“ Fai la cosa giusta a trent’anni ma ancora spaventosamente attuale ”

Alla luce della condanna di Derek Chauvin per la morte di George Floyd, questo sta dando i suoi frutti Fare la cosa giusta Dal regista Spike Lee. Questo film del 1989 parla di una soffocante giornata estiva in un quartiere prevalentemente nero di Brooklyn, dove l’italiano Sall gestisce un ristorante con la sua famiglia.

Inizia molto forte, in una delle prime scene, una discussione sulle immagini sul muro del ristorante: qualcuno si arrabbia perché ci sono solo foto di italiani, quando tutti i clienti sono neri. Come puoi non avere fratelli sul muro? Sal dice che decide chi adora sul suo muro, è un maledetto ristorante italiano.

Le cose peggiorano alla fine della giornata quando la polizia assalta il quartiere. Uno dei personaggi neri muore nella morsa di un poliziotto. Un caos è seguito da rivolte: il ristorante è stato incendiato. In conclusione, Spike Lee ha chiesto ai suoi fan quale fosse la loro posizione con due citazioni, da Martin Luther King Jr. Malcolm X: La violenza è ingiustificata o è l’unico modo? Come nel caso della violenza della polizia contro le minoranze.

Subito dopo il suo rilascio, divenne chiaro quanto Lee avesse la realtà: tre anni dopo, Los Angeles fu incendiata dopo che gli agenti di polizia che avevano aggredito Rodney King furono assolti. La città ha impiegato anni per riprendersi. Prima della sentenza nel caso di Derek Chauvin – l’ufficiale che ha premuto il famigerato ginocchio del detenuto George Floyd sul collo del detenuto, provocando una calda estate di proteste – era già ferita. Ancora una volta, la morte di un ragazzo di colore è stata registrata durante l’arresto telefonico. L’ufficiale ha detto di aver estratto accidentalmente una pistola dopo che il ragazzo, Don Wright, ha cercato di scappare. Ancora una volta ci furono proteste e rivolte.

READ  Queste signore conquistano i cuori degli uomini nella nuova stagione di Temptation

Le conseguenze di questi disordini sono enormi. Recentemente, stavo guidando attraverso Oakland, in California, con un senzatetto che mi ha mostrato affari chiusi ai proprietari di piccole imprese asiatiche. I loro insediamenti coperti di ghiaia non sono stati risparmiati a causa di una combinazione di misure contro il virus e dell’estate delle rivolte di protesta. Gli uomini d’affari ora si sono messi in fila all’assistente sociale per ottenere la zuppa gratis. È la stessa storia che ho sentito di recente a Portland e la sentirò più volte nelle prossime settimane, in tutti gli Stati Uniti.

Nella scena finale di Fai la cosa giusta, Sal siede tristemente sul marciapiede di fronte ai resti del suo ristorante. Ha perso tutta la sua esistenza in una calda notte. Ma, come mi fa notare, la vittima della brutalità della polizia ha perso la vita nelle mani di un poliziotto. Sono passati più di trent’anni da questo film, ma è ancora un argomento terrificante.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24