Fai promettere al Marocco di permettere ai suoi cittadini di tornare in patria

Non vedo l’ora di andare in vacanza in Marocco, perché finora lo so solo dal film: Alfred Hitchcock L’uomo che sapeva troppo che inizia con Jimmy Stewart e Doris Day (“Que sera, sera”) in un bellissimo ma caloroso viaggio in autobus a Marrakech. Questa città culturale era anche amata da Winston Churchill, al quale spesso piaceva il soggiorno del suo portatore. E nei Paesi Bassi tutti conoscono illustri marocchini olandesi come Ahmed Aboutaleb (sindaco di Rotterdam), Ahmed Margoch (sindaco di Arnhem) e Khadija Arib (ex presidente della Camera dei Deputati; se solo fosse stata lì, avrebbe sicuramente usato la sua posizione di aiutare Peter Umtzigt per due imbarazzanti minuti).

I Paesi Bassi possono ora fare buon uso della recente visita del presidente dell’UE von der Leyen in Marocco. Il 6 febbraio ha promesso 1,6 miliardi di fondi dell’UE al Marocco in cambio della promessa che il Marocco si sarebbe adoperato per rafforzare i legami con l’UE.

Von der Leyen ha parlato principalmente delle future azioni ambientali del Marocco, il che è fantastico, ma il Marocco deve ancora fare un grande passo in un’altra area per diventare un vero amico dei Paesi Bassi (e della Danimarca, della Germania, dell’Austria, ecc.). Membri dell’Unione Europea): aderire all’articolo 12.4 del Patto internazionale sui diritti civili e politici, che afferma che ogni individuo ha il diritto di tornare nel proprio Paese.

Richiedi un permesso di lavoro a Rabat

Il Marocco ha firmato e poi presentato formalmente questo trattato delle Nazioni Unite il 3 agosto 1979, ma ha creato problemi all’Europa con il sistematico rifiuto di riammettere i cittadini marocchini in patria quando uno stato dell’UE non voleva assorbirli come migranti economici. Ciò contraddice non solo il Patto internazionale sui diritti civili e politici, ma anche la Dichiarazione universale dei diritti umani (articolo 13.2): “Ognuno ha il diritto di tornare in patria”. (Nota: Anche se il governo lo priva della cittadinanza, la sua patria rimane la sua patria e secondo i giuristi conserva il diritto al ritorno).

READ  Un bambino di un anno senza genitori è arrivato su una nave di migranti in Italia

Perché è così importante per i Paesi Bassi? Non possiamo imbarcare i cosiddetti “richiedenti asilo respinti” dal Marocco su un aereo per Rabat perché il Marocco si rifiuta di accettarli. Ogni anno centinaia di giovani marocchini vogliono stabilirsi nei Paesi Bassi, non come “richiedenti asilo”, perché il Marocco non li ha perseguitati, ma per un futuro finanziario migliore. Nelle normali relazioni tra Marocco e Paesi Bassi, dovranno prima richiedere un permesso di lavoro presso l’ambasciata olandese a Rabat, sapendo che se si presentano a Ter Apel senza tale permesso, saranno trattenuti e rimandati nel loro paese d’origine . Appena possibile.

Ferma la retorica a buon mercato

Raggiungere un futuro così naturale richiede un piano attento e graduale:

  1. Il ministro degli Esteri Hoekstra deve fermare categoricamente le sue arroganti critiche ai paesi mediterranei. Hoekstra ei suoi predecessori Dijsselbloem e Il d’Oro Zalm non hanno ottenuto altro che creare cattivo sangue con le loro dichiarazioni volgari sull’Italia. Pensa tu stesso: perché dovrebbe interessare ai politici italiani? La retorica a buon mercato deve finire per Bouhni, perché è probabile che anche il Marocco negozia se viene mostrato rispetto.
  2. Sarebbe saggio chiedere consiglio a Hoekstra in Spagna, che ha esperienza di negoziazione con i rifugiati dal Marocco. Spagna e Marocco devono regolarmente risolvere i problemi legati alle contese enclavi spagnole in Marocco, che – se le guardie di frontiera marocchine falliscono per errore o di proposito – offrono improvvisamente a migliaia di rifugiati una possibilità di ammissione nell’Unione europea.
  3. Hoekstra può in parte fare appello all’interesse personale marocchino. Il 70 per cento dei bambini marocchini non ha ancora competenze di lettura di base alla fine della scuola primaria (fonte: Banca Mondiale). Il restante 30% che sa leggere ha un disperato bisogno del proprio paese se vuole svilupparsi meglio di prima. A cosa non possono contribuire uomini e donne del calibro di Abu Talib, Marqosh e Arab? I Paesi Bassi possono promettere di non rilasciare permessi di lavoro a ragazzi e ragazze marocchini altamente istruiti, che sono molto richiesti nel loro paese, ad esempio come futuri manager o come medici (i Paesi Bassi hanno cinque volte più medici ogni 1.000 abitanti del Marocco).
  4. In cambio di questa promessa, il Marocco dovrà accettare che la nostra ambasciata a Rabat debba dire “no” nella maggior parte dei casi a ragazzi e ragazze che non hanno completato la scuola primaria (l’incapacità di leggere gioca un ruolo minore per le ragazze, dove il 40 per cento ha abilità letterarie).
READ  Pauline Ducroix, "La principessa che è cresciuta nel circo", sulla sua educazione reale

Anche patti con altri paesi

Non ho familiarità con le regole amministrative dell’UE: tutti gli Stati membri devono accettare 1,6 miliardi? Ma tutti sanno che gli Stati membri a volte mettono una lente d’ingrandimento nella ruota europea per imporre loro qualcosa di grande importanza. Per i Paesi Bassi si tratta di porre fine all’immigrazione di massa di giovani marocchini nei Paesi Bassi, che poi devono restare con noi per sei mesi o più, in attesa dell’1% di possibilità (il numero reale dell’anno scorso) che possono restare e, nel frattempo, creare problemi agli autisti di autobus, alla polizia e agli osservatori per comprensibile noia, e anche alimentare la teoria tossica di Wilders secondo cui i giovani analfabeti del Marocco non stanno qui a causa della loro religione

Infine, un buon accordo con Rabat potrebbe servire da modello per patti simili con altri paesi che rifiutano di restituire i propri cittadini in violazione dei trattati delle Nazioni Unite (la Tunisia anche quest’anno). L’Europa dà così tanti soldi a destra ea manca ai suoi vicini amichevoli che può anche avanzare richieste. Quindi si avvicina una situazione più pura in cui Ter Apel può concentrarsi sui veri richiedenti asilo che hanno dovuto fuggire dal loro paese, mentre le carte dei migranti economici vengono valutate presso l’ambasciata olandese nel loro paese di residenza.

professore di economia Eduard Bomhof Pubblica la sua rubrica settimanale su Wynia Week. Sei già Sostenitore di Wynia Week† Puoi donare qui† Grazie!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24