Berlusconi ha ragione a bandirlo come maggiore azionista della banca


Foto: ANP

La Banca Centrale Europea (BCE) ha giustamente impedito all’ex Primo Ministro italiano Silvio Berlusconi di acquisire una banca italiana. La Corte europea ha stabilito che, poiché il miliardario è stato ritenuto colpevole di frode fiscale, non soddisfaceva le condizioni. Se parlerà davvero in banca è irrilevante.

Berlusconi in precedenza sembrava in grado di ottenere il permesso attraverso una holding per la sua partecipazione del 30 per cento in Banca mediaolanum. La Banca Centrale Italiana ha voluto porre fine a tutto questo dopo la condanna di Berlusconi, ma la correttezza del geniale uomo d’affari e politico è stata provata davanti al più alto tribunale amministrativo italiano. Tuttavia, questa sentenza è arrivata a lui per quanto riguarda le accuse di corruzione. Quando in seguito ha voluto convertire il suo interesse indiretto nella banca in un interesse diretto, è intervenuta la Banca centrale europea. Di conseguenza, la vendita non ha avuto luogo.

Mercoledì, il Tribunale dell’Unione europea ha stabilito che la Banca centrale europea rientrava nei suoi diritti. Il supervisore europeo non ha bisogno di verificare se Berlusconi ha un’influenza effettiva sulla banca. Chiunque possieda il 30 percento delle azioni può esercitare un’influenza decisiva e i truffatori fiscali condannati vengono semplicemente squalificati da tale posizione.

Il tre volte Presidente del Consiglio (85) è il leader della destra populista Forza Italia e una delle persone più ricche d’Italia.

READ  Numeri del report 2021: il Bahrain è vittorioso | flash in bicicletta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24