Errori costosi: l’incidente di Tsunoda a Singapore è costato all’AlphaTauri P8 in classifica

La gara del pilota AlphaTauri Yuki Tsunoda a Singapore si è conclusa al giro 36. Alla curva 10 dell’Asian Street Circuit, i giapponesi sono stati eliminati e hanno concluso la gara. TecproIl muro, dove ha danneggiato così tanto l’ala anteriore e la sospensione che non ha potuto continuare la sua gara. La pioggia battente prima dell’inizio della gara di domenica ha reso difficile il controllo dei mediatori. L’incidente di Tsunoda è costato punti AlphaTauri. Che dire delle altre interruzioni in Giappone e come si confronta Tsunoda con i suoi predecessori giapponesi? F1Massimo riassume il comando.

Dopo le qualifiche di sabato dal weekend di gara a Marina Bay Street, sembrava che AlphaTauri avesse le cose a posto. Con Pierre Gasly al settimo posto e Tsunoda al decimo, c’erano sicuramente delle opportunità per la squadra italiana. L’ultima volta che i piloti AlphaTauri sono apparsi nella Q3 è stato al Gran Premio di Baku, che è anche un circuito cittadino. Dal momento che lo stretto e l’alto
forza verso il bassoLe possibilità di sorpasso sul circuito di Singapore erano limitate e sembrava che Tsunoda e Gasly avessero una doppia possibilità, superando così Haas in campionato.

La pioggia su un circuito cittadino è un ingrediente del caos: chi mantiene la calma?

Poco prima della gara di domenica ha piovuto molto, ritardando di un’ora il giro di formazione. La gara potrebbe finalmente iniziare alle 15:05 ora olandese e potrebbe non essere completata nella sua interezza. Le condizioni di bagnato hanno anche significato che i conducenti hanno iniziato a utilizzare tenditori bagnati. A causa del clima caldo e umido di Singapore, era difficile prevedere quando l’asfalto si sarebbe asciugato abbastanza per una gomma media o morbida.

In ogni caso, i conducenti dovevano provarlo da soli. A metà gara, la maggior parte dei piloti era ancora con la gomma a guancia verde, solo George Russell ha osato passare per primo alla gomma media, anche se i suoi tempi sul giro non giustificavano il cambio. Dopo l’inizio della gara, le cose sembravano andare abbastanza lisce fino all’arrivo della prima safety car. Successivamente è piovuto Nicholas Latifi, Chu Guanyu, Fernando Alonso, Esteban Ocon e altri.

READ  In attesa della prevista apertura di AEX

Al 36° giro, le cose sono peggiorate per Tsunoda. Sbloccò le ruote e scivolò sull’asfalto contro il muro. Il 22enne è riuscito a scendere e ha dovuto guardare mentre la sua macchina veniva sollevata dal muro e tirata fuori pista. A quel punto i giapponesi non erano più in zona punti, anche se la possibilità di segnare non era del tutto impossibile con almeno mezz’ora dalla fine. Il pilota dell’AlphaTauri ha ammesso che è stata colpa sua: “Non guido più in punti”, ha detto Tsunoda davanti a un microfono. Sky Sport F1.

Erano solo circostanze difficili. Ho fatto questo errore quando ho perso completamente il punto di accelerazione. Tutta colpa mia “, afferma il giapponese, che ha visto il suo compagno di squadra guidare una gara di successo. Gasly ha concluso la gara in P10 ed è stato responsabile di un punto per la squadra. Inoltre, Tsunoda era con la gomma media durante la sua caduta. Un po’ d’acqua addosso le gomme da asciutto sono già disastrose, soprattutto nelle stradine di Singapore Tsunoda ha messo subito penitenza, anche se con essa non ha conquistato punti.

Altre interruzioni: quali sono le cause?

Compreso il DNF a Singapore, il 22enne è caduto quattro volte finora. La sua prima interruzione si è verificata in Canada. I giapponesi erano appena usciti dalla pit lane con un nuovo treno di gomme bianche, ma non si erano ancora riscaldati bene. Le sue ruote cedettero e lui colpì il muro. Poiché la sua vettura si trovava in una posizione pericolosa subito dopo essere uscita dalla pit lane, è stata schierata una safety car. L’incidente assomiglia molto a quello di Singapore: scivolare con il freddo, bloccare le gomme e sbattere contro un muro.

