Economic Outlook for Spring 2021 dalla Commissione dell’Unione Europea

Secondo le previsioni per la primavera del 2021, l’economia dell’Unione Europea crescerà del 4,2% nel 2021 e del 4,4% nel 2022. L’economia dell’Eurozona dovrebbe crescere del 4,3% quest’anno e del 4,4% l’anno prossimo – secondo il rapporto. Commissione europea. Ciò significa che le prospettive di crescita sono molto migliori delle prospettive economiche per l’inverno 2021 proposte dalla Commissione a febbraio. I tassi di crescita rimarranno diversi tra gli Stati membri dell’UE, ma entro la fine del 2022 le economie di tutti gli Stati membri dovranno tornare ai livelli pre-crisi.

Con l’aumento della copertura vaccinale e la diminuzione delle misure di contenimento, la crescita economica potrebbe riprendersi. La pandemia di Coronavirus è uno shock storico per le economie europee. Nel 2020 l’economia dell’Unione Europea si è contratta del 6,1% e quella dell’Eurozona del 6,6%. Mentre le imprese ei consumatori in generale si sono adattati per affrontare meglio le misure di contenimento, alcuni settori, come il turismo ei servizi alla persona, sono ancora in difficoltà.

La ripresa economica europea, iniziata la scorsa estate, è entrata in stagnazione nel quarto trimestre del 2020 e nel primo trimestre del 2021, quando sono state introdotte nuove misure di sanità pubblica per arginare il numero crescente di casi di COVID-19. Ma con l’aumento della copertura vaccinale e l’allentamento delle restrizioni, le economie dell’Unione Europea e dell’Eurozona dovrebbero riprendersi fortemente. Questa crescita alimenterà i consumi privati, gli investimenti e un’economia globale più forte che aumenterà la domanda di esportazioni dell’UE.

Il rapporto tra investimenti pubblici e PIL raggiungerà il livello più alto in oltre un decennio entro il 2022. Ciò sarà raggiunto attraverso il Recovery and Resilience Facility (RRF), lo strumento che è la pietra angolare di NextGenerationEU.

Lento miglioramento dei mercati del lavoro. Dopo l’impatto iniziale dell’epidemia, le condizioni del mercato del lavoro stanno gradualmente migliorando. Nella seconda metà del 2020, l’occupazione è aumentata e i tassi di disoccupazione sono nuovamente diminuiti dopo aver raggiunto il picco nella maggior parte degli Stati membri.

I piani di sostegno pubblico, compresi quelli sostenuti dall’Unione Europea attraverso lo strumento SURE, hanno impedito che la disoccupazione aumentasse drasticamente. Tuttavia, i mercati del lavoro avranno bisogno di tempo per riprendersi completamente poiché c’è ancora spazio per più ore prima che le aziende debbano assumere più lavoratori. Il tasso di disoccupazione nell’Unione europea dovrebbe raggiungere il 7,6% nel 2021% e il 7% nel 2022. Nell’area dell’euro, la disoccupazione dovrebbe raggiungere l’8,4% nel 2021% e il 7,8% nel 2022. Questi tassi rimangono più alti. era prima della crisi.

READ  Qualificazione al Gran Premio dell'Emilia-Romagna: stazione, orari e altro

Inflazione economica. L’inflazione è aumentata notevolmente all’inizio di quest’anno. Ciò è dovuto all’aumento dei prezzi dell’energia e ad una serie di fattori tecnici temporanei, come l’adeguamento annuale del peso di beni e servizi nel paniere dei consumi utilizzato per il calcolo dell’inflazione. Anche l’abolizione della riduzione dell’IVA e l’introduzione di una tassa sul carbonio in Germania hanno avuto un effetto notevole.

L’inflazione varierà notevolmente nel corso dell’anno, poiché i prezzi dell’energia ipotizzati e le variazioni delle aliquote IVA porteranno a grandi fluttuazioni del livello dei prezzi rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. L’inflazione nell’Unione europea dovrebbe raggiungere l’1,9% nel 2021% e l’1,5% nel 2022. Per l’area dell’euro, l’inflazione dovrebbe raggiungere l’1,7% nel 2021 e l’1,3% nel 2022. *

Il debito pubblico ha raggiunto il picco nel 2021. Il sostegno del governo alle famiglie e alle imprese ha svolto un ruolo importante nel mitigare l’impatto della pandemia sull’economia. Tuttavia, ciò ha determinato un aumento dell’indebitamento degli Stati membri. Il disavanzo pubblico complessivo aumenterà di circa mezzo punto percentuale quest’anno al 7,5% del PIL nell’Unione europea e di tre quarti all’8% del PIL nella zona euro. Si prevede che tutti gli Stati membri, ad eccezione di Danimarca e Lussemburgo, registreranno disavanzi superiori al 3% del PIL entro il 2021.

Tuttavia, entro il 2022, i disavanzi pubblici totali dovrebbero dimezzarsi sia nell’Unione Europea che nell’Eurozona, a meno del 4%. Il numero di Stati membri con disavanzi superiori al 3% del PIL dovrebbe diminuire in modo significativo. Nell’Unione europea, il rapporto debito pubblico / PIL dovrebbe raggiungere un picco del 94% quest’anno per poi scendere leggermente al 93% nel 2022. Il rapporto debito / PIL nell’Eurozona dovrebbe seguire la stessa tendenza, salendo al 102% quest’anno e poi in lieve calo. Al 101% entro il 2022.

