Ehi ehi ehi: un bambino umano ride come uno scimpanzé

I bambini di età inferiore ai tre mesi possono già ridere ad alta voce, ma lo fanno ancora come fanno i primati non umani: con molto rumore durante l’inalazione e non particolarmente rumoroso durante l’espirazione come fanno gli umani adulti. Man mano che i bambini invecchiano, questa percentuale di inalazione diminuisce costantemente, da più del 50% a tre mesi a meno di 40 a un anno e mezzo. Sorprendentemente, più i bambini ridono mentre espirano, più gli adulti svilupperanno la risata. Tutto ciò è dimostrato dalla ricerca di oltre 100 video di bambini che ridono tra tre mesi e un anno e mezzo, e la valutazione di quel sorriso da parte di gruppi di esperti e persone “normali”, guidati da Mariska Krett, zoologa di Leida. L’analisi è apparsa su Biology Letters all’inizio di settembre.

Diversi gruppi di mammiferi ridono, tranne che per i primati alcuni roditori. Negli animali, il segnale della risata, con cui indicano che si stanno divertendo, viene emesso durante l’inspirazione e l’espirazione. Il segnale potrebbe essere sorto dalla respirazione affannosa durante i giochi fisicamente attivi.

intensamente sociale

Negli esseri umani, questo segnale è stato convertito nel noto suono ha-ha (in tutti i tipi di varianti) che viene prodotto principalmente durante l’espirazione. La risata negli esseri umani, come negli animali, è un’intensa attività sociale che rafforza i legami tra di loro. Krit dice in comunicato stampa Dall’Università di Leiden, come le è venuta l’idea di analizzare le risate della prima infanzia quando lei e un’amica hanno partecipato a una conferenza tenuta dal primo biologo olandese Jan van Hoof. Van Hoof è diventato famoso nei primi anni ’70 perché ha dimostrato che un sorriso umano è associato al viso rilassato a bocca aperta e al suono allegro e ansimante che gli scimpanzé e le altre grandi scimmie emettono durante il gioco sociale. Quando si è presentato e ha sentito una scimmia ridere durante la conferenza, l’amico di Creta ha detto: “Così ride anche il mio bambino”.

La risata nasce sempre in un processo sociale, come un solletico o una sbirciatina

Per convalidare scientificamente questa osservazione, Krett ha raccolto video di bambini che ridono, della durata di 4-7 secondi, inclusi dati sul contesto della risata. Non sono state trovate registrazioni di risate di bambini di età inferiore ai tre mesi, prima di allora i bambini non potevano ridere ad alta voce. Si è scoperto che non era possibile distinguere automaticamente tra risate inalate ed espirate in base al solo tratto vocale, quindi Krett aveva diverse squadre di esperti e partecipanti “normali” per valutare la risata. Dovevano anche chiarire se la risata fosse contagiosa.

Bambino di diciotto mesi sostanzialmente sorridente con l’espirazione

(Audio da Mariska Creta)

I ricercatori ritengono che non sia sorprendente che i neonati non abbiano ancora padroneggiato il tipico sorriso espiratorio umano avanzato. La loro gola è ancora molto simile a quella di un primate “normale”. La laringe, che normalmente è adattata al linguaggio umano e che consente anche un controllo più preciso della risata, matura gradualmente dopo la nascita. Dall’età di sette a otto mesi, i bambini iniziano a “chiacchierare” da soli, quel flusso gentile di suoni che in realtà sembrano un linguaggio ma non lo sono.

Occhiata

Ma la risata non viene naturale, nemmeno con una gola più appropriata. La risata nasce sempre in un processo sociale, come un solletico o una sbirciatina. Gli autori scrivono che l’imitazione è il meccanismo ovvio per questo processo di apprendimento. Dopotutto, i bambini di sei mesi imitano già tutti i tipi di suoni che fanno gli adulti intorno a loro. Ma pensano che ci sia un altro processo: i bambini piccoli sono molto sensibili alle reazioni degli adulti alle loro produzioni vocali. Quindi la maggiore attrattiva di un sorriso che espira diventa importante. Quando i bambini iniziano a espirare meglio, vengono immediatamente ricompensati con una risposta più positiva rispetto agli adulti che li circondano. Di solito sparano in una risata espirata spontanea.

Come le scimmie, la risata negli umani ha più a che fare con la comunicazione di una buona sensazione che con il ridere di qualcosa di divertente, come fa il sociologo e neurobiologo americano. Robert Provine Era già stato istituito negli anni novanta. Le persone ridono di più in compagnia che quando sono sole. Il “contagio” della risata è più eclatante: le persone ridono anche più spesso perché qualcun altro ride più che perché sentono qualcosa di divertente. Bruffin paragona il contagio uditivo della risata al contagio visivo di uno sbadiglio, e nessuno “sbadiglia” per niente.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24