Film sul rapporto di amore-odio a New York, Napoli e il lupo

Amore e odio sono spesso vicini l’uno all’altro. Questo mostra cinque film recenti. Cosa hanno in comune “West Side Story” di Spielberg, “Hand of God” di Sorrentino, “Madras Parallellas” di Almodovar, “Cézanne” di Bruno e Animal di Dion!?

Storia della porta del lato ovest Steven Spielberg

Maria e Tony

È più acutamente visualizzato nel remake molto popolare – diciamo patch – del classico nel genere musicale. Storia del lato ovest (1961). L’artigiano Steven Spielberg sognava da tempo un teatro musicale ma non riusciva a trovare un materiale adatto. Allora festeggia un classico! Tuttavia, questo non è privo di rischi. Va detto Storia del lato ovest (***, nei cinema questa settimana) Potrebbe esserci. Spielberg ha ambientato il suo musical di New York a Monotone nel 1957, l’anno in cui è stato creato questo musical di Broadway.

I vecchi quartieri dell’Upper West Side di Manhattan furono demoliti grossolanamente alla fine degli anni ’50 per un progetto di rinnovamento urbano. Rovine o rovine ovunque. Di conseguenza, l’area minaccia di prendere il controllo di due bande di strada in guerra tra loro, i Jets e gli Sharks. I giovani jet irlandesi-americani/polacchi-americani e i loro rivali di squali portoricani. “Non si tratta della pelle, si tratta della terra”, grida qualcuno nel vivo della battaglia perché i poveri bianchi e i poveri bruni/neri vengono comunque cacciati dalle loro case. Fa sì che la violenza della storia di Romeo e Giulietta – qui Maria e Tony – culmini in omicidio colposo e amore-odio, ancora di più.

Maradona

La mano di Dio Van Sorrentino

Creeper, nato e cresciuto a Napoli, Paolo Sorrentino – attualmente numero uno tra i registi italiani – ha avvolto questo odio e amore nel mosaico della sua autobiografia fittizia piena di storie e personaggi colorati. essere Era la mano di Dio / Era la mano di Dio (****, già in sala dal 1 dicembre) Si comincia quando i tifosi del Napoli calcio nel 1984 non potevano credere che girasse voce che Diego Maradona volesse sostituire il Barcellona con la loro “cattiva città”. Ma sta arrivando! Il Napoli si è aggiudicato il titolo italiano. Ma poi l’interesse del protagonista Fabito per Maradona è quasi svanito. Fabito è in realtà lo stesso Sorrentino, anche se il 17enne sembra diabolico quanto il giovane dio del calcio Maradona. In quel momento il ragazzo ha interessi molto diversi. Vuole anche fare film.

READ  Måneskin ha speso un sacco di soldi dopo aver vinto l'Eurovision Song Contest

Il titolo del film si riferisce al gol molto contestato che Maradona segnò con un pugno nei quarti di finale della Coppa del Mondo FIFA 1986! L’Argentina, per così dire, ha vendicato l’Inghilterra capitalista per la sua sconfitta militare nella guerra delle Falkland. Sorrentino & Naples & Maradona è una sorta di trinità in un periodo turbolento che ognuno dei tre eroi stava guardando con sentimenti contrastanti. Sebbene il film sia principalmente un dramma familiare, Questo mix di credenze, superstizione, contrabbando e seduzione ha reso possibile un grande film.

Franco

Madri parallele Van Almodovar

Nel suo primo film politicamente colorato Madri parallele (***, nelle sale dal 1 dicembre) Pedro Almodovar collega con facilità il passato al presente. Janice e Anna rimangono inaspettatamente incinte e danno alla luce una bambina allo stesso tempo. Janice restituisce il nome di sua figlia Cecilia, il nome di sua nonna. Aveva dieci mesi quando suo padre fu preso dai guerriglieri franchisti durante la guerra civile spagnola, giustiziato e gettato in una fossa comune. Janice spera di trovare i resti del suo bisnonno nei prossimi scavi. Quando la sua ormai buona amica Anna è solo preoccupata per quello che le riserverà il futuro, Janice la morde: “Il passato è importante per sapere da che parte stai!

L’odio/amore scioccato del passato divide ancora oggi la Spagna.

mele Cézanne

Le donne e la maternità possono essere i soggetti preferiti di Almodovar, ma con l’eredità della sua amata madre, il pittore francese Paul Cézanne (1839-1906) acquistò uno studio ad Aix-en-Provence nel 1901. I registi Sophie Bruno ci hanno permesso di meravigliarci Cézanne (***, dal 2 dicembre nella stanza) Passeggia per questo studio guardando un intero film in compagnia di molti esperti e parti interessate.

READ  Eerste Arabische Netflix-film leidt tot controverse in Egitto

Di conseguenza, la conoscenza preconfezionata di tutti viene scartata sul post-impressionismo di Cézanne, che ha colmato il divario tra impressionismo e cubismo. Cezanne usò a malapena tre colori e tre forme, la maggior parte delle quali ancora viziate dalle mele, e dipinse 87 volte la vicina Montagne Saint-Victoire. Un uomo, giustamente, osserva guardandosi intorno: “Un pittore non dipinge ciò che vede!”

La formica, l’elefante e il lupo

Insieme a Melanie Laurent, Cyril Dion è andato nel suo precedente documentario Domani Trova soluzioni su piccola scala ai principali problemi del mondo.

L’animale di Van Cyril Dion

in un Animale (***, nei cinema a partire da questa settimana) Viaggiamo per il mondo con la britannica Bella e la francese Vibolan, entrambi sedicenni, fin troppo consapevoli che il loro futuro è in pericolo. Presi tra il cambiamento climatico e la sesta distruzione di massa di specie animali e selvatiche, temono che tra oggi e 50 anni il mondo diventi inabitabile. E Bella decide collettivamente: “Potremmo essere in strada con molto, non cambia nulla!” Nel frattempo, l’Europa destina il 50% di tutti i sussidi alla pesca a un paese come la Spagna che ha un’enorme flotta che pesca fino a 2.000 metri di profondità.

Quando i due vogliono rivolgersi a un eurodeputato nei corridoi, l’uomo scappa velocemente. Il bracconaggio e la deforestazione sono tra i maggiori colpevoli. Cosa sentiamo? Ogni minuto che un camion pieno di rifiuti di plastica viene scaricato nell’oceano, la California può essere una potenza economica, ma tutto intorno è in frantumi e la terra promessa è ora chiamata Costa Rica con un’astuta leadership politica all’angolo. Questo caldo documentario è un appello a vivere in armonia con la natura d’ora in poi. Per questo il duo (in Kenya) insegna l’importanza dell’ecosistema alle formiche – le femmine raccolgono i semi – e all’ape, all’elefante e al lupo. Un pastore francese racconta come tenere un lupo lontano da un gregge di pecore. E che il lupo è indispensabile per l’ecosistema perché l’animale assicura che non ci siano molti cervi in ​​giro perché mangiano piantine e che ora ci sono molte meno zecche sul loro territorio che portano la malattia di Lyme.

READ  Peter van der Furst risponde alle forti dichiarazioni di Anouk | stelle

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24