Focus russo sull’Ucraina orientale? Gli esperti considerano altri scenari

Sembra una svolta improvvisa della guerra in Ucraina. Ieri la Russia ha definito “completata” la prima fase della battaglia. Secondo loro, le forze armate ucraine sono abbastanza deboli e hanno la capacità di combattere per ciò che vogliono veramente: la conquista della regione orientale del Donbass.

1. Come interpretiamo la lettera russa?

Chiediamo a Laurien Crump, professore associato di storia all’Università di Utrecht. “Sembra essere un segno che i russi stanno cominciando a capire che non riusciranno a occupare tutta l’Ucraina. E che non riusciranno a rovesciare il presidente ucraino Zelensky. Perché hanno già molte truppe a est, dicono. ” Ora siamo concentrati su questo”.

Per inciso, Crump dice che non è che la prima fase della guerra sia stata completata. “Putin ha precedentemente descritto l’invasione dell’Ucraina come una missione di pace. Con la dichiarazione di ieri, sta cercando di convincere il popolo russo che la missione di pace sta avendo successo. In realtà, questo è solo un grande cambiamento di rotta”.

2. Come continuerà la guerra?

“Lo scenario più realistico è che i combattimenti vadano avanti per un po’ e che i russi vedano se riescono a prendere il controllo”, ha detto Crump. “Almeno vogliono conquistare Mariupol e anche Kiev”. Quindi, non è un’area su cui gli stessi russi vogliono concentrarsi ora. Probabilmente non si fermeranno finché non avranno almeno quello che vogliono, quindi hanno un grande trionfo sul tavolo delle trattative.

Ma allo stesso tempo, a Kiev, sono soprattutto gli ucraini a rispondere:

Al tavolo dei negoziati interviene anche Rob de Wijk, fondatore del Centro per gli studi strategici dell’Aia. Collega questo all’idea che la guerra potrebbe finire in poche settimane o mesi. “Entrambe le parti hanno interesse a un accordo di pace. Ci saranno guadagni territoriali sia qua che là, e la situazione è ancora in equilibrio. Ad un certo punto sono stanchi e si raggiungerà un accordo di pace”.

READ  Donald Trump definisce Joe Biden "nemico dello stato" | Attualmente

Tuttavia, secondo Crump, non dovremmo presumere immediatamente un esito positivo al tavolo delle trattative. “Ci sono una serie di richieste che i paesi non vogliono accettare l’uno dall’altro. I negoziati ora sono principalmente sul palco. Putin può mostrare alla Russia che è interessato alla pace, perché sta vendendo l’invasione come una missione di pace, ” Egli ha detto.

3. Quali paesi possono mediare?

In ogni caso, entrambi gli esperti concordano su quale paese non dovrebbe essere, anche se il paese viene spesso menzionato. “È così meraviglioso che così tante persone abbiano riposto le loro speranze nella Cina”, afferma de Wijk. “L’interferenza del presidente cinese Xi Jinping dovrebbe essere un punto davvero basso. Non dovresti dargli una posizione così importante”.

Crump: “Se la Cina chiedesse a Putin di ordinare, questo cambierebbe sicuramente il conflitto. Ma la Cina non lo farebbe. Finora sono stati molto isolati e continueranno a farlo”.

“È probabile che i leader della Turchia o di Israele svolgeranno un ruolo di mediazione”, ha affermato Crump. “Si sono già affermati come mediatori e sono partner credibili sia dell’Ucraina che della Russia. Il presidente ucraino Zelensky, ad esempio, ha già indicato di voler incontrare Putin a Gerusalemme”.

4. Gli stessi russi possono convocare Putin?

“Puoi vedere che ci sono più critiche da parte della stessa Russia”, afferma de Wijk. “Molti giovani istruiti hanno lasciato la Russia. Ci sono anche sempre più giornalisti che sono critici o hanno lasciato i media statali. E ci sono alcuni altri oligarchi che premono per la fine della guerra”.

“Tuttavia, l’impatto è ancora molto limitato. C’è anche un problema con l’oligarchia che, se riescono a rovesciare Putin, cadranno anche loro. Tanti di loro non traggono alcun vantaggio dall’essere critici”.

READ  Almeno 14 persone sono morte e decine sono rimaste ferite in un'esplosione in un edificio residenziale in Bangladesh

Crump ha anche ricevuto crepe dall’interno. “È importante che Putin abbia espulso due persone dal suo entourage. Ma la vera svolta è solo quando i membri delle più alte forze armate non si fidano di Putin e si rivoltano contro di lui. Questo può avere un effetto, ma al momento non è così ancora.”

5. Quali potrebbero essere gli altri punti di svolta?

Secondo Kramp, una cosa è molto chiara: una possibile invasione russa di Mariupol. “Quindi la Russia ha un equilibrio importante per i negoziati. La domanda è cosa farà dopo l’Ucraina. Risponderà alle richieste della Russia perché è sotto pressione o ha più paura di arrendersi?”

Secondo de Wijk, i negoziati possono ancora avere un impatto negativo se richiedono troppo tempo. Putin potrebbe improvvisamente stancarsene e poi usare armi nucleari perché pensa che significherebbe una rapida fine della guerra.

Tuttavia, secondo Crump, l’uso di armi nucleari non è ancora all’ordine del giorno. “La Russia ha recentemente indicato che utilizzerà armi nucleari se si sente minacciata. Non sarà a causa dell’Ucraina, ma se i paesi della NATO intervengono. E sembra che, a loro volta, stiano facendo del loro meglio per uscire dal conflitto. Anche se la guerra ha anche dimostrato che non dovrebbero mai escludere nulla del tutto”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24