Fischio continuo, crescente preoccupazione per l’acufene: “Non ho più momenti di quiete”

Un forte fischio o squillo nelle orecchie. Questo si chiama acufene e sempre più giovani vengono in ospedale a causa di questi disturbi. Con l’avvicinarsi dell’Amsterdam Dance Event (ADE), la cosa di cui si discute di più, e secondo l’organizzazione ei medici è un argomento importante: “Dobbiamo creare tutti consapevolezza su questo”.

Timo Lash aveva l’acufene vent’anni fa: “Avevo circa quindici anni. Ho avuto l’acufene dai fuochi d’artificio”. Adesso sa come conviverci, ma non è una cosa piacevole: “Non conosco più i momenti di pace e tranquillità, vorrei sentire di nuovo il vero silenzio”, dice.

Con Timo ronza in entrambe le orecchie, ma i reclami possono variare. “Può essere un fischio, un colpo o un fischio”, afferma l’otorinolaringoiatra dell’OLVG Marjolein van Looij. “L’acufene deriva dall’esposizione a rumori forti e non scompare. È sentire suoni che in realtà non sono presenti”.

Ci sono circa due milioni di persone nei Paesi Bassi che soffrono di acufene. “Non tutti lo sanno e non vanno dal dottore. Quindi non può essere espresso esattamente in numeri”. Van Looij vede sempre più giovani arrivare nel reparto ORL.

“Il suono entra nel tuo orecchio dal timpano”, inizia a spiegare il dottore. Viaggia attraverso il timpano fino a tre ossa che poi trasmettono vibrazioni sonore alla coclea. “Ed è lì che è attaccato. Nella coclea, le vibrazioni vengono trasmesse al cervello per ascoltare il suono. Ma nell’acufene, i capelli che lo causano vengono danneggiati. Di conseguenza, alcuni toni non possono essere trasmessi correttamente e il cervello si riempie.” Si fanno vedere”.

tappi per le orecchie alla cassa

Ha senso, ma vale la pena notare secondo Lassche. È uno degli organizzatori dell’evento di ballo ADE che inizierà la prossima settimana in città: “La gente dovrebbe portare i tappi per le orecchie e metterli, comunque se sono vicino all’altoparlante”. Van Looij ne sottolinea anche l’importanza: “Non esiste una cura, quindi devi prevenirla il più possibile”.

READ  Le galassie si capovolgono e non sentiamo niente

Porta sempre con te dei buoni tappi per le orecchie.

Marjoline van Luig, otorinolaringoiatra

Secondo Van Luig, la sua responsabilità principale è fornire informazioni: “Non possiamo fare altro che fornire informazioni e vendere tappi per le orecchie. Sfortunatamente, questo non può essere fatto gratuitamente, perché ci costa anche denaro”. Porta sempre con te delle buone spine e investi in esse”, afferma Van Luig.

Da 103 a 100 decibel

La maggioranza dei membri della Camera dei Rappresentanti propone di abbassare il livello massimo di rumore attualmente consentito nei Paesi Bassi. In questo momento sono 103 decibel, secondo i quali dovrebbero essere 100. “Tre decibel in meno significano dimezzare il volume”, afferma Van Luig. “Quindi noi medici ORL pensiamo che questa sia una buona idea.”

Senza esitazione. “Penso che sia solo un’astrazione. Le persone vanno a una festa per sentire la musica, non solo per ascoltarla”. E vuoi dare alle persone in fondo la stessa esperienza delle persone in prima fila. Quindi non so se questa sia davvero la cosa giusta da fare. Quello che dovremmo fare è prestare attenzione al problema. Perché alla fine qualcuno deve indossare i propri cappelli”.

💬 Whatsapp noi!
Hai qualche consiglio? O fare una foto o un video sexy? Inviaci le tue notizie 0651190938!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24