Le prospettive rimangono alte, ma ora sono ampiamente bilanciate. I rischi che circondano le prospettive sono e rimarranno tali finché la pandemia COVID-19 incombe sull’economia. Gli sviluppi nella situazione epidemiologica e l’efficienza e l’efficacia dei programmi di vaccinazione possono essere migliori o peggiori di quanto ipotizzato nello scenario centrale per queste proiezioni. La tendenza delle famiglie a spendere soldi o il desiderio dei consumatori di continuare a risparmiare molto può essere sottovalutato a titolo precauzionale nelle aspettative.

READ  Bilbao vince il tour a tappe alpino e Yates sta facendo ancora una volta buone azioni

Un altro fattore è quando smettere di sostenere la politica. Se è troppo presto, il recupero potrebbe essere compromesso. Tuttavia, se questo supporto viene rimosso troppo tardi, ciò potrebbe portare a distorsioni del mercato e le imprese che non sono in grado di sopravvivere potrebbero lasciare il mercato troppo tardi. Contrariamente alle aspettative, le difficoltà incontrate dalle imprese potrebbero avere un impatto più grave sul mercato del lavoro e sul settore finanziario. Una crescita globale più forte, soprattutto negli Stati Uniti, potrebbe avere un impatto più positivo del previsto sull’economia europea. Tuttavia, una crescita più forte negli Stati Uniti potrebbe aumentare i rendimenti dei titoli di Stato statunitensi, provocando aggiustamenti disorganizzati nei mercati finanziari, che danneggerebbero particolarmente le economie dei mercati emergenti con un elevato debito in valuta estera.


(Foto-Etienne Insotte / © Unione europea – 2015)

Valdes Dombrowskis (1971) è un politico lettone che è stato membro del comitato Von der Leyen dal dicembre 2019 come vice presidente esecutivo di un’economia che lavora per il popolo. In precedenza ha ricoperto la carica di Vicepresidente per il dialogo europeo e sociale dal 2014 al 2019, contemporaneamente come Commissario europeo per la stabilità finanziaria e i servizi finanziari e la Federazione dei mercati dei capitali dal 2016 al 2019

Alcune reazioni dei membri del corpo: Valdes DombrovskisVicepresidente esecutivo di un’economia che lavora per le persone:La battaglia è tutt’altro che finita, ma le prospettive economiche dell’Europa sembrano davvero più rosee. Con l’aumento della copertura vaccinale, l’allentamento delle restrizioni e le persone che tornano gradualmente alla loro vita normale, avremo migliori prospettive per le economie dell’UE e dell’Eurozona per quest’anno e il prossimo. Lo strumento per il recupero e la resilienza contribuisce e farà progressi significativi nel 2022, quindi spinge gli investimenti pubblici al livello più alto in oltre un decennio. C’è ancora molto lavoro da fare e finché la pandemia continua, ci sono ancora molti rischi intrinseci. Finché non saremo su un terreno solido, faremo tutto il necessario per proteggere le persone e far funzionare le aziende“.

Foto Amstelveen
(Foto di Lucas Cobos / © Unione europea – 2020)

Paolo Gentiloni Silveri (1954) è un politico italiano che è stato il 57 ° Primo Ministro d’Italia dal 2016 al 2018. È un membro fondatore del Partito Democratico che ha assunto la guida del partito nel marzo 2019. È stato membro del von der Leyen dal 1 ° dicembre 2019, in qualità di Commissario europeo per gli affari economici e finanziari.

READ  L'Italia vuole produrre localmente i vaccini Corona

Paulo GentiloniCommissario economico:L’ombra che COVID-19 getta sull’economia europea sta gradualmente svanendo. Dopo un inizio anno debole, prevediamo una forte crescita nel 2021 e nel 2022. Un sostegno al bilancio senza precedenti è e continuerà ad essere essenziale per aiutare i lavoratori e le imprese in Europa durante questa tempesta. Il conseguente aumento dei deficit e del debito raggiungerà il picco quest’anno e inizierà a diminuire in seguito. L’impatto di NextGenerationEU apparirà quest’anno e l’anno prossimo. Tuttavia, resta ancora molto lavoro da fare, sia a Bruxelles che nelle capitali nazionali, per sfruttare al meglio questa storica opportunità. Certo, è ancora necessario stare al passo con le vaccinazioni, per la salute dei nostri cittadini oltre che per le nostre economie. Quindi rimbocciamoci le maniche.

sfondo. Queste previsioni della primavera 2021 si basano su una serie di ipotesi tecniche riguardanti tassi di cambio, tassi di interesse e prezzi delle materie prime datate 28 aprile 2021. Per tutti gli altri nuovi dati, comprese le ipotesi di politica del governo, queste proiezioni prendono informazioni fino al 30 aprile. A meno che le politiche non siano annunciate in modo affidabile ed elaborate in modo sufficientemente dettagliato, le aspettative si basano sul presupposto che le politiche rimarranno invariate.

Dopo l’approvazione finale del regolamento sullo strumento per la resilienza e il recupero (RRF) e i progressi significativi nella preparazione del piano per la ripresa e la resilienza (RRP), le prospettive di primavera per tutti gli Stati membri tengono conto delle misure di riforma e di investimento nei progetti di RRP. Tuttavia, alla scadenza, i dettagli di alcuni dei piani erano ancora in discussione in diversi Stati membri. In questi casi, sono state utilizzate ipotesi aziendali semplificate per registrare le transazioni relative all’RRF, in particolare per quanto riguarda il file temporale delle spese (ipotizzando una spesa lineare per tutta la vita dell’RRF) e la sua composizione (ipotizzando il dettaglio) tra investimenti pubblici e trasferimenti in conto capitale ).

.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24