività o addirittura belligeranza della Cina nella regione”. (Polizia nazionale afgana/AFP)

L'approccio non funziona

Dobelbauer ritiene che non abbia precedenti per un gruppo di paesi orientati all’Occidente lavorare così a stretto contatto tra loro. “Sono tutti preoccupati per la crescente aggressività o addirittura belligeranza della Cina nella regione”.

Le Filippine, in particolare, hanno compiuto una completa inversione di rotta nella loro politica. Sotto la presidenza di Rodrigo Duterte, il Paese voleva rafforzare i legami economici con la Cina e allentare così le tensioni. Il suo successore, Ferdinand Marcos Jr., figlio del famoso vecchio dittatore, è tornato negli Stati Uniti. “Ha visto che il riavvicinamento con la Cina non funzionava”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24