È stata anche colpita in Francia, sebbene ciò non sia stato causato dallo stesso Tsunoda. Nel primo giro, ha guidato al fianco del pilota alpino Esteban Ocon, che ha perso brevemente l’auto mentre guidava sul cordolo. Questo ha portato le due auto in contatto tra loro e Tsunoda ha rotolato. Il danno dell’incidente alla fine è stato così grande che AlphaTauri ha dovuto portare l’autista numero 22 e parcheggiare l’auto. I giapponesi parlavano un linguaggio semplice: Okun era responsabile dei punti che non aveva.

READ  Pizza di lusso? Questi quattro titoli belgi sono tra le prime 50 migliori pizzerie d'Europa, fuori dall'Italia

L’ultimo DNF per Singapore è stato a Zandvoort nei Paesi Bassi. È stato un incidente che ha sollevato non poche domande in seguito, e qui sono emerse alcune teorie su dove Tsunoda stesse mettendo l’auto, la safety car e la vittoria di Max Verstappen. Dopo la pausa, il 22enne ha sentito che qualcosa non andava, quindi la squadra lo ha portato di nuovo. Si presume che il nastro non sia stato collegato correttamente. Tuttavia, non è stato così, si è verificato un errore nei dati dell’auto e a Tsunoda è stato prontamente chiesto di mettere da parte la sua auto.

Sembra essere responsabile della metà delle sue quattro interruzioni. In Francia si può ancora sostenere che i giapponesi potrebbero essere molto emozionati nella fase di apertura, quindi era meglio aspettare prima di sorpassare Ocon. In due di queste quattro gare, Francia e Singapore, Tsunoda era probabilmente sulla pista dei punti prima di ritirarsi. I suoi fallimenti, quindi, gli sono già costati più volte punti, mentre la scuderia italiana potrebbe metterli a frutto.

Attualmente, il pilota AlphaTauri è responsabile di 11 punti per la squadra, ovvero circa un terzo del totale. Il suo compagno di squadra Gasly ha segnato 23 punti. Questo porta il totale a 34 e si colloca al nono posto nel campionato costruttori. Se Tsunoda avesse segnato punti in Canada, Francia e Singapore, AlphaTauri sarebbe stato settimo o ottavo in campionato. Glielo diede Gasly Alla conferenza stampa di Singapore Già accennato: questi pochi punti possono significare molti soldi per la squadra.

Giapponese in Formula 1: come si confronta Tsunoda con i suoi predecessori?

Nella storia della Formula 1, ci sono stati 21 piloti giapponesi in totale, incluso Tsunoda. Non molti hanno avuto particolare successo e non tutti i piloti sono riusciti a finire la sua stagione con il team di Formula 1. Satoru Nakajima è stato il primo pilota a guidare un’intera stagione, correndo al fianco di Ayrton Senna nel 1987. Nakajima ha completato cinque stagioni e ha segnato punti nella sua seconda razza Assolutamente.

READ  Portale web dei medici di base online dopo ore di ritardo • GGD presenta una denuncia contro i teorici della cospirazione

Il pilota giapponese con il tempo più lungo in Formula 1 è Ukyo Katayama, dopo aver completato sei stagioni e gareggiato in 97 Gran Premi, tutti per il Team Tyrrell. In questa lunga carriera ha segnato solo cinque punti, su 97 gare si è ritirato 63 volte. Il nome più popolare è Takuma Sato, ha debuttato con la Jordan durante la stagione 2002. La sua stagione ha visto parecchi alti e bassi, quindi è stato sostituito nel 2003.

Successivamente si è unito a Barr dopo che Jacques Villeneuve ha lasciato la squadra, ma ha segnato punti solo in una gara. Kamui Kobayashi è anche un nome ben noto. I giapponesi hanno esordito al Gran Premio del Brasile con la Toyota in sostituzione di Timo Glock, impossibilitato a guidare a causa di un infortunio. Kobayashi ha segnato punti nella gara di Abu Dhabi, che ha acceso l’interesse della Sauber. Nei suoi tre anni con la Sauber, ha concluso regolarmente a punti. Al Gran Premio del Giappone 2010, ha guidato al P3.

Rispetto ai suoi predecessori, lo Tsunoda si comporta abbastanza bene. Ha già completato quasi due stagioni in Formula 1 e una terza è in arrivo. Regolarmente nei punti o nel podio non sembra tornare utile, anche se questo è in parte dovuto all’auto. Il 22 settembre, AlphaTauri ha annunciato che avrebbe continuato per un altro anno con i giapponesi, che sono notevolmente migliorati nella stagione 2021. AlphaTauri spera di avere un’auto più competitiva entro il 2023 per dare a Tsunoda e al suo compagno di squadra l’anno prossimo una migliore opportunità per mostrare la loro vero potenziale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24