Film: 2 leggende e rivolte su Twitter in Francia

L’influenza dei social network come Twitter è centrale in un film francese attuale basato su eventi reali. E possiamo parlare un po’ anche di Ennio Morricone, l’inventore della musica da film?

traditore?

Hai sentito parlare del caso di Mehdi Maklat? Nel 2017, un giovane scrittore e blogger ha ottenuto un enorme successo in Francia. Fino a quando non viene rivelato che sta inviando tweet sessisti, antisemiti e razzisti su Twitter con lo pseudonimo di Marceline Duchamp (Arthur Rimbaud nel film). Questo caso specifico ha ispirato il regista Laurent Cantet, che all’epoca vinse la Palma d’oro a Cannes Entre les murs a Arthur Rambo (***, attualmente nelle sale). Cantet rifiuta di esprimere un giudizio sulla sua storiografia. Lascialo allo spettatore. Ma i media in Francia lo hanno fatto all’unanimità.

Improvvisamente il giovane autore – Karim nel film – che ha scritto un libro così bello sulla madre algerina è diventato persona non grata: un estremista. Improvvisamente tutta la sua credibilità è andata persa. Per giustificarsi si definisce un provocatore su Twitter e cerca quanti più like e followers possibili: fino a 200.000, i più violenti e i più divertenti in cima.

Aveva appena 16 anni quando ha iniziato. Il suo editore lo descrive come inaccettabile. Le vendite del suo libro sono crollate, le librerie si rifiutano ancora di venderlo, i canali TV sono tagliati, ecc. D’altra parte, un giovane di periferia che esprime la sua rabbia – con il fratello minore Fred come avvocato – si rivela un sporco traditore. La scena più dolorosa del film è quando deve spiegare le cose a sua madre senza nemmeno doverlo spiegare. Altro che “Non capisci!” Non esce dalla sua bocca. Sua madre rispose: “Allora sono uno sciocco per te che non ti capisci!”

READ  Mezzogiorno di lunedì 3 aprile 2023 - Misteri

A pensarci un attimo.

Inyo

Inyo (****, attualmente nelle sale) con sottotitoli a pieno significato Enio: Maestro È un capolavoro a cui il regista italiano Giuseppe Tornatore ha lavorato per cinque anni. Il filo conduttore del film è una lunga intervista a Ennio Morricone (1928-2020), noto come compositore musicale del film per circa 250 lungometraggi. Questa la nota di apertura di Spaghetti Western di Sergio Leone C’era una volta nel West Creativo e leggendario. Sentiti libero di contattare Morricone, l’inventore della musica da film. Anche se questo non è stato immediatamente scritto nelle stelle. Enyo voleva diventare un medico, ma suo padre, che era il capofamiglia della famiglia come trombettista, voleva che suo figlio seguisse le sue orme. Qualunque cosa sia successa all’inizio.

Tornatore, che ha lavorato per la prima volta con Morricone per Nuovo Cinema Paradiso – ormai un classico – un fan del lavoro di varietà di Morricone – e chi non lo è? E lo senti. Questo è ciò che rende Ennio una grande lezione di musica da film. Nel frattempo, innumerevoli registi, da Bertolucci a Malick, da Eastwood a Tarantino, si fanno avanti con storie su ciò che Morricone significa per loro. Sappiamo che Stanley Kubrick gli ha chiesto del risultato arancione arancione Ma è proprio Sergio Leone che ha messo i bastoni nelle ruote con una bugia. E anche quel Morricone, che da anni cerca riconoscimenti, in realtà per la colonna sonora unica di . la missione Merita un Oscar. Ennio è un must per ogni amante della musica e del cinema.

Filippo Roth

Il regista francese Arnaud Desplechin ha impiegato più tempo di Tournature: quasi 20 anni per scrivere un romanzo del 1990 inganno di Filippo Roth. Grazie al covid finalmente è successo. Divertente quanto sensuale Mirtillo rosso (***, attualmente nelle sale, con sottotitoli in inglese) Interpretato da due eccellenti – per non dire eccezionali – attori francesi, tra i migliori che si possano trovare oggi in Francia. Dennis Bodalides nei panni dello scrittore newyorkese Philip Roth on the Path of Love e Léa Seydoux nei panni della sua giovane musa/amante, presumibilmente o meno. in questo stato d’animo casa è vicina – Le prostitute lo chiamerebbero un film parlante – racconta all’autore di se stesso e dei suoi incontri romantici a Londra. Un gioco a nascondino tra un uomo (vecchio) e una donna (giovane) è presentato con un buon pizzico di umorismo giocoso e relativistico senza che Ruth abbandoni i suoi temi standard come l’essere ebreo (e l’autoironia), per motivi di un esempio. inganno È chiamato un punto di svolta nel lavoro di Roth perché in esso si è presentato per la prima volta al posto del suo ego: il nome Nathan Zuckerman.

READ  "Anche Roti IV mette i suoi errori in una borsa marrone scuro"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24