Film italiano classico su Netflix – VPRO Cinema

Negli ultimi mesi Netflix ha aggiunto alla sua offerta alcune centinaia di film europei: francesi, rumeni, scandinavi; Vecchio e nuovo, in tutti i generi possibili. Il servizio di streaming sta emergendo come compagnia artistica? No, il motivo potrebbe essere più prosaico: la legge europea richiede che gli streamer nei paesi dell’UE forniscano almeno il trenta per cento dei contenuti europei. Netflix sembra conformarsi acquistando pacchetti di film abbastanza casuali e aggiungendoli silenziosamente al database. La maggior parte di essi non sono così interessanti, ma tra loro ci sono alcune gemme.

Ad esempio, una recente raccolta di film italiani conteneva semplicemente dei classici Lapiro degli Zuccoli Del 1978, che all'epoca vinse numerosi premi, tra cui la Palma d'Oro al Festival di Cannes. Questo ambizioso dramma del regista Ermanno Olmi (distribuito nei Paesi Bassi come… Spina l'albero) è ambientato intorno al 1900 nella campagna lombarda. Seguiamo un anno della vita di quattro famiglie di braccianti agricoli, che vivono insieme in una grande fattoria. Lavorano fino alla morte e poi devono consegnare la maggior parte del loro reddito al proprietario terriero. Ma a volte c’è spazio per la gioia: c’è il gioco, il canto, il matrimonio. La fede cattolica è sempre presente, a volte come conforto, a volte come ulteriore tormento.

Il regista Olmi si ispirò chiaramente al neorealismo di connazionali come Roberto Rossellini e Vittorio De Sica. Sceglie solo attori non professionisti, li fa parlare in un dialetto locale, evita le grandi emozioni ed enfatizza la routine quotidiana. Ciò crea un film con qualità documentaristica e una lezione di storia rara e autentica. Il ritmo lento e la durata di tre ore richiedono molta pazienza, ma sono necessarie per mettere il pubblico nel giusto stato d'animo contemplativo.

READ  Frans Bauer è cresciuto con genitori che non sapevano leggere: "Leggo loro" | Maldicenza

Con molta abilità, Olmi fa percepire quanto sia limitato l'ambiente operaio. A volte ci sono suggestioni di un mondo esterno pieno di disordini politici, ma ai lavoratori non mancano il tempo e la forza per partecipare. C'è una scena significativa in cui qualcuno assiste all'appassionato discorso di un rivoluzionario ma perde interesse perché scopre una moneta sul pavimento. Prima il pane, poi la meditazione, ecco come va. Anche se Olmi non lascia dubbi sul fatto che i suoi personaggi avranno tutte le ragioni per ribellarsi. Si aggrappano gli uni agli altri e a Madre Maria, perché nessuno muove un dito per loro. Come risulta chiaro dalla scena finale a bassa temperatura e dolorosa.